Il sito archeologico di Filitosa, antica capitale della Corsica

Vi accompagno in visita al sito archeologico di Filitosa per scoprire la capitale preistorica della Corsica. Antichi menhir, statue e capanne dei primi abitanti dell’isola.

Divisore tag

Il sito archeologico di Filitosa è ciò che rimane della capitale preistorica della Corsica, l’antenata di Ajaccio. È un luogo misterioso, ricco di storia e di tracce di una cultura millenaria.


 Leggi anche: Ajaccio: due passi per le vie della Cittadella Genovese


Filitosa

Durante il mio viaggio in Corsica ho scoperto altri siti archeologici, come la città di Aleria o la piana di Cauria, delle quali spero di parlarvi presto, ma quello di Filitosa è il più importante sia dal punto di vista storico che dal punto di vista culturale.


 Leggi anche: Viaggio in Corsica: cinque giorni per scoprire l’isola


Il sito archeologico di Filitosa

Venne scoperto solo nel 1946 dal proprietario del terreno, il signor Charles-Antoine Cesari, che notò per caso alcune statue menhir distese ai piedi del colle di Filitosa. Da quel momento iniziarono gli studi e gli scavi che riportarono alla luce l’antica capitale.

Filitosa

I primi segni della presenza umana in Corsica sembrano risalire al 7000 a.C., quelli ritrovati nell’area di Filitosa sono stati datati invece al 6000 a.C., nel Neolitico antico. Nel corso dei secoli il sito subì continue modifiche e ampliamenti, segno della sempre maggiore vivacità del luogo.


 Leggi anche: 6 spiagge da vedere (e vivere) in Corsica del Sud


Filitosa

Grazie ad un libricino dato all’ingresso è possibile scoprire tantissimi dettagli sulla storia del sito e delle popolazioni che l’hanno abitato. Ciò che però risulta estremamente utile durante la passeggiata è il sistema di audioguide.


 Leggi anche: Bonifacio: itinerario a piedi per scoprire la città


In ognuno dei siti principali è posizionata una colonnina multilingua. Si arriva, si preme su quella che si preferisce e, attraverso degli altoparlanti posti a terra, si potrà sentire una spiegazione.

Filitosa

La visita inizia dalla statua menhir chiamata Filitosa V. Quella roccia è stato scolpita tremila anni fa con attrezzi rudimentali, incredibile da pensare e da credere finché non te la trovi davanti, più alta di alta di te. Si possono notare chiaramente un’arma, che pare tenuta tra le mani, e un volto stilizzato.

Filitosa

Si prosegue poi attraversando le mura di cinta e passando di lato alla piattaforma di osservazione, arrivando alla zona delle capanne. Erano semplici ripari sotto la roccia e risalgono alla prima occupazione dell’area.


 Leggi anche: Bastia, cosa vedere tra storia e street art


Filitosa

Il cuore del sito archeologico è il monumento centrale. Alcuni piccoli menhir sorvegliano l’ingresso ed è proprio da qui che si inizia a percepire l’importanza culturale del luogo. Filitosa è stata per secoli il centro dell’arte statuaria còrsa e uno dei più importanti centri religiosi primitivi di tutto il Mediterraneo.

Filitosa

Da questo punto si comincia a scendere verso un gigantesco albero circondato da menhir antropomorfi. Il loro allineamento non è originario, ma è stato ipotizzato dagli archeologi ed è sicuramente suggestivo.


 Leggi anche: Sartène: tra storia, profumi e sapori in Corsica


Filitosa

 Leggi anche: Corsica: cosa vedere tra spiagge e città on the road


Filitosa

La visita al sito archeologico di Filitosa termina nel piccolo museo, installato all’uscita. All’interno di alcune teche sono contenuti i frammenti più piccoli e preziosi: monili, antiche ceramiche e oggetti di uso quotidiano ritrovati durante gli scavi.

Filitosa

Ci sono ancora tanti enigmi che ruotano intorno a Filitosa, proprio come accade a Stonehenge e in moltissimi altri siti preistorici. È affascinante passeggiare in un luogo nato ottomila anni prima, vedere le tracce di chi ci ha vissuto così tanto tempo fa e sapere che per noi è ancora fondamentalmente un mistero.


 Leggi anche: Tre siti archeologici per scoprire la storia della Corsica


Come arrivare al sito archeologico di Filitosa

Raggiungere Filitosa è piuttosto semplice, perché nell’area sono presenti molti cartelli che segnalano la direzione. Ajaccio dista circa 50km, percorribili in circa 1 ora e 15 minuti. Propriano è invece a meno di 20km, percorribili in circa mezz’ora. Sul posto è presente un parcheggio gratuito.

Filitosa

Dove dormire in Corsica


Dove dormire in CorsicaDurante la mia settimana in Corsica ho soggiornato in due strutture diverse.

La prima è il Residence Luna*, a Lecci, un complesso con mini appartamenti non distante da Porto Vecchio, un’ottima soluzione per chi in viaggio vuole essere totalmente indipendente.

Il secondo è il B&B U Castellu*, a Propriano. È una struttura carinissima, con ottime colazioni e si trova su una delle colline non distanti dal mare, una posizione che regala una vista splendida.

Se però cercate una soluzione a Bastia, vi consiglio di dare un’occhiata su Booking*.


Avete mai visitato il sito archeologico di Filitosa? Vi piacerebbe? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag
Informazioni

Il sito archeologico di Filitosa è aperto tutti i giorni, tranne il giovedì, dal 1 aprile al 31 ottobre, durante il resto dell’anno è chiuso, ma è possibile visitarlo su appuntamento. L’area è aperta dalle 9.00 alle 19.00 e l’intero percorso dura circa un’ora.

Il biglietto di ingresso costa 7€ con tariffa intera e 6€ con tariffa ridotta. I bambini sotto gli 8 anni non pagano.

Le immagini sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *