Politica di trasparenza

Su questa pagina l’utente può trovare informazioni su come sono gestiti i seguenti aspetti:

  • Pubblicità sul blog e sui social network
  • Post sponsorizzati sul blog
  • Post sponsorizzati sui social network
  • Link di affiliazione
  • Prodotti ed esperienze offerti

Pubblicità sul blog e sui social network

Ogni rapporto lavorativo, che sia basato sulla retribuzione, sull’offerta di un servizio o su un prodotto inviato gratuitamente da parte dell’azienda al blogger/influencer, deve essere segnalato per legge.

Come scritto sul sito dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, il divieto di pubblicità occulta ha portata generale e deve essere applicato anche

“alle comunicazioni diffuse tramite i social network, non potendo gli influencer lasciar credere di agire in modo spontaneo e disinteressato se, in realtà, stanno promuovendo un brand […].
L’Autorità ha pertanto individuato criteri generali di comportamento e ha chiesto di rendere chiaramente riconoscibile la finalità promozionale, ove sussistente, in relazione a tutti i contenuti diffusi mediante social media, attraverso l’inserimento di avvertenze, quali, a titolo esemplificativo e alternativo, #pubblicità, #sponsorizzato, #advertising, #inserzioneapagamento, o, nel caso di fornitura del bene ancorché a titolo gratuito, #prodottofornitoda; diciture alle quali far sempre seguire il nome del marchio”.

Potete leggere il testo completo sul sito dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.
L’intero Decreto Legislativo 2 agosto 2007, n. 145 relativo alla pubblicità, invece, può essere trovato sul sito del Parlamento

Art. 5.
Trasparenza della pubblicità

1. La pubblicità deve essere chiaramente riconoscibile come tale. La pubblicità a mezzo di stampa deve essere distinguibile dalle altre forme di comunicazione al pubblico, con modalità grafiche di evidente percezione.

[…]

3. È vietata ogni forma di pubblicità subliminale.

Su questo blog sono presenti diverse forme di pubblicità suddivise e riconoscibili come segue.

Post sponsorizzati sul blog

Un post sponsorizzato è un articolo pubblicato sul blog che è stato retribuito da un’azienda o da un privato. Tale rapporto lavorativo deve essere per legge riconoscibile come tale. Un post sponsorizzato, su questo blog, può essere di due tipi.

Post supportato da un’azienda partner

Il post era già previsto dal piano editoriale o è stato creato su misura, ma non punta a promuovere esclusivamente l’azienda e i servizi offerti. L’articolo vuole essere di carattere informativo o personale, ma non si concentra su servizi di terzi. Il rapporto lavorativo è limitato all’inserimento di un link all’interno del testo e non influisce sul carattere generale del contenuto.

Questa tipologia di post è segnalata alla fine dell’articolo con la dicitura “questo post è stato sostenuto da un’azienda partner” o con “In questo articolo sono presenti contenuti prodotti in collaborazione con aziende del settore”.

Post in collaborazione con un’azienda partner

Il post era non era previsto dal calendario editoriale ed è stato creato su misura per promuovere l’azienda o i servizi offerti. L’articolo si concentra esclusivamente o quasi esclusivamente su servizi di terzi. Per scelta, ogni servizio promosso è stato testato e approvato in prima persona prima di essere condiviso con i lettori.

Questa tipologia di post è segnalata alla fine dell’articolo con la dicitura “questo post è frutto di una collaborazione” o “questo post è stato interamente sponsorizzato da un’azienda del settore”. 

Post sponsorizzati sui social network

Un post sponsorizzato su un social network è un contenuto pubblicato su un profilo e che è stato retribuito da un’azienda o da un privato. Come per il blog, tale rapporto lavorativo deve essere per legge riconoscibile come tale. Nel caso dei social network, nei quali è possibile utilizzare gli hashtag, un post sponsorizzato può essere segnalato attraverso #ad, #adv #incollaborazionecon, oltre che con diciture tradizionali come “contenuto sponsorizzato da…”.

Ogni blogger/influencer ha la possibilità di scegliere l’hashtag o la dicitura che preferisce, ma deve inserirla per legge e deve essere riconoscibile dall’utente. Può essere differente di volta in volta. 

Link di affiliazione

Un link di affiliazione è un particolare link contenente un codice di tracciamento che rimanda a una pagina web esterna al blog.
Tale tracciamento prevede, nel caso in cui l’utente faccia un acquisto o effettui una prenotazione sul sito esterno, di riconoscere al blog una percentuale sull’importo guadagnato. È il caso di link di affiliazione a siti come Amazon o Booking. Per l’utente non sono previsti costi aggiuntivi, ma utilizzando questi link il lettore ha la possibilità di supportare economicamente il blog sul quale ha trovato i contenuti e le informazioni in forma totalmente gratuita. 

I link di affiliazione sono considerati pubblicità in quanto si promuove un sito esterno sul quale si consiglia di effettuare acquisti e prenotazioni. Pertanto, anche questi link vanno segnalati al lettore.

Su questo blog i link di affiliazione sono contrassegnati con un asterisco. Per maggiori informazioni sul tracciamento di tali link dal punto di vista della privacy, consiglio di leggere la Privacy Policy del blog.

Prodotti ed esperienze offerte

Può capitare che aziende o privati offrano gratuitamente esperienze o prodotti al blog. Nel caso in cui il blogger decida di condividere un contenuto nel quale si menziona l’oggetto o l’esperienza, ha l’obbligo di specificare che il servizio, l’esperienza o il prodotto sono stati ricevuti (o testati) gratuitamente. 

Su questo blog la persona o l’azienda che ha fornito gratuitamente servizi o prodotti viene menzionata alla fine del post nella sezione “Informazioni” attraverso un ringraziamento esplicito, per esempio “Ringrazio … per avermi inviato/fatto provare gratuitamente …”. Nei social network collegati vengono utilizzati l’hashtag o la dicitura “prodotto/servizio offerto da…”. 

error: Per questioni di copyright non è possibile copiare questo contenuto