Curiosità su Venezia: le cose che forse non sapevate

Curiosità su Venezia: le cose che forse non sapevate su di lei. Chicche e dettagli per arricchire il vostro viaggio nella città lagunare.

Divisore tag

Venezia è una città ricca di dettagli, di angoli con storie da raccontare e con un passato affascinante. Impossibile fare un passo senza incontrare uno scorcio particolare, un oggetto o una scritta in grado di richiamare l’attenzione.


 Leggi anche: Mini guida ai sestieri di Venezia: le informazioni utili


Fondamenta San Felice

Curiosità su Venezia

Se alcune particolarità sono visibili, sparse per la città tra muri e calli, altre sono solo storie che scivolano tra i canali, di bocca in bocca o di libro in libro.

In questo post ho raccolto le une e le altre: ecco alcune curiosità su Venezia che forse non sapevate.

Cannaregio

Perché Venezia era chiamata la “Serenissima”

Esistono diverse scuole di pensiero sull’argomento e una di queste si rifà a un’antica divinità, la dea Reitia, venerata dai Veneti e dai Paflagoni, i loro antenati. Reitia, infatti, era nota anche come la “splendida” o la “serenissima” e da qui l’appellativo.

Non solo, Reitia, secondo quelle popolazioni, era anche uno dei nomi del pianeta Venere, dal quale pare derivare il nome attuale dell’intera regione, nonché quello della stessa Venezia.

Vista da Ponte degli Scalzi

Venezia aveva un calendario tutto suo

Prima dell’introduzione del calendario gregoriano, il 4 ottobre 1582, in Veneto, a Venezia e, di conseguenza, in tutti i territori della Serenissima i mesi si contavano in modo diverso.

Proprio come nel calendario di Romolo, che veniva utilizzato nell’antica Roma prima che entrasse in vigore quello giuliano, anche in Veneto il primo mese dell’anno era marzo: inizio della primavera e simbolo di rinascita.

A livello linguistico, questo spiega anche perché settembre, ottobre, novembre e dicembre si chiamano in questo modo: sono rispettivamente il settimo, l’ottavo, il nono e il decimo mese a partire dal primo giorno dell’anno. Non solo, febbraio sarebbe il più corto proprio perché, inizialmente, era l’ultimo dell’anno.

Il calendario gregoriano stravolse le usanze venete e per evitare troppi problemi, nei documenti ufficiali, la Repubblica decise di continuare a utilizzare il calendario veneto, ma scrivendo a lato di ogni data le lettere “m.v.”, ossia mòre veneto, “alla maniera veneta”.

Basilica di Santa Maria della Salute e Riva degli Schiavoni viste da Ponte della Paglia

Il Leone Marciano direbbe molto più di quello che sembra

Il leone alato di San Marco, o Leone Marciano, è il simbolo di Venezia e del Veneto. Viene raffigurato quasi sempre con una zampa posta su un libro (il Vangelo) ed è proprio il libro a essere, secondo la tradizione, la chiave per decifrare molti dei leoni sparsi per la città e per tutto il Veneto.

Se il Vangelo è aperto, significa che quel leone è stato scolpito o disegnato quando i territori della Serenissima erano in pace, se, invece, è rappresentato chiuso, significa che la Repubblica era in guerra.

Non solo, secondo alcuni, se il leone si trova in un’altra città il libro assume un altro significato: aperto per i comuni obbligati a pagare le tasse a Venezia, chiuso per i comuni che, invece, non erano tenuti a farlo, magari per meriti di guerra.

In realtà non ci sono fonti certe e tutte queste affermazioni paiono far parte più della tradizione che della storia veneziana, ma la simbologia che ruota intorno al Leone Marciano è ugualmente affascinante.

Scala dei Giganti: curiosità su Venezia

Venezia fu la prima città italiana a bere caffè

In Italia ci sono alcune città famosissime per il proprio caffè, come Napoli o Trieste, ma fu Venezia la prima città italiana a scoprirlo e la prima nella quale arrivò.

Era il 1570 e il merito è di Prospero Alpini, medico del console Giorgio Emo, che lo scoprì in Egitto quando il politico era impegnato lì per conto della Repubblica. Il dottore fu il primo italiano a raffigurare la pianta su una tavola botanica e studiare i benefici dei suoi chicchi, che dopo essere stati tostati regalavano una bevanda nera e “di sapore simile alla cicoria”.

Più di un secolo dopo, nel 1683, le cose cambiarono e in Piazza San Marco aprì la primabottega del caffè“. Nel 1720, invece, nacque il Caffè Florian: una vera e propria istituzione in città, un caffè storico che è ancora attivo.

Café Florian: curiosità su Venezia

I vaporetti

A Venezia non esistono molti modi per muoversi e spostarsi: si può andare a piedi o si può andare in barca. Esistono tanti tipi diversi di imbarcazione e, dopo la gondola, il più tipico è senza dubbio il vaporetto.

I vaporetti sono “bus d’acqua”, delle barche che, proprio come gli autobus nelle altre città, trasportano ogni giorno centinaia di persone da una parte all’altra di Venezia: hanno le loro fermate (galleggianti), i loro orari e i loro biglietti.

Il nome deriva dal fatto che un tempo funzionavano a vapore, ma, anche se oggi non è più così, guai a chiamarli in altro modo! Se visitate Venezia, quindi, fate attenzione a usare il nome corretto.

Canal Grande da Ponte degli Scalzi

Venezia fu la prima città italiana ad avere le guide turistiche

Venezia è da sempre un luogo ricco di persone provenienti da ogni parte del mondo. Già nel Medioevo migliaia di viaggiatori arrivavano qui dagli altri paesi del Mediterraneo o dall’Oriente per ragioni commerciali o religiose, perché non solo la città lagunare era ricca di reliquie da venerare, ma era anche il principale porto dal quale partivano le navi dirette in Terrasanta.

I pellegrini spesso si trattenevano a Venezia per qualche giorno e la loro sosta era gestita dai Tolomazi, un gruppo di antichi “assistenti turistici” che si prendevano cura di loro e li aiutavano a trovare un alloggio, a scegliere la nave sulla quale imbarcarsi o li accompagnavano in giro per la città.

Il gruppo era stato istituito anche per ragioni d’immagine: secondo la Repubblica, infatti, era importante che i viaggiatori avessero un’opinione positiva sulla città, conservando un ricordo piacevole del loro soggiorno e favorendo così il passaparola.

San Marco visto da Dorsoduro: curiosità su Venezia

Venezia e gli esecutori contro la bestemmia

Camminando per le calli di Venezia potete vedere, soprattutto vicino alle chiese, delle lapidi davvero particolari: quelle degli Esecutori contro le bestemmie.

Iniziarono a comparire nel 1537, quando la Repubblica istituì una magistratura per contrastare appositamente la profanazione e le bestemmie, apparentemente molto comuni in città.


«Due cose erano in Venezia molto difficili da disfare: la bestemmia usata da ogni grado di persone e li vestimenti alla francese»

Lorenzo Priuli, Diario (1512)

Oggi le lapidi degli esecutori ancora visibili sono circa una decina. Si possono trovare sulla chiesa di San Polo, su quella di San Giacomo dell’Orio, di Sant’Andrea de la Zirada o di Santo Stefano.

Esecutori delle Bestemmie in Campo San Polo: curiosità su Venezia

La “prima” carrellata della storia del cinema

Era il 25 ottobre 1896 e a Venezia Jean Alexandre Louis Promio, regista e fotografo francese, credeva di realizzare la prima carrellata della storia del cinema, ossia una registrazione con la cinepresa in movimento.

In realtà, appena qualche giorno prima, il regista Constant Girel aveva fatto lo stesso a Costanza, sul fiume Reno, togliendogli il primato, ma Promio lo scoprì solo più tardi.

Il video del regista francese riprendeva il Canal Grande e la sua quotidianità e il film debuttò a Lione il 13 dicembre 1897 con il titolo Panorama du Grand Canal pris d’un bateau.


 Leggi anche: Film ambientati a Venezia: 10 pellicole da guardare o riguardare


Le tradizioni legate ai regali

Anche se oggi non è più così, a Venezia un tempo c’erano delle tradizioni legate ai regali da fare, ognuna dedicata a una ricorrenza particolare.

A Natale si regalava un vaso di mostarda e del mandorlato e a Pasqua due bottiglie di vino, rigorosamente di Cipro, e una focaccia. Non solo, per San Martino (11 novembre) delle castagne, per il 2 novembre le “fave dei morti”, delle palline dolci tipiche della tradizione veneta, e in occasione di San Marco (25 aprile) un bocciolo rosso alle fidanzate. Quest’ultimo deriva da una tradizione secolare che vi ho raccontato nel post dedicato alle leggende di Venezia.

Se da una parte c’erano i regali da fare, dall’altra c’erano quelli sconsigliati: i pettini, considerati oggetti delle streghe, immagini sacre, perché portavano sofferenza, forbici, simbolo di maldicenza, e aghi, anch’essi simboli di sofferenza.


 Leggi anche: Leggende di Venezia: storie e racconti della città lagunare


Palazzo Ducale: curiosità su Venezia

Conoscete altre curiosità su Venezia? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

Le immagini sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.

Se state cercando un alloggio a Venezia, vi consiglio di dare un’occhiata alle offerte su Booking*.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Condividi questo viaggio

Venezia

Potrebbero interessarti:

2 Comments

  1. 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *