Cosa vedere nel sestiere Santa Croce di Venezia: l’itinerario

Cosa vedere nel sestiere Santa Croce di Venezia. Un itinerario a piedi per scoprire questa zona meno nota della città tra arte e storia. 

Divisore tag

Il sestiere Santa Croce di Venezia si attraversa spesso di fretta mentre si cerca di uscire dal labirinto di calli e campi che porta a Piazza San Marco.

Vista da Ponte degli Scalzi

Se da una parte si mescola ai vicini sestieri di San Polo e Dorsoduro, dall’altra è bagnato dal famoso Canal Grande e su di lui si affacciano splendidi palazzi, come il Belloni Battagia o Ca’ Corner della Regina, ed eleganti alberghi veneziani con entrate da favola.

A proposito, vi consiglio di dare un’occhiata ai soggiorni di Weekendesk se siete alla ricerca di un’esperienza romantica, di benessere o enogastronomica (solo per fare qualche esempio) da vivere in città. Sul sito potete trovare molte idee per trascorrere un piacevole fine settimana in laguna. Alcune sono proprio legate agli hotel di questo sestiere.

Ca' Nigra Lagoon Resort

La storia del sestiere Santa Croce

L’area prende il nome dall’antica chiesa di Santa Croce, che si affacciava sul Canal Grande e pare sia stata fondata addirittura nel Sesto secolo.

Era intitolata a una reliquia conservata tra le sue mura e che, nel 1830, fu trasferita nella chiesa di San Pantalon nel sestiere Dorsoduro: un chiodo della croce di Gesù.


 Leggi anche: Mini guida ai sestieri di Venezia: le informazioni utili


Rio de la Cazzuola e de Ca' Rizzi

Sia il luogo di culto che il vicino convento, però, furono distrutti nell’Ottocento e oggi al loro posto sorgono i giardini Papadopoli e alcuni edifici più moderni che hanno inglobato nelle loro pareti ciò che rimaneva di quelli religiosi.

Giardini Papadopoli

Cosa vedere nel sestiere Santa Croce

Anche se è il più piccolo dei sestieri di Venezia, nasconde ugualmente delle chicche e delle collezioni che sono veri e propri tesori e che meritano di essere scoperti. Se arrivate in treno, vi basterà attraversare il Ponte degli Scalzi o il Ponte della Costituzione per farlo.

Vista da Ponte degli Scalzi

Ecco quindi cosa vedere nel sestiere Santa Croce di Venezia. Vi porto a fare un viaggio tra le calli di questa zona spesso di passaggio, ma alla quale consiglio di dedicare un po’ di attenzione in più.

Una delle calli di Santa Croce

La Chiesa del nome di Gesù

La chiesa del nome di Gesù è una delle poche di Venezia che non si possono scoprire per caso. Essendo al limite del sestiere di Santa Croce e lontano dai tradizionali itinerari turistici, infatti, viene spesso ignorata.

Chiesa del Nome di Gesù

L’edificio ottocentesco non è molto grande e sia l’interno che l’esterno sono abbastanza semplici. Sopra l’altare, però, c’è una splendida volta a botte che, secondo me, merita da sola una visita.

Informazioni: purtroppo non sono riuscita a recuperare gli orari della chiesa, io l’ho trovata aperta dopo pranzo. Si trova in Fondamenta Santa Chiara.

Chiesa del Nome di Gesù

La Chiesa di San Simeon Piccolo

La Chiesa di San Simeon Piccolo è la prima che vedete se uscite dalla stazione ferroviaria di Santa Lucia. In realtà, nonostante il nome, questo edificio ha dimensioni maggiori rispetto a quello di San Simeone Grande (conosciuto anche come San Simeon Profeta), perché fu ampliato nel Settecento.

Chiesa di San Simeone Piccolo e Santa Croce

La chiesa, di pianta circolare, colpisce molto più dall’esterno, perché l’interno è abbastanza semplice e sobrio. Nonostante questo, però, merita una visita, perché nasconde un piccolo tesoro: l’antica cripta.

Chiesa di San Simeone Piccolo

Questo spazio sotterraneo è scarsamente illuminato e per questo vi sarà data una candela prima di entrare. Lì sotto troverete un ambiente molto suggestivo, con muri affrescati con scene che raffigurano la Via Crucis e l’Antico Testamento.

La cosa interessante è che è in parte inesplorato, perché otto delle ventuno cappelle sono murate da secoli. Sicuramente è un’esperienza insolita da fare a Venezia e nel sestiere di Santa Croce, ve la consiglio.

Informazioni: la chiesa dovrebbe essere aperta dalle 9.00 alle 19.30, ma gli orari possono variare. L’ingresso è gratuito, per accedere alla cripta si pagano 2€.

Cripta della chiesa di San Simeon Piccolo

La Chiesa di San Simeone Profeta

La chiesa di San Simeone Profeta (o San Simeone Grande) è un piccolo edificio racchiuso tra case e palazzi e la prima struttura, all’epoca in paglia e legno, risale al 967.

L’edificio in pietra fu costruito nel 1150, ma subì numerosissime modifiche nel corso dei secoli, soprattutto nell’Ottocento, quando fu creata una nuova facciata.

Chiesa di San Simeone Profeta

Nonostante le dimensioni, questa chiesa custodisce due quadri importanti: La Presentazione al Tempio di Jacopo Palma il Giovane e L’ultima cena di Tintoretto. Il primo si trova a destra dell’entrata, il secondo a sinistra ed è un vero capolavoro. È sorprendente entrare in una chiesa così piccola, che spesso passa inosservata, e trovare opere di questo calibro.

Informazioniall’interno non è possibile fare fotografie, ma l’ingresso è gratuito.

Chiesa di San Simeone Profeta

Campo di San Giacomo dall’Orio

Questo campo prende il nome dalla chiesa omonima, quella di San Giacomo dall’Orio, fondata nel nono secolo, ma ricostruita nella prima metà del 1200, e per secoli luogo di partenza veneziano del Cammino di Santiago.

Campo San Giacomo dell'Orio

Anche se alcune iscrizioni sulla facciata riportavano come data di costruzione il 555, in realtà fu eretta nel 976. L’incongruenza nacque dal fatto che all’epoca era in vigore un calendario speciale nella Repubblica di Venezia (oggi segnalato come “more veneto“). Nonostante questo rimane ugualmente una delle chiese più antiche della città.

Chiesa di San Giacomo dall'Orio

L’interno è un mix di stili e periodi e conserva alcuni preziosi dipinti di Jacopo Palma il Giovane, Lorenzo Lotto e Paolo Veronese.

La chiesa, secondo me, è una delle più belle che si possano visitare a Santa Croce e, una volta entrati, vi consiglio di alzare gli occhi prima verso il soffitto in legno, creato come se fosse l’interno di una barca, poi verso la cupola della cappella destra di fianco all’altare: c’è un affresco davvero splendido.

Informazioni: la chiesa è aperta a pagamento dalle 10.30 alle 16.30 e l’ingresso costa 3€ a tariffa intera e 1,50€ a tariffa ridotta. Se riuscite a passare di lì prima delle dieci e mezza potreste trovarla aperta gratuitamente. All’interno non si possono scattare fotografie.

Campo San Giacomo dell'Orio

La Chiesa di San Zan Degolà

La chiesa di San Giovanni Battista Decollato è nota con il nome di San Zan Degolà ed è un semplice edificio in mattoni rossi costruito nell’Undicesimo secolo che oggi ospita la sede della comunità cristiana ortossa russa.

Campo San Zan Degolà

Deve il suo nome a una reliquia, ritenuta il dito di San Giovanni Battista, donata alla chiesa da un cavaliere boemo che, di ritorno dalla Terra Santa, fu accolto malato e ricoverato in un’abitazione non distante.

Anche se le decorazioni sulle pareti sono minime, all’interno sono conservati quelli che sono ritenuti tra i più antichi affreschi veneziani e raffigurano San Giovanni, San Pietro, San Tommaso, San Marco e San’Elena.

Chiesa di San Zan Degolà

È una tappa interessante per vedere un luogo di culto un po’ diverso dal solito e alla chiesa è legato anche uno dei misteri del sestiere di Santa Croce.

Informazioni: è aperta dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 12.00.


 Leggi anche: Storie e leggende del sestiere Santa Croce di Venezia


San Zan Degolà

Il Fondaco dei Turchi e il Museo di Storia Naturale

Il Fondaco dei Turchi era uno degli antichi magazzini e alloggi della città, esattamente come il Fondaco dei Tedeschi e il Fondaco del Meglio (“del miglio”), che risale al Tredicesimo secolo e si trova al suo fianco.


 Leggi anche: Il Fondaco dei Tedeschi e Venezia dall’alto


Museo di Storia Naturale visto da Cannaregio

L’edificio risale alla prima metà del 1200 e nel corso dei secoli ha cambiato un numero incredibile di proprietari finché, nel Seicento, fu affidato ai mercanti turchi che abitavano o transitavano da Venezia.

Dopo il blocco del commercio con l’Oriente a causa della Guerra di Candia, l’edificio cadde in rovina, ma nel 1860 la città lo acquistò per creare un museo. L’idea, dopo anni di lavori, si concretizzò nel 1932 con l’apertura del Museo di Storia Naturale.

Museo di Storia Naturale

Oggi il museo conserva al suo interno alcuni pezzi di importanza nazionale, ma ve ne ho parlato in un altro post, quindi non mi dilungherò troppo qui.


 Leggi anche: Il Museo di Storia Naturale di Venezia: una visita per tornare bambini


Informazioni: il museo è aperto dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 18.00, con ultimo ingresso alle 17.00. Il biglietto costa 8€, ma se avete un Museum Pass l’entrata è gratuita.

Museo di Storia Naturale

Il Museo di Palazzo Mocenigo

Palazzo Mocenigo è un edificio rinascimentale nascosto in una calle del sestiere di Santa Croce e fu abitato dalla famiglia che gli dà il nome fino all’inizio del Ventesimo secolo.

Palazzo Mocenigo

Dal 1945, anno nel quale fu lasciato in eredità al comune dall’ultimo discendente dei Mocenigo, ospita all’interno delle sue splendide sale il Museo del Costume e del Tessuto.

Sia per le collezioni che per le stanze nelle quali sono esposte, una visita vi permetterà di vedere da vicino uno spaccato più intimo della vita nelle eleganti dimore veneziane e di seguire un breve percorso dedicato al profumo. Potrete conoscere la sua storia, annusare alcune spezie e aromi e ammirare antichi strumenti.

Palazzo Mocenigo

Informazioni: il museo è aperto dalle 10.00 alle 17.00 (ultimo ingresso mezz’ora prima, chiude alle 16.00 dal 1 novembre al 31 marzo). Il biglietto d’ingresso costa 5€ a tariffa intera e 3,50€ a tariffa ridotta (2€ in più in caso di esposizioni temporanee). Per i possessori di Museum Pass è gratuito.

Palazzo Mocenigo

La Chiesa di San Stae

La chiesa di San Stae (chiesa di Sant’Eustachio e Compagni Martiri) è uno splendido edificio riedificato all’inizio del Settecento per volere del doge Alvise II Mocenigo, oggi sepolto al suo interno. Colpisce soprattutto per la sua imponente facciata, una delle protagoniste di questa parte del Canal Grande.

Chiesa di San Stae

All’esterno, ad accogliere fedeli e visitatori, ci sono le statue e i bassorilievi che decorano il timpano e le nicchie e, una volta entrati, il mix di Barocco e Neoclassico continua anche all’interno.

Qui ci sono alcuni tesori come il dipinto del Martirio di San Bartolomeo di Giambattista Tiepolo e quello di San Pietro liberato dal carcere di Sebastiano Ricci, entrambi sulla parete sinistra.

Informazioni: la chiesa è aperta dalle 13.45 alle 16.30 e solo per visite guidate a pagamento. L’ingresso prevedere un biglietto di 3€ a tariffa intera e 1,50€ a tariffa ridotta. Non è possibile fare fotografie.

Chiesa di San Stae

Ca’ Pesaro

Ca’ Pesaro è uno dei palazzi più imponenti di Santa Croce che si affacciano sul Canal Grande e fu costruito tra il Seicento e il Settecento. Quando la sua ultima proprietaria, la duchessa Felicita Bevilacqua La Masa, morì, il palazzo diventò sede museale.

Oggi al suo interno sono conservate le collezioni della Galleria internazionale d’arte moderna, il Museo d’arte orientale di Venezia e, spesso, mostre temporanee.

Ca' Pesaro vista da Cannaregio

La Galleria internazionale d’arte moderna, istituita nel 1902, occupa il primo piano e conserva al suo interno opere di Klimt, Chagall, Kandinsky, Klee, Matisse e De Chirico, solo per citarne alcuni.

Alcune sale hanno dei soffitti che sono loro stessi delle vere e proprie opere d’arte, fateci caso.

Galleria d'arte moderna e contemporanea, Ca' Pesaro

Il Museo d’arte orientale, invece, è composto principalmente dagli oggetti raccolti dal principe Enrico di Borbone e si trova al terzo piano. La collezione è una delle più importanti del periodo Edo giapponese (1603-1868) presenti in Europa e pare che una delle armature dei samurai abbia portato tra le mura del palazzo un fantasma.

Museo di Arte Orientale, Ca' Pesaro

Informazioni: il museo è visitabile dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 18.00 (ultimo ingresso alle 17.00) e il biglietto costa 14,00€ a tariffa intera e 11,50€ a tariffa ridotta. I possessori del Museum Pass entrano gratuitamente.

Vista da Ca' Pesaro

Avete mai visitato il sestiere Santa Croce di Venezia? Consigliate altre luoghi? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

Il sestiere si divide in due parti: il Tronchetto, l’isola artificiale polo dei trasporti stradali e marittimi, e la vera e propria zona urbana. Se si considerasse solo quest’ultima, Santa Croce sarebbe il più piccolo della città.

In quest’area ci sono anche la Chiesa di San Nicola da Tolentino, che purtroppo io ho sempre trovato chiusa, e quella di Sant’Andrea della Zirada, aperta solo in occasioni ed eventi speciali. Per questo non le ho inserite nell’itinerario.

Le immagini sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti di affiliazione che vi permetteranno di vedere i prodotti citati su Amazon. Se decidete di acquistare uno o più oggetti, utilizzando direttamente questi link contribuirete senza costi aggiuntivi a supportare questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤


Ti piacciono i miei contenuti? Puoi trovare nuovi post, codici sconto e anteprime tutti in una sola mail! Iscriviti ❤

Cliccando su "Iscriviti" accetti automaticamente alla raccolta dei dati da te forniti. Questi dati verranno utilizzati nel più completo rispetto della privacy. Qui maggiori informazioni

Condividi questo viaggio

Venezia

Potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *