Tre siti archeologici per scoprire la storia della Corsica

Vi consiglio tre siti archeologici da visitare se volete scoprire il passato della Corsica. Un viaggio alla scoperta della storia dell’isola dal Neolitico Antico all’epoca Romana.

Divisore tag

Spesso quando si visita la Corsica ci si dedica solo al mare ed è comprensibile visti i suoi colori e le sue spiagge. Proprio per la loro bellezza, però, mettono in ombra altri luoghi che andrebbero scoperti e non mi riferisco solo alle città e ai paesini.

Aleria

L’isola ha una storia millenaria, proprio come tutta l’area del Mediterraneo, e conserva ancora le testimonianze delle popolazioni che l’hanno abitata dal Neolitico all’epoca romana.

Voglio accompagnarvi a scoprire proprio questi dettagli e il suo passato attraverso tre siti archeologici da inserire nel vostro itinerario. Sono le tappe ideali se volete conoscere un po’ più a fondo la Corsica e la sua antichissima storia.

Altopiano di Cauria

Il Neolitico Antico a Filitosa

Filitosa è considerata l’antica capitale della Corsica e uno dei siti archeologici più importanti, se non il più importante. I primi resti risalgono al 6000 a.C., al Neolitico antico, anche se alcuni ritrovamenti sono un po’ più recenti, come i monili e gli oggetti di uso quotidiano conservati all’interno del piccolo museo all’uscita

Filitosa

È famosa per le sue rocce sulle quali sono stati scolpiti tratti umani, volti e armi tenuti tra mani appena accennate, e per essere uno degli esempi più importanti dell’arte statuaria còrsa. È proprio per la sua importanza culturale che vi consiglio di inserirla nel vostro viaggio: è un sito più unico che raro.

Filitosa

Informazioni: di questo sito archeologico vi ho parlato in un altro post, quindi vi suggerisco di leggerlo se volete inserire Filitosa nel vostro itinerario storico dell’isola.

Filitosa

Dal Neolitico all’Età dei metalli sull’Altopiano di Cauria

L’altopiano di Cauria si trova nell’area di Sartène, un paesino del quale vi ho già parlato, e comprende tre siti principali: gli allineamenti megalitici d’I Stantari, quelli di Renaghju e il dolmen di Funtanaccia.

Altopiano di Cauria

Il primo, quello d’I Stantari, è composto da una decina di stantare: statue menhir dalle sembianze umane, simili a quelle di Filitosa. In realtà, pare che un tempo fossero più di una trentina, ma quelle giunte fino a noi sono solo una piccola parte perché in epoca romana molte vennero usate come materiali da costruzione.

Altopiano di Cauria

Non è possibile datare con certezza le pietre, ma gli archeologi credono risalgano ad un periodo compreso tra la fine del Neolitico e l’Età del Bronzo e proprio per la loro datazione, quantità e stile formano un sito unico al mondo.

Altopiano di Cauria

L’Allineamento di Renaghju, invece, viene abitato per la prima volta nel Neolitico Antico (5700 a.C.), complice la sua posizione: è riparato dalla roccia Punta di u Greghu ed è vicino a una fonte d’acqua. Oggi, però, sono visibili soprattutto i resti dell’insediamento più recente, quello del 4500 a.C.

Altopiano di Cauria

Qui sono stati ritrovati non solo quarzo, selce e ossidiana lavorati, ma anche piccoli pezzi di ceramica decorata con il cardium, un mollusco tipico dell’area del Mediterraneo in grado di colorare i materiali di rosso.

Altopiano di Cauria

Il dolmen di Funtanaccia, il meglio conservato della Corsica, è il più particolare dei tre e si trova in posizione rialzata rispetto agli altri due siti dell’altopiano.

Questo monumento funebre collettivo fu costruito in granito nel 3000 a.C. e ciò che vediamo oggi è solo l’entrata della camera funeraria. Un tempo i Cristiani lo chiamavano la stazzona di u Diavulu, la fabbrica del diavolo, proprio per la sua funzione e per il fatto di essere stato costruito per riti pagani.

Piana di Cauria

Informazioni: l’altopiano di Cauria si trova a sud di Sartène, a circa 10 chilometri dal paese. C’è un piccolo parcheggio prima di accedere al sentiero e si arriva solo in auto, non ci sono mezzi pubblici.

L’accesso al sito non è regolato da orari o biglietti, ma si consiglia di andare prima del tramonto. La visita dura circa un’ora o un’ora e mezza e il percorso è segnalato da cartelli, ma basta seguire i sentieri.

Altopiano di Cauria

L’epoca romana ad Aleria

Se Filitosa è considerata la capitale della Corsica preistorica, Aleria è sicuramente la sua capitale in epoca romana. La città però nasce prima, grazie agli scambi commerciali tra le popolazioni del Tirreno e del Mediterraneo, Cartaginesi compresi.

Aleria

I Greci prima e gli Etruschi poi scelgono questo luogo sulla costa orientale dell’isola come punto di riferimento, trasformando un piccolo gruppo di edifici in una delle città più ricche di tutta la Corsica.

Aleria

Sono però i Romani, arrivati qui nel 259 a.C. (e stanziali dall’81 a.C.) a renderla una capitale, ruolo che manterrà fino al 420, quando sarà distrutta dai Vandali.

Nei secoli successivi, come spesso è accaduto ad altri siti archeologici, molti dei marmi e delle pietre sono stati usati per realizzare altri edifici e strutture dell’area.

Aleria

Oggi il sito è diviso in due. Da una parte l’area degli scavi, dove sono emersi l’antico Foro, le terme, le domus e i templi, dall’altra il Museo Archeologico. Allestito all’interno della fortezza quattrocentesca di Matra, conserva tra le sue poche sale vasi, monili e oggetti rinvenuti nei pressi dell’antico centro abitato.

Aleria

Informazioni: Aleria si trova a circa 72 chilometri a sud di Bastia e a circa 100 a nord di Bonifacio. L’ingresso è a pagamento: 2€ intero e 1€ ridotto.

Il museo e il sito archeologico sono aperti dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 13.00 alle 18.00 dal 16 maggio al 30 settembre. Il resto dell’anno aprono un’ora prima e chiudono un’ora prima. Ultimo accesso mezz’ora prima della chiusura. Chiuso la domenica dal 1 novembre al 31 marzo, 1 gennaio, 1 maggio, 1 e 11 novembre e 25 dicembre.

Aleria

Avevate mai pensato di visitare la Corsica attraverso i suoi siti archeologici? Vi piacerebbe? Lasciate un commento 🙂
Divisore tag
Informazioni

Le foto sono state scattate con una Canon 1100D, per vedere le altre sfogliate il mio album su Flickr.

Ti piacciono i miei contenuti? Puoi trovare nuovi post, codici sconto e anteprime tutti in una sola mail! Iscriviti ❤

Cliccando su "Iscriviti" accetti automaticamente alla raccolta dei dati da te forniti. Questi dati verranno utilizzati nel più completo rispetto della privacy. Qui maggiori informazioni

Condividi questo viaggio

Corsica

Potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *