Visitare Amalfi: un giorno al profumo di limone

Un pomeriggio ad Amalfi per scoprire le sue vie e i suoi profumi. Due passi tra le case di quello che è il simbolo della Costiera Amalfitana.

Divisore tag

Mi sono dedicata ad Amalfi con tutta la calma di fine estate. Niente corse, niente segni rossi su una cartina. Solo la voglia di scoprirla per caso, di godermi il sole e i colori che spuntavano dalle case e dai negozi dalle pareti bianche.


 Leggi anche: Viaggio in Campania: dalla Costiera Amalfitana a Napoli


Amalfi

Le cascate di peperoncini, le bottiglie piene di limoncello e il profumo di limone che ogni tanto scappa dalle cucine e dalle botteghe e ti sorprende. La ricordo così.


 Leggi anche: Positano: cosa vedere in un giorno


Amalfi

La mia visita ad Amalfi

L’ho vista per la prima volta dal mare, arrivando da Positano, proprio come mi era successo con Capri.

I primi edifici sorgono a pochi metri dalla riva, si concentrano lì e poi si diradano. I più coraggiosi hanno scalato la roccia e guardano la città dall’alto.


 Leggi anche: Come muoversi in Costiera Amalfitana


Amalfi dal mare

Il campanile del Duomo di Sant’Andrea si riconosce subito. Si erge imponente, ma semplice, per poi terminare con uno stile e un’architettura completamente diversi nella parte più alta. In quel punto è stato agghindato a festa seguendo lo stile arabo-normanno. È il simbolo di un’Amalfi gloriosa, quella che dominava il Mediterraneo e si scontrava con le altre Repubbliche Marinare.


 Leggi anche: L’Isola di Capri: cosa vedere tra Capri e Anacapri


Amalfi

Anche il Duomo è un vero capolavoro. Ha una facciata interamente decorata e una scalinata talmente imponente da essere la vera e propria protagonista della piazza principale.

Amalfi

Proprio in Piazza del Duomo mi sono fermata per fare una pausa. Seduta a uno dei tavolini della pasticceria Pansa, attiva dalla prima metà dell’Ottocento, ho assaggiato la delizia al limone, una tortina di pan di spagna ricoperta di crema preparata con l’agrume tipico della Costiera.

Amalfi

Non appena si volta l’angolo, si può sbirciare all’interno della cucina-laboratorio della pasticceria. Quando sono passata di lì avevano appena sfornato e riempito le sfogliatelle ricce. Vi lascio immaginare il profumo.

Amalfi

Passeggiando tra le vie del centro ho incontrato anche una cosa curiosa: la fontana “de cape ‘e ciucci”. La struttura principale è piuttosto semplice, con due teste umane scolpite in marmo.

A renderla particolare è il presepe che la anima dal 1974. Ci sono figure di tutti i tipi ed è bello distrarsi un po’ cercando quella più stravagante.

Amalfi
Amalfi

Sono proprio questi dettagli a conservare l’autenticità di Amalfi nonostante i tantissimi visitatori che la invadono ogni estate.

A proposito, se anche voi volete essere tra questi nei prossimi mesi, perché non date un’occhiata a Hundredrooms.it. Sono certa riuscirete a trovare una casa vacanze ad Amalfi adatta alle vostre esigenze.

Amalfi

Amalfi è il simbolo della Costiera. È un paese fatto di negozi turistici e botteghe, di voci e suoni tipici di una città di mare. È un luogo dove perdersi e ritrovare la strada seguendo il profumo dei limoni.

Amalfi

Siete mai stati ad Amalfi? Vi piacerebbe andarci? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

Amalfi è la principale località della Costiera Amalfitana, alla quale dà il nome. Si trova in provincia di Salerno, dalla quale dista circa 26 chilometri. Napoli è a circa 70 chilometri.

La Cattedrale di Sant’Andrea è aperta dalle 7.30 alle 19.45. La pasticceria Pansa è aperta dalle 7.30 alle 22.00 e si trova in Piazza del Duomo 40.

Le fotografie inserite all’interno del post sono state scattate con una Canon 1100D* e un iPhone 6s* e poi condivise sul mio profilo Instagram. Per vedere le altre sfogliate il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

5 Comments

  1. 1

    Oddio cosa non sono le sfogliatelle ricce. Entrano di diritto nella top10 dei miei dolci preferiti!! Mi immagino tutti i profumi e i colori di Amalfi…anche qui ci sono stata troppi, troppi anni fa, quando ancora non registravo tutti i dettagli dei luoghi belli come questo. Sarebbe ora di tornare!!

  2. 2
  3. 4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *