Ricordi di una vacanza studio in Inghilterra

Il mio primo viaggio da sola: una vacanza studio in Inghilterra. In questo post vi racconto la mia esperienza e vi dico qual è la città che mi è rimasta nel cuore.

Era l’estate del 2007 e io mi preparavo per il mio primo viaggio “da sola”: una vacanza studio in Inghilterra. Tutto è diventato reale nel momento in cui ho acquistato la valigia, la mia valigia, quella arancione che ancora oggi mi accompagna nei viaggi più lunghi o durante i traslochi. Ricordo l’alzataccia per raggiungere l’aeroporto di Orio al Serio e l’entusiasmo che solo una quindicenne in partenza per l’estero senza i genitori può avere.

Canterbury

La città di Canterbury, nel Kent, è stata la mia città per quindici giorni, una villetta a schiera in una via con un nome adorabile è diventata la mia casa. Dividevo la camera con una mia compagna di liceo, una scelta dettata più dall’insicurezza che da altri fattori: oggi, se potessi tornare indietro, consiglierei alla piccola me di convivere con una ragazza non italiana, in modo da praticare l’inglese anche nei pochi momenti liberi o la sera prima di addormentarmi.

Canterbury

La maggior parte del tempo lo trascorrevo a scuola, dove seguivo un corso in lingua insieme ad altri ragazzi, principalmente italiani (quasi tutti di Verona, che sarebbe diventata la mia nuova città qualche anno più tardi) e spagnoli. Le classi erano state create sulla base di un test fatto per valutare il livello di inglese. Era andata meglio del previsto.

Si faceva molta conversazione e ricordo che un giorno parlammo per tutta la lezione di Harry Potter: era appena stato pubblicato l’ultimo libro e più di metà classe lo aveva acquistato e letto subito.

Canterbury

I ricordi più belli di questa vacanza studio in Inghilterra sono però legati alle gite e alle escursioni: l’Howletts Wild Animal Park, il Castello di Dover e i vari leisure centres, dove ho provato il badminton per la prima volta.

Abbiamo visitato Londra, anche se solo per qualche ora, e Cambridge. È la città universitaria per eccellenza insieme ad Oxford e ricordo di aver passeggiato per le sue strade affascinata da tutto ciò che vedevo, compreso il famosissimo college, anche se solo dall’esterno.

Brighton

La città che però mi è rimasta nel cuore è Brighton. Il mare, le vie piene di negozi per me insoliti, il Royal Pavilion, il Brighton Pier. È uno dei luoghi nei quali vorrei tornare presto, voglio esplorarla più nel dettaglio, scattare tutte le foto che non ho scattato e curiosare nei negozi che tanto mi hanno colpito. Nonostante il cielo nuvoloso mi ha colpito all’istante.

Brighton

Canterbury invece è molto inglese e molto medievale, con il suo centro storico, le sue vie strette sulle quali si affacciano case dai tetti spioventi e i giardini e prati pubblici perfettamente curati. La Cattedrale è spettacolare e spunta tra le case creando un contrasto che lascia per qualche secondo senza fiato. Abbastanza triste (e un po’ ammuffito) invece il museo dedicato a The Canterbury Tales; spero che in questi anni lo abbiano migliorato.

Canterbury

Quei quindici giorni sono stati importanti per me. Una vacanza studio all’estero regala molte esperienze, ti permette di imparare o migliorare la lingua divertendoti, facendo amicizia e scoprendo un territorio, soprattutto se la si fa dopo la fine delle scuole superiori o con un po’ di maturità in più. Per questo l’anno dopo ho deciso di farne una in Spagna. Ma questa è un’altra storia.

Canterbury

Hai mai fatto una vacanza studio? Ti piacerebbe farne una? Raccontamelo in un commento 🙂 

Info2

Mappa e info

Le foto inserite in questo post sono state scattate durante questa vacanza studio nel 2007. Per vedere le altre, sfoglia il mio album su Flickr.

Questo articolo rientra tra le partnership di Martinaway. 

[hmapspro id=52]

Ti piacciono i miei contenuti? Puoi trovare nuovi post, codici sconto e anteprime tutte in una sola mail! Iscriviti ❤

Potrebbero interessarti:

10 Comments

  1. 1

    Ciao Martina!
    Io stessa ora stento a crederci ma durante gli anni del liceo non mi è mai venuto in mente di fare una vacanza studio estiva! Fortunatamente però ho avuto la possibilità di fare esperienze di volontariato in Francia, soggiornando come ospite presso una famiglia francese, una bellissima esperienza che mi ha fatta crescere e che mi rimarrà sempre nel cuore 🙂
    Comunque capisco parecchio l’agitazione e l’emozione che hai provato nel partire per la prima volta da sola: sto provando le stesse identiche cose ora che sono in Erasmus! 😀
    Spero di avere presto l’occasione di tornare in Inghilterra per visitare tutte le città di cui hai raccontato, Brighton in primis!
    Un caro abbraccio e a presto. <3
    Federica | federicamutti.com

    • 2

      Ciao Federica 🙂
      Beh, hai fatto comunque esperienze splendide e invidiabili! 😀
      L’Erasmus è un’esperienza ancora più forte e stimolante, io ho deciso di non farlo, ma me ne hanno parlato tutti molto bene 🙂
      Un abbraccio a te, a presto ❤️

  2. 3

    Alle superiori avrei avuto la possibilità di farlo, ma essendo un’adolescente timidissima e non avendo compagni disposti a venire, ho lasciato perdere. Che peccato.
    Belli i ricordi che ti ha lasciato questo soggiorno!

    Alice

    • 4

      Ammetto che, probabilmente, senza una compagna di classe non sarei partita, proprio come te. Non è un’esperienza facilissima, alla fine sei in un Paese diverso e non hai molti punti di riferimento, però ne vale la pena 🙂
      Un abbraccio 🙂 ❤️

  3. 5
    • 6

      Ciao Anna 🙂
      Beh, sei sempre in tempo! Certo, farle a quindici anni è un’altra cosa, ma non è troppo tardi 😉
      Anche a me piace leggere di quelle in Inghilterra, forse perché spesso si sente parlare solo di Londra, invece ci sono un sacco di posti carini lì intorno 🙂
      A presto 🙂

  4. 7

    Ah che bellezza Marti, i ricordi delle vacanze studio!! Io ne ho fatte 5, dai 14 ai 18 anni, in Inghilterra, Scozia, Irlanda e California. Per me sono state esperienze uniche e meravigliose, se ci penso devo ringraziare tantissimo me stessa e i miei genitori per la possibilità di viverle! Però non ho mai visto Brighton, né Canterbury, né Cambridge, e sono tutti posti che mi ispirano tanto, come tante altre cittadine d’Inghilterra. Spero un giorno di riuscire a visitarle!
    Un abbraccio
    P.S: ma ‘ste foto belle a 15 anni, ne vogliamo parlare???

    • 8

      Cinque?! Splendido ❤️ Che poi, California, hai detto poco 😉
      Mi è piaciuta molto quella parte di Inghilterra, infatti spero di tornarci presto, soprattutto a Brighton, come ho scritto nel post. 😀
      Ahaha grazie, sono le poche salvabili credo 😉
      Un abbraccio ❤️

  5. 9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *