New York Public Library: un tempio della cultura a Manhattan

Visitare la New York Public Library, la biblioteca più famosa di New York. Vi racconto un po’ della sua storia e cosa non perdere.

Divisore tag

New York è una città che è in grado di lasciare a bocca aperta, in silenzio. Ci riesce attraverso i grattacieli da record, come l’Empire State Building, e le sue luci abbaglianti, ma anche grazie a luoghi molto più europei, forse più sobri, ma allo stesso tempo imponenti.

La New York Public Library è uno di questi: sorvegliata giorno e notte da Pazienza e Fermezza, i suoi due leoni in marmo.


 Leggi anche: L’Empire State Building: New York dall’alto e 8 curiosità


New York Public Library

La biblioteca di New York, la cui collezione supera i 15 milioni di volumi, ha più di 80 sedi disseminate per la città, ma l’edificio principale è lo Stephen A. Schwarzman Building, nel centro di Manhattan.

Si tratta di un vero e proprio tempio laico in marmo inaugurato nel 1911 e costruito in stile beaux-arts, come la vicina stazione di Grand Central Terminal.


 Leggi anche: Grand Central Terminal a New York: segreti e curiosità


New York Public Library

L’entrata principale permette di accedere alla Astor Hall, ma uno dei capolavori è la sala lettura al terzo piano, la Rose Main Reading Room, forse la più famosa dell’intera biblioteca.

Il soffitto in legno interamente decorato, i volumi e le ampie vetrate rendono questo luogo uno dei più belli della New York Public Library e quello che mi ha spinto ad entrare.


 Leggi anche: New York: cosa vedere e cosa fare se la visitate per la prima volta


Al terzo piano ci sono anche la Salomon Room e McGraw Rotunda, una grande sala centrale anch’essa decorata con pannelli in legno e splendidi dipinti.

New York Public Library

La New York Public Library è un tempio della cultura tra i grattacieli, che si affaccia su Fifth Avenue e su Bryant Park. Soprattutto è proprio come la si vede nei film: imponente e piena di libri da sfogliare, un luogo dove viene una gran voglia di leggere e di scoprire cosa si nasconde tra le pagine.


 Leggi anche: I film ambientati a New York: le location e i video


New York Public Library

«Il 23 maggio 1911 arrivò a New York nientemeno che il presidente degli Stati Uniti per presenziare a un’importante cerimonia. Sul sito del vecchio serbatoio simile a una fortezza, veniva finalmente aperta al pubblico la grande biblioteca sulla Quinta Avenue.
La collezione, prodotto della fusione delle biblioteche Astor e Lenox, era enorme. Finanziato con i lasciti di Qatts e Tilden, lo splendido nuovo edificio in stile Beaux-Arts, progettato da Carrère e Hastings, si allungava tra due isolati, dalla Quarantesima alla Quarantaduesima. Ci era voluto un tempo infinito per completarlo, ma ne era valsa la pena. La facciata in marmo e l’ampia scalinata, fiancheggiata da due leoni, non avrebbero potuto essere più grandiose, e tuttavia il posto restava comunque accogliente».

New York*, Edward Rutherfurd. Traduzione di Stefano Viviani.


 Leggi anche: Alla scoperta della storia di New York con Edward Rutherfurd


New York Public Library


Dove dormire a New York


Dove dormire a New YorkDurante il mio viaggio a New York ho soggiornato all’Hotel Mela*, a due passi da Times Square.

Le camere sono pulite e comode, leggermente più spaziose rispetto ad altre di Manhattan. In più l’albergo si trova in una posizione strategica per scoprire l’intera città perché Times Square non è solo centrale, ma è anche servita da molte linee della metropolitana.


Avete visitato altre biblioteche durante i vostri viaggi? Vi piacerebbe visitare la New York Public Library? Raccontatemelo nei commenti 🙂

Divisore tag

Informazioni

L’edificio principale della Biblioteca di New York, Stephen A. Schwarzman Building, si trova sulla Fifth Avenue, all’altezza della 42esima Strada. È aperto dal giovedì al sabato e il lunedì dalle 10.00 alle 18.00, martedì e mercoledì dalle 10.00 alle 20.00 e la domenica dalle 13.00 alle 17.00. L’ingresso è gratuito.

Come raggiungere la New York Public Library

È facilmente raggiungibile in metropolitana: linea viola (7) fermata local 5 Ave, linea arancione (B, D, F, M) fermata express 42 St – Bryant Park, linea gialla (N, Q, R) fermata express Times Square – 42 St, linea verde (4, 5, 6) fermata express Grand Central – 42 St.


 Leggi anche: Come muoversi a New York: metropolitana, autobus e taxi


Le immagini sono state scattate con una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.

Se state organizzando il percorso per la vostra prima volta a New York vi consiglio di dare un’occhiata alla pagina con tutti gli articoli su New York.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

8 Comments

  1. 1
  2. 3

    Mi piace tantissimo visitare librerie e biblioteche. Mi infondono un senso di pace e serenità, non riesco a smettere di guardare quegli scaffali pieni di libri e mi torna una grande voglia di rimettermi a studiare. Recentemente sono stata alla British Library, bellissima. Peccato però che lì la sala principale sia riservata solo a chi è in possesso della tessera della biblioteca :/

    • 4

      Ciao Sara 🙂
      Lo stesso vale per me, soprattutto se si parla di librerie. Mi piace curiosare soprattutto se sono in un altro stato! 🙂
      Io alla British Library non sono mai stata purtroppo 🙁

  3. 5
  4. 7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *