Leggende di Lisbona: storie e racconti della capitale portoghese

Quattro leggende di Lisbona: storie, modi di dire e racconti legati alla capitale portoghese per scoprirla da un altro punto di vista.

Divisore tag

Lisbona è una città che non mi ha convinta subito, lo ammetto. Alcuni dei suoi angoli sono incredibilmente affascinanti già al primo impatto, ma altri hanno bisogno di essere capiti o esplorati più a fondo per essere apprezzati.

Al di là di questo, però, la sua atmosfera ha un che di ipnotico e le sue vie sembrano nascondere mille racconti diversi. In questo post ne ho raccolte quattro: dalla sua origine mitologica ai segreti di uno dei suoi dolci più tipici. Ecco alcune storie e leggende di Lisbona.


 Leggi anche: Visitare Lisbona: cosa vedere in tre giorni nella capitale portoghese


Street life.

La regina dei serpenti e le colline di Lisbona

Secondo la leggenda, la nascita dell’affascinante Lisbona sarebbe legata a Ulisse, protagonista dell’Odissea omerica. Il suo viaggio di ritorno verso Itaca, infatti, lo avrebbe portato in quella che oggi è terra portoghese, ma che un tempo era Ofiusa, la Terra dei Serpenti governata da una regina con corpo di donna e una grossa coda di rettile.

Ulisse, conquistato dalle bellezze naturali del luogo, decise di fermarsi e fondare lì una città magnifica che avrebbe chiamato Ulisseia. Per farlo, però, avrebbe dovuto convincere in qualche modo la regina o sconfiggerla.

Ci riuscì con il suo fascino, perché lei, non appena lo vide, se ne innamorò perdutamente e gli offrì le sue terre. L’eroe omerico finse di contraccambiare il sentimento e i due insieme costruirono la città con l’aiuto dei serpenti e degli uomini dell’equipaggio.

View from the Castle.

Un giorno, quando la città era stata costruita e la nave era piena di rifornimenti, Ulisse scappò abbandonando la regina. Lei se ne accorse quando l’imbarcazione era ormai al largo e, con tutte le sue forze, provò a raggiungerla strisciando verso il fiume Tago e lasciando dietro di sé grandi solchi dando vita alle colline di Lisbona. Proprio per questo, secondo la leggenda, tutti i pendii tendono verso il corso d’acqua e ricordano ancora oggi la ricerca e la corsa verso un grande amore.


 Leggi anche: Curiosità su Lisbona: alcune cose che forse non sapevate


View from Miradouro Santa Luzia, leggende di Lisbona

Le lunghe attese al Miradouro de Santa Caterina

A proposito di colline, a quella che ospita il Miradouro de Santa Catarina, uno dei tanti sparsi per la capitale, è legata un’altra storia della città. Questa fa riferimento al modo di dire portoghese “ficar a ver navios” (in italiano: “stare a guardare le navi”), ossia aspettare qualcosa che non succederà mai.

Secondo le storie popolari, infatti, questo modo di dire nasce dal fatto che, alla fine del Cinquecento, i cittadini erano soliti recarsi tutti al miradouro per guardare l’orizzonte nella speranza di vedere tornare le navi di Sebastiano I Re del Portogallo scomparso nell’attuale Marocco nell’agosto del 1578.

View from the Castle, leggende di Lisbona

Alla stessa collina è legata una storia molto simile, quella del generale francese Junot, che arrivò a Lisbona durante l’invasione francese del 1807 per catturare la famiglia reale.

Una volta giunto nella capitale, però, dal miradouro vide le navi della flotta reale ormai al largo, partite ore prima verso il Brasile. Non riuscì mai a catturare i sovrani.


 Leggi anche: Il Castello di São Jorge e il Miradouro de Santa Luzia: Lisbona dall’alto


View from the Castle.

La chiesetta di Vasco Da Gama

Dal centro della città ci spostiamo a Belém, quartiere di esploratori e uno di quelli che ho preferito durante il mio viaggio nella capitale portoghese. Qui si trova il famoso Mosteiro dos Jerónimos, un edificio in stile manuelino tra i più belli di Lisbona.

Secondo la leggenda, dove oggi sorge il monastero un tempo si trovava una piccola chiesetta nella quale l’equipaggio dell’esploratore Vasco Da Gama pregò prima di partire alla volta dell’India. Non è difficile crederlo.

Vero o no, il monastero fu costruito proprio in onore del navigatore e del suo ritorno in terra portoghese. Ci vollero circa cent’anni per completare i lavori.

Mosteiro dos Jeronimos, leggende di Lisbona

I segretissimi pasteis de Belém

Rimaniamo nel quartiere di Belém, questa volta per assaggiare una delle sue specialità tipiche: i pasteis de Belém. Questi dolcetti di sfoglia e crema sono diventati uno dei simboli non solo di questa zona, ma della città intera e non si può visitare Lisbona senza averne assaggiato almeno uno.

Secondo la leggenda, la loro ricetta nacque proprio nel vicino Mosteiro dos Jerónimos. Quando, però, nel 1820 furono aboliti tutti gli ordini religiosi, il maestro pasticcere del monastero andò a lavorare in uno zuccherificio, continuando a preparare i dolcetti la mattina presto insieme a due allievi.

Si racconta che, per mantenere la ricetta originale top secret, lui e i suoi due aiutanti furono costretti a firmare un patto di segretezza. Pare che la composizione originale non sia mai stata rivelata.


 Leggi anche: Belém, due passi per la Lisbona dei naviganti


Pastéis de Belém, leggende di Lisbona

Dove dormire a Lisbona


Dove dormire a LisbonaDurante il mio viaggio a Lisbona ho soggiornato in un appartamento di Unique Design Apartments*, a due passi dalla centralissima Rua Augusta e dal suo celebre arco. Aveva quattro posti letto, due in camera matrimoniale e due sul divano letto. 

È una soluzione perfetta, sia per la posizione che per la presenza della cucina, ideale se volete essere autonomi, soprattutto se viaggiate in gruppo.


Conoscete altre leggende di Lisbona? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag
Informazioni

Le immagini sono state scattate con una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Condividi questo viaggio

Portogallo

Potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *