Un weekend in Toscana: da Vinci alla Garfagnana

Un weekend in Toscana tra le provincie di Firenze, Lucca e Pisa. Tre giorni on the road per scoprire questa zona d’Italia da Vinci alla Gargagnana.

Divisore tag

Adoro partire in primavera. Fare le valige in questo periodo dell’anno significa staccare davvero la spina per un po’, ricaricarsi dopo che il cambio stagione ti ha steso a terra e ti ha messo un cuscino sotto la guancia.

Vinci

Il tempo è spesso più ballerino, ma non per questo la cosa mi innervosisce, perché, si sa, la primavera fa spesso i capricci e ormai ci siamo abituati. O almeno io lo sono.

Vinci

Questa primavera per me è iniziata davvero solo una volta arrivata in Toscana, una regione che già avevo avuto il piacere di incontrare. Quest’anno però ho esplorato Lucca e qualche angolo della sua provincia, dal mare ai pendii, passando per Pisa e altri piccoli punti sulla mappa.

Ecco l’itinerario tappa per tappa del mio weekend in Toscana.

Vinci

Vinci

Arrivando da Verona, grazie alla massima libertà data dall’avere un’auto con la quale spostarsi, la prima tappa è stata Vinci.Si trova in provincia di Firenze e qui, nel 1452, nacque il grande Leonardo.

Vinci

Oggi è possibile visitare la sua casa natale immersa tra le colline toscane, all’ombra di centinaia di ulivi e circondata da piante di rosmarino profumatissimo. Si tratta di un luogo semplicissimo: un paio di stanze, un video di circa venti minuti e poco altro, tanto che mi ha colpito più il paesaggio dell’abitazione.

Vinci, casa natale di Leonardo

Montecarlo

Proseguendo lungo la Strada dell’Olio e del Vino mi sono ritrovata a Montecarlo, un paesino di meno di cinquemila abitanti in provincia di Lucca. È un luogo adorabile, chiuso tra mura medievali e arroccato sulla cima di una collina.

Montecarlo

Qui ho assaggiato i tordelli alla lucchese, il castagnaccio e ho mangiato un gelato alla cannella tra i più buoni che abbia mai assaggiato. Ci ho trascorso giusto il tempo della pausa pranzo (e del dolce), ma ho adorato la sua via centrale, raccolta e piena di voci di un sabato di primavera.

Lucca

Da Montecarlo a Lucca, che si è trasformata nella tappa principale del viaggio. Ho dormito non lontano dalla città e la domenica di Pasqua l’ho esplorata passeggiando lungo le mura, scendendo tra le vie e salendo fin sulla cima di due delle sue torri, come piace a me.


 Leggi anche: Cosa vedere a Lucca in un giorno: città delle cento chiese


Lucca

Pisa

Pisa invece non mi è piaciuta molto, forse non l’ho capita o magari non fa per me. Spero di tornarci per cambiare idea, per scoprirla un po’ più a fondo e vedere tutto quello che non ho visto.

Pisa

Il mare

Per questo sono scappata verso il mare, in cerca di un po’ di tranquillità. Prima ho raggiunto Marina di Pisa per vedere i retoni, le strutture allungate sull’acqua che servono per pescare, e poi Viareggio, dove ho cenato.

Marina di Pisa
Viareggio

La Garfagnana

L’ultimo giorno, sulla strada del ritorno, ho esplorato la Garfagnana in una giornata di pioggia. Il Ponte della Maddalena, chiamato anche Ponte del Diavolo, a Borgo a Mozzano, e Castiglione di Garfagnana, uno dei borghi più belli d’Italia.


 Leggi anche: Castiglione di Garfagnana, visita al borgo medievale


Ponte del Diavolo, Borgo a Mozzano
Castiglione di Garfagnana

Questo breve viaggio, un po’ baciato dal sole e un po’ bagnato dalla pioggia, mi ha permesso di scoprire in totale libertà una zona della Toscana che non conoscevo, di realizzare un piccolo sogno italiano, vedere la Torre pendente. Soprattutto, mi sono fatta un’idea tutta mia su due città delle quali avevo tanto sentito parlare: Lucca e Pisa.

Che poi è proprio questo il bello dei viaggi: parti con le orecchie piene di storie raccontate e torni con la mente piena di storie da raccontare.

Castiglione di Garfagnana

Dove dormire nelle vicinanze


Dove dormire a LuccaDurante il mio breve viaggio ho soggiornato a Lucca a Villa Pardi*, un B&B nella campagna lucchese realizzato all’interno di un’antica dimora toscana.

Le camere sono semplici, ma eleganti, arredate secondo uno stile classico. Lo staff è gentile e amichevole e la colazione propone sia prodotti freschi che confezionati. Mi sento di consigliarlo.


Cosa ne pensate del mio weekend in Toscana? Ci sono delle tappe che avreste inserito in queste zone? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag
Informazioni

Il mio weekend in Toscana ha toccato Vinci (FI), Montecarlo (LU), Nozzano Castello, Lucca, Pisa, Marina di Pisa, Viareggio, Borgo a Mozzano e Castiglione di Garfagnana.

Le immagini sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

4 Comments

  1. 1

    Che bel giretto che ti sei fatta!! I a Pisa non ci son ancora stata, voglio andarci per farmi una mia opinione, dato che non sei la prima persona che sento che non l’ha apprezzata molto.
    Aspetto il post su Lucca, dato che mi ispira molto e spero di aver modo di visitarla presto!!

  2. 3
    • 4

      Ciao Marco 🙂
      La Toscana è piena di paesi splendidi, ci vorrebbe un mese (anche di più) per esplorarla tutta! 🙂
      Ammetto che per Pisa ci sono un po’ rimasta male, sono partita senza aspettative eppure… :/
      Se mai seguirai questo percorso fammelo sapere! 😉
      A presto 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *