Ise, Giappone: visita al santuario shintoista

Ise, Ise-jingu, in Giappone: un viaggio per scoprire il santuario shintoista. Una visita a Naiku e Geku: tutte le informazioni utili e la mia esperienza.

Divisore tag

Quando vi ho raccontato la mia gita ad Arashiyama vi avevo accennato qualcosa sul santuario di Ise. È il più antico e importante di tutto il Giappone e proprio qui, in passato, si trasferivano le figlie non sposate dell’Imperatore, che diventavano sacerdotesse.


 Leggi anche: Cosa vedere ad Arashiyama: non solo la foresta di bambù


Santuario di Ise - Naiku

Ise-jingu è il santuario più venerato del Paese e per questo fu meta di pellegrinaggi per quasi duemila anni. È composto da 125 luoghi di culto di varie dimensioni sparsi per tutta la città, ma i principali sono due: NaikuGeku.

Santuario Geku

Gli edifici sono piuttosto semplici e realizzati in legno verde di cipresso (hinoki). Proprio come accade ai santuari di Nara e di tutto il Giappone, quelli principali vengono smantellati e ricostruiti ogni 20 anni, come vuole il culto shintoista. L’ultima volta è stata nel 2013.


 Leggi anche: Cosa vedere a Nara tra cervi, santuari e templi


Santuario di Ise - Naiku

Visitandoli si può notare che a lato delle strutture principali ci sono degli ampi spazi vuoti con sassi di diversi colori. È lì che l’edificio verrà ricreato. Sembra essere già tutto pronto.


 Leggi anche: Curiosità sul Giappone: le cose da sapere prima di partire


Santuario di Ise - Geku

Il Santuario Interno: Naiku

Il santuario di Ise-Naiku è dedicato ad Amaterasu-Omikami, dea del Sole e, secondo il culto shintoista, progenitrice dell’Imperatore e dell’intero popolo giapponese. Per accedervi bisogna attraversare il ponte Uji e passare sotto il grande torii fatto di legno di cipresso giapponese.

Santuario Naiku

Naiku, che risale a circa 2000 anni fa, è circondato da un grandissimo parco all’interno del quale scorre anche il fiume Isuzu. Tra i due santuari è il più importante perché sembra custodire lo specchio di bronzo (Yata no Kagami) donato da Amaterasu al primo Imperatore.

Questo è uno dei tre tesori sacri del Giappone insieme alla spada Kusanagi e alla gemma Yasakani no Magatama e rappresentano rispettivamente la saggezza, il valore e la benevolenza.

Santuario Naiku

Il Santuario Esterno: Geku

Il santuario di Ise-Geku invece è dedicato a Toyouke-Omikami, dea della prosperità e della casa. Anche questo è immerso nel verde, come vuole la tradizione shintoista, ed è meta di tantissimi pellegrini. Sembra essere più recente rispetto a Naiku, ma la data di costruzione non è certa.

Santuario di Ise - Geku

Non c’è un ordine ben preciso per visitarli, ma si consiglia di iniziare da Geku e di dedicare poi più tempo a Naiku. In entrambi i casi però non bisogna avere fretta. Godetevi la natura e lasciatevi incantare dall’atmosfera che circonda i santuari di Ise.

Santuario di Ise - Geku

I santuari shintoisti giapponesi mi hanno colpita moltissimo. Ho adorato il loro essere immersi nel verde, l’atmosfera che si respira tra i loro sentieri e la sensazione di pace. Certo, i turisti ci sono sempre, soprattutto in quello di Ise, così importante e famoso, ma non manca mai il rispetto per il luogo e per la natura che lo circonda. Sovrana.

Santuario di Ise - Naiku

Avete mai visitato il santuario di Ise? Lo inserireste nel vostro itinerario di viaggio in Giappone? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

La visita completa richiede circa due ore di tempo ed è gratuita. Il santuario di Geku si può raggiungere a piedi dalla stazione dei treni Iseshi in meno di dieci minuti.

L’autobus per raggiungere Naiku si può prendere all’entrata del parco del santuario di Geku e il tragitto dura poco più di dieci minuti. Il costo del biglietto si aggira intorno ai 400¥ (circa 3€).

Ho raggiunto Ise (Iseshi) in treno da Kanazawa, con cambio a Nagoya.


 Leggi anche: Japan Rail Pass: come funziona e come muoversi in Giappone


Le immagini sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

2 Comments

  1. 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *