Castello Nijō a Kyoto: il palazzo con il pavimento degli usignoli

In visita al Castello Nijō di Kyoto tra giardini, pareti dorate e il famoso pavimento degli usignoli. Un palazzo quasi unico nel suo genere che è tra i protagonisti della storia del Giappone.

Divisore tag Il Castello Nijō rientra di diritto tra le cose da vedere a Kyoto non solo per le sue splendide sale, ma anche per la sua importanza storica.

Castello Nijō

Prima di parlare del Castello Nijō bisogna aprire una piccola parentesi. Dal 1192 al 1868, quando il potere fu restituito all’Imperatore, il Giappone rimase in mano agli shōgun, comandanti dell’esercito simili a dittatori militari. Fu proprio uno di loro a commissionare la struttura.

Tokugawa Ieyasu fu il primo shōgun del periodo Edo, lo stesso legato alle vicende del Castello di Himeji. Nonostante le sue frequenti assenze, però, non abbandonò mai del tutto il palazzo, tanto che lo usò come punto di partenza per una delle sue campagne militari più importanti: quella per la conquista del Castello di Osaka.

Castello Nijō

Il Castello Nijō

L’edificio è importante sia dal punto di vista artistico e architettonico, sia dal punto di vista storico. In alcuni casi, infatti, è stato teatro di avvenimenti importanti legati alla storia dell’intero Paese.

Tra questi c’è senza dubbio l’annuncio della rinuncia al potere del quindicesimo shōgun della famiglia Tokugawa nel 1867, avvenuta proprio in una delle sale del Palazzo Ninomaru-goten.

Castello Nijō

Dalla sua costruzione ha subìto modifiche minime e le più consistenti risalgono al 1624, quando alcune aree vennero abbellite in previsione della visita imperiale del 1626. Oggi è uno dei pochi esempi architettonici originali risalenti al primo periodo Edo.

Ecco i luoghi da non perdere durante la vostra visita all’interno Castello Nijō di Kyoto.

Castello Nijō

La porta Kara-mon

L’entrata principale del castello, quella che permette di superare la sua prima cinta muraria, è la Higashi Ote-mon, risalente al 1662, ma non è la più bella o importante. La porta più maestosa è infatti all’interno delle mura: la Kara-mon.

Castello Nijō

Si trova all’ingresso del palazzo Ninomar-goten, il cuore del castello, e i suoi quattro pilastri sorreggono una struttura in legno finemente e riccamente decorata.

I due lati sono accomunati da motivi floreali e canne di bambù, ma presentano animali differenti quindi fate attenzione quando la superate: da un lato sono raffigurate le gru, dall’altro una tigre e un dragone.

Castello Nijō

Il palazzo Ninomaru-goten

Il Ninomaru-goten è il cuore del castello Nijō e non è importante solo per il suo ruolo nella storia del Giappone, ma anche perché è l’unico esempio di palazzo fortificato giunto ai giorni nostri.

Come si può vedere, infatti, la sua struttura non è quella tipica dei castelli giapponesi, che si sviluppano verso l’alto, ma segue una diagonale (da sud est a nord ovest) attraverso sei edifici collegati tra loro.

Castello Nijō

Al suo interno non è possibile fare fotografie, ma vi assicuro che le sale sono incredibilmente affascinanti. Le pareti (più di 3600) sono decorate con foglia oro e disegni di piante e animali, come se fossero finestre aperte su mondi magici e preziosissimi.

Castello Nijō

Caratteristico del palazzo è anche il suo “pavimento degli usignoli”: grazie ad un ingegnoso sistema di morsetti e chiodi, ogni volta che le travi in legno vengono calpestate producono un suono simile al canto di questo volatile. Un modo più che creativo per segnalare la presenza di visitatori e intrusi.

Castello Nijō

I giardini Ninomaru

I giardini Ninomaru vennero abbelliti e migliorati in occasione della visita imperiale del 1626. Al centro c’è la loro attrazione principale, l’isolotto Horai-jima, che rappresenta il Paradiso, e al suo fianco le piccole isole della tartaruga e della gru, simboli di longevità.

Castello Nijō

Questa composizione è tipica dei giardini in stile Shoin-zukuri, tipico anche di altri edifici o templi buddhisti di Kyoto, come il Kinkaku-ji e il Ginkaku-ji.

Castello Nijō

Il palazzo Honmaru-Goten

Dopo aver superato i giardini si giunge al Honmaru-goten. Questo edificio fu spostato qui nel 1893 e prima di arrivare nella posizione attuale si chiamava Palazzo Katsura-no-miya e faceva parte del Palazzo Imperiale di Kyoto.

Castello Nijō

Ha una struttura molto più semplice del precedente e per decenni ha ospitato le persone che lavoravano all’interno del Ninomaru-goten. È protetto da una seconda cinta muraria in pietra e si trova su un’isola di forma quadrata circondata dal fossato interno, il che, in qualche modo, lo rende un piccolo castello nel castello.

Castello Nijō

I giardini Seiryu-en

Superate le mura, dall’altro lato del fossato, si trovano i giardini Seiryu-en, realizzati nel 1965. Sono il risultato di un mix perfetto tra le aree verdi orientali, con le case da tè e prugni e ciliegi che in primavera si tingono di rosa, e quelle occidentali, con prati spaziosi e panchine.

Castello Nijō

Il Castello Nijō è un esempio architettonico splendido della Kyoto del passato. Anche le più recenti modifiche si sono amalgamate perfettamente con la struttura originaria e non si può lasciare la città senza averlo visto ed aver calpestato almeno una volta i suoi pavimenti.

Vi piacerebbe visitare il Castello Nijō? Lo inserireste nel vostro itinerario per visitare Kyoto? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

Le foto sono state scattate con una Canon 1100D, per vedere le altre sfogliate il mio album su Flickr.

Orari e biglietti

Il Castello Nijō è aperto tutti i giorni dalle 8.45 alle 17.00 (ultimo ingresso alle 16.00), ma è chiuso il martedì a gennaio, luglio, agosto e dicembre. Chiuso anche dal 26 dicembre al 4 gennaio. Per la visita si consiglia di considerare almeno un’ora e mezza.

Il biglietto di ingresso costa ¥600 (circa 4,50€) a tariffa intera, bambini e ragazzi fino ai 18 anni pagano ¥350 (circa 2,50€), mentre è gratuito sotto i 6 anni.

Come arrivare al Castello Nijō 

Io l’ho raggiunto a piedi dalla stazione di Kyoto (sono poco più di 4 chilometri, circa 50 minuti), perché ho fatto delle tappe intermedie.

In alternativa in stazione si può prendere uno degli autobus cittadini della linea 9, 50 o 101 e raggiungere il Castello Nijō in circa 25 minuti con ¥230.

SalvaSalva

SalvaSalvaSalvaSalva

Ti piacciono i miei contenuti? Puoi trovare nuovi post, codici sconto e anteprime tutti in una sola mail! Iscriviti ❤

Cliccando su "Iscriviti" accetti automaticamente alla raccolta dei dati da te forniti. Questi dati verranno utilizzati nel più completo rispetto della privacy. Qui maggiori informazioni

Condividi questo viaggio

Kansai

Potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *