Cosa vedere a Verona in un giorno per innamorarvene

Cosa vedere a Verona in un giorno. Le tappe da non perdere (consigliate da chi ci ha vissuto) per scoprire e visitare la città e innamorarvene.

Divisore tag

Verona è una di quelle città che ti tocca il cuore. Una di quelle che poi se lo tiene.

È un luogo dove storia, arte, musica e letteratura si incontrano. Qui si respira creatività, è la città stessa che la emana e non si può non percepirla.

Santuario Madonna di Lourdes

Ci ho vissuto per cinque anni e, ogni volta che ci torno, mi sento a casa. Per questo forse sono un po’ di parte quando ne parlo. Sicuramente, come altre città, non metterà mai d’accordo tutti, tranne che su una cosa: Verona è bella. Punto.

Lungadige.

L’UNESCO l’ha dichiarata Patrimonio dell’Umanità nel 2000 ed è facile intuirne il motivo. È una delle maggiori città d’arte italiane, un gioiellino del nord est del nostro Paese che merita di essere visitato almeno una volta nella vita.


 Leggi anche: I luoghi patrimonio UNESCO in Italia: più di 50 meraviglie


Verona.

Si potrebbero dire tante cose su questa magica città, ma prima è meglio fare una presentazione, una di quelle semplici per scoprire cosa vedere a Verona in un giorno. Vi accompagno tra le sue vie e spero di farvi innamorare di lei.

Autumn in the city.

L’Arena di Verona

Verona è l’Arena, quella magica struttura circolare che ti accoglie non appena scendi dall’autobus, quella che ti si staglia davanti quando arrivi alla fine di Via Mazzini. Impossibile visitare la città e non notarla: imponente, con una lunga storia alle spalle e la leggenda che narra sia stata costruita dal diavolo.


 Leggi anche: La leggenda dell’Arena di Verona: la storia della sua costruzione


Piazza Brà.

Durante la bella stagione è un teatro all’aperto fatto di sensazioni, che fa vibrare la piazza a ritmo di musica e seguendo le note dell’Opera. In inverno, invece, è il luogo dal quale nasce la stella cometa che illumina Piazza Bra durante i mercatini di Natale.


 Leggi anche: I mercatini di Natale a Verona: colori e profumi del dicembre scaligero


Aida at the Arena di Verona.

Si trova qui dal I secolo d.C. ed è oggi il simbolo della città. Personalmente la preferisco vista dall’esterno, ma se è la vostra prima volta a Verona è giusto entrarci e salire fino in cima, per vedere la piazza dall’alto.

Informazioni: l’Arena è aperta dal martedì alla domenica dalle 8.30 alle 19.30, anche il lunedì da giugno a settembre. La biglietteria chiude un’ora prima. Il biglietto a tariffa intera costa 10€, a tariffa ridotta 7,50€. Gratuito fino ai 7 anni, la prima domenica del mese da ottobre a maggio costa invece 1€.


 Leggi anche: L’Opera all’Arena di Verona grazie ai Tweet Seats


Piazza Brà.

La casa di Giulietta

La casa di Giulietta, con le sue lettere, i suoi lucchetti e i suoi messaggi di speranza, di gratitudine e di dolore, è uno dei luoghi più romantici della città. L’unica cosa che rovina un po’ l’atmosfera è l’invasione di turisti, ma non si può biasimarli.

Giulietta

La sua statua è lì, paziente, mentre tutti si fermano per fare una foto. Ci si avvicina e si mette una mano sul suo seno ormai consumato, nella speranza che porti davvero fortuna in amore come dicono.

Tutto questo avviene nel cortile della casa, sul quale si affaccia il balcone, ma è possibile anche entrare. All’interno della dimora ci sono arredi e oggetti d’epoca e costumi di scena. È la tappa perfetta per un itinerario romantico a Verona.

Informazioni: la casa di Giulietta è aperta dal martedì alla domenica dalle 8.30 alle 19.30, il lunedì dalle 13.30. Ultimo ingresso alle 18.45. Il biglietto costa 6€ intero e 4,50€ ridotto. I ragazzi dagli 8 ai 14 anni pagano solo 1€, mentre è gratuito per gli over 65, i residenti nel comune di Verona, diversamente abili e bambini fino a 7 anni.


 Leggi anche: Weekend romantico a Verona seguendo Romeo e Giulietta


Sempre, comunque, dovunque.

Piazza Erbe e la Torre dei Lamberti

Piazza Erbe è quella che preferisco a Verona. Raccolta, più intima, cuore dell’antica città, piena di bancarelle che vengono chiuse per riposare durante la notte e vivacissima di giorno. A Natale viene coperta con luci a cascata e sul fondo viene alzato un gigantesco albero di Natale.

Autumn in the city.

Su di lei si affaccia la Torre dei Lamberti, costruita nel Dodicesimo secolo. È la più alta della città e offre una vista spettacolare su tutta Verona, che sarà letteralmente ai vostri piedi.


 Clicca qui e acquista i biglietti per salire sulla Torre dei Lamberti*


Autumn in the city.

Le Arche Scaligere

Le Arche Scaligere sono le tombe monumentali della famiglia Della Scala che governò Verona nel Tredicesimo e Quattordicesimo secolo. Si trovano a due passi da Piazza Erbe e Piazza Dante, all’interno di un decorato cancello in ferro battuto. Le tombe a baldacchino sono monumenti eccezionali e sono visibili dalla strada.

La cancellata delle Arche Scaligere.

Castel San Pietro e Verona dall’alto

Castel San Pietro controlla la città dall’alto. Un numero imprecisato e apparentemente infinito di gradini porta dal bellissimo Ponte Pietra fino ad una terrazza panoramica dalla quale si può vedere tutta Verona e l’Adige che scorre vivace e la circonda come in un abbraccio.

Si possono vedere i campanili e i suoi innumerevoli ponti e, soprattutto al tramonto, regala una delle cartoline più belle, quindi vi consiglio di salire poco prima del calar del sole. 

Vista dal Castello, Verona.

Mentre si sale è possibile vedere anche l’antico Teatro romano, con il vicino museo archeologico. È molto più piccolo dell’Arena, ma anche qui, ancora oggi, vengono organizzati piccoli concerti e spettacoli teatrali.

Informazioni: maggiori informazioni su come salire al Castello potete trovarle nel post dedicato ai più bei panorami di Verona.


 Leggi anche: Verona dall’alto: tre luoghi per ammirarla


Vista dal Castello, Verona.

Castelvecchio

Castelvecchio è uno dei luoghi storici principali della città. Dopo la Seconda Guerra Mondiale venne ristrutturato a causa dei bombardamenti e oggi ospita un museo dedicato principalmente all’arte medievale, con dipinti, sculture, reperti archeologici e antiche armi.

Autumn in the city.

Ciò che preferisco però è la passeggiata sopra il fiume. Il ponte di Castelvecchio è massiccio, costeggiato da mura imponenti che, a intervalli regolari, regalano qualche fessura per poter ammirare quello che sta sulle due sponde del fiume. Attraversandolo si raggiunge l’area dell’Arsenale.

Informazioni: il museo di Castelvecchio è aperto dal martedì alla domenica dalle 8.30 alle 19.30, il lunedì dalle 13.30 alle 19.30. L’ultimo ingresso è sempre alle 18.45. Il biglietto intero costa 6,50€, mentre quello ridotto 4,50€. Ingresso gratuito per gli over 65, residenti nel comune di Verona, diversamente abili e bambini fino ai 7 anni.

Verona.

Esplorare Verona in un giorno è possibile, ma la città ha moltissimi altri luoghi di interessepiù o meno lontani dal centro.


 Leggi anche: La libreria Gulliver a Verona: il viaggio comincia a casa


Se, però, volete godervela in maniera spontanea, perdetevi tra le sue viuzze e i suoi negozi, scoprite le sue chiese, le sue mura e le sue porte.

Infilatevi nelle sue librerie indipendenti come la Gulliver e la Bocù o assaggiate qualcosa in un localino del centro come il Caffè e Parole, non ve ne pentirete.


 Leggi anche: Caffè & Parole: zucchero e positività a Verona


Autumn in the city.

Verona è la passeggiata lungo l’Adige, in estate con il sole che brucia e il vento che salendo dal fiume dà un po’ di sollievo, e in autunno con gli alberi che si tingono di giallo e arancione.


 Leggi anche: Visitare Verona in autunno (e perché la amo)


Verona è il freddo pungente d’inverno e l’aria frizzante in primavera. È la scivolata sul marciapiede bagnato dalla pioggia e lo scontrarsi degli ombrelli lungo via Mazzini.


 Leggi anche: Le cose che forse non sapevate su Verona


Autumn in the city.

Verona è fatta di studenti che si perdono in Università e che fanno le corse dalla stazione all’Ateneo. È fatta di turisti con il naso all’insù, le macchine fotografiche in mano e il cappello in testa e di veronesi che ormai sanno come schivare tutti gli altri e si intrufolano in vie secondarie. Verona è fatta di occhi a cuore, perché non puoi non innamorartene.

Autumn in the city.

 Clicca qui per cercare un albergo o un alloggio a Verona*


Siete mai stati in questa città? Cos’altro inserireste nella lista su cosa vedere a Verona se si ha un solo giorno a disposizione? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

Dalla stazione di Verona Porta Nuova è possibile raggiungere il centro in pochi minuti prendendo uno dei tanti autobus (linee 11, 12, 13, 51, 90, 92 93, 98, 510), che fermano proprio in Piazza Bra. Alcuni autobus presenti in stazione arrivano però proprio da lì, assicurarsi quindi di salire su quello che va in direzione centro (normalmente sul primo marciapiede).

Se arrivate in auto, due tra i parcheggi più comodi sono quelli di Cittadella, proprio vicino a Piazza Bra, o quello di Piazza Isolo, al di là dell’Adige.

Le fotografie inserite all’interno del post sono state scattate con una Canon 1100D* e un iPhone 6s*, per vedere le altre sfogliate il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Condividi questo viaggio

Verona

Potrebbero interessarti:

23 Comments

  1. 1
  2. 3

    “THERE IS NO WORLD WITHOUT VERONA WALLS, BUT PURGATORY, TORTURE, HELL ITSELF. HENCE BANISHED IS BANISH’D FROM THE WORLD, AND WORLD’S EXILE IS DEATH;

    ….” “Non c’è mondo per me aldilà delle mura di Verona: c’è solo purgatorio, c’è tortura, lo stesso inferno; bandito da qui, è come fossi bandito dal mondo; e l’esilio dal mondo vuol dir morte.“

    William Shakespeare

  3. 5
    • 6

      Prima dell’Università non la conoscevo, se non attraverso qualche foto che però non mi aveva mai davvero colpita. Poi però sono venuta a viverci e me ne sono innamorata 😀 Ti ringrazio e ti aspetto a Verona 😉

  4. 7
  5. 9
    • 10

      Ormai la sento un po’ anche mia e non riesco a parlarne in un altro modo, mi è entrata davvero nel cuore! <3 Ho imparato anche io qualche stradina laterale anti-turisti, ma delle volte ancora mi trovo incastrata tra la folla 😉

  6. 11
  7. 13
  8. 15

    “Verona è fatta di studenti che si perdono in Università e che fanno le corse dalla stazione all’Ateneo”…. mitica… credo di avere ben presente questa scena, anche io ho studiato a Vr!! Comunque hai perfettamente ragione è veramente bellissima, io abito a Mantova perciò ci torno spesso…ma devo dire che non stanca mai!:)

  9. 19

    Carina la piantina con l’indicazione dei posti che hai citato, molto utile! Io a Verona sono stata un paio di anni fa e l’ho adorata più di quanto credessi: l’ho trovata elegante e la sua gente cordiale. Ho sperimentato l’afa estiva, ho amato l’arena (ho visto uno spettacolo!) e mi sono unita all’orda dei turisti per vedere Giulietta. Ho fatto bei acquisti (che non guasta mai!) e ho mangiato benissimo. Ho camminato lungo l’Adige e fatto delle fotografie magnifiche. Insomma una piccola parentesi (durata un paio di giorni) che non dimenticherò! Hai fatto bene a parlarne

  10. 21

    Che post meraviglioso! E’ così bello essere accompagnati alla scoperta di una città da chi la conosce e ama così tanto! Ti capisco quando parli di amore, di seconda casa… a me è successa la stessa cosa con Perugia.
    Bellissimo post tesoro. E mi sono segnata il Castello di San Pietro: sono stata due volte a Verona ma non ho mai visto quello spettacolo di panorama sulla città!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *