Portobuffolè: uno dei Borghi più belli d’Italia in provincia di Treviso

Vi accompagno per le strade di Portobuffolè durante il mercatino dell’antiquariato. Ecco cosa vedere in uno dei borghi più belli d’Italia. 

Divisore tag

Portobuffolè è un piccolo borgo medievale a un passo dal confine tra Veneto e Friuli-Venezia Giulia, una delle chicche della Marca Trevigiana che meritano una sosta se si va alla scoperta di questo territorio.

Torre Civica

È il comune più piccolo della provincia di Treviso e fa parte sia de “I borghi più belli d’Italia” sia dei paesi che hanno ottenuto la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano, riconoscimento dato alle piccole eccellenze dell’entroterra.

Via della Chiesa

La storia di Portobuffolè inizia in epoca romana, quando nasce con il nome di Septimum de Liquentia, il “centro a sette miglia (da Oderzo) lungo il fiume Livenza”.


 Leggi anche: Passeggiata storica a Oderzo, città archeologica


Nel dodicesimo secolo, poi, Septimum diventa Portus Bufalendi, un termine del latino medievale traducibile con “canale” o ricollegabile alle “bufaline”, imbarcazioni tipiche del trasporto fluviale. Entrambe le ipotesi sono più che valide, perché è proprio il suo fiume a favorirne lo sviluppo.

Casa di Gaia da Camino e Torre Civica

Il Livenza, infatti, essendo navigabile e sfociando a pochi chilometri da Venezia, è stato per secoli una via di comunicazione perfetta e fondamentale per il trasporto delle merci dall’entroterra alla laguna e viceversa.

Mercatino dell'antiquariato e del collezionismo

Per questo suo essere un punto di riferimento commerciale, dopo anni di governo della famiglia Da Camino, Portobuffolè finisce infine nelle mani della Serenissima e nobili e commercianti stabiliscono qui le loro dimore.

Piazza Beccaro

Il paese si può visitare facilmente in mezza giornata e l’ideale è scoprirlo durante uno degli eventi che animano le piazze e le vie del centro come il mercatino dell’antiquariato, che si tiene ogni mese.

Le tappe da inserire nell’itinerario non sono molte e vi permetteranno di scoprire la storia e gli angoli più belli di questo piccolo centro della Marca. Ecco cosa vedere a Portobuffolè.

Mercatino dell'antiquariato e del collezionismo

Il mercatino dell’antiquariato

Il mercatino di Portobuffolè è uno dei più famosi della provincia di Treviso tra quelli dedicati all’antiquariato e al collezionismo. Si tiene ogni seconda domenica del mese ad eccezione di agosto e ospita più di 200 espositori provenienti anche da altre regioni italiane.

Mercatino dell'antiquariato e del collezionismo

Ci troverete piccoli oggetti, orologi, francobolli, antichi giocattoli, ceramiche, libri, mobili. Io adoro questi appuntamenti, perché starei ore a curiosare tra le bancarelle.

Mercatino dell'antiquariato e del collezionismo

Se decidete di visitarlo, vi consiglio di andarci la mattina o nel primo pomeriggio, perché verso le quattro e mezza molti espositori (soprattutto quelli che arrivano da più lontano) cominciano a imballare le proprie cose.

Mercatino dell'antiquariato e del collezionismo

Piazza Ghetto

Come dicevo, proprio per la sua posizione strategica lungo il fiume Livenza, una delle principali arterie fluviali che permettevano di raggiungere Venezia, Portobuffolè era un importante centro commerciale ed economico.

Piazza Ghetto

Per questo motivo, durante il governo della Serenissima, numerosi banchieri si trasferirono qui dai centri vicini e dalla stessa Venezia. Molti di loro erano ebrei e alcuni arrivarono anche da Francia e Germania, da dove erano stati cacciati con l’accusa di aver diffuso la peste.

Piazza Ghetto

In paese comparvero quindi una sinagoga (che oggi è il Duomo) e, di fianco, la residenza del suo Capo: l’edificio principale che si affaccia sull’attuale Piazza Ghetto.

Nel 1480, però, alcuni ebrei residenti a Portobuffolè furono ingiustamente accusati di infanticidio e condannati al rogo in Piazza San Marco a Venezia. Il paese bandì per questo tutta la comunità e oggi, in loro memoria, c’è una targa in ebraico affissa sul palazzo che ospitava l’Arcisinagogo.

Targa in Piazza Ghetto

Il Duomo

Il Duomo di Portobuffolè, dedicato a San Marco, nasce come sinagoga ebraica e per ottant’anni, dopo il 1480, rimase chiuso e inutilizzato.

La chiesa fu consacrata nel 1559 e ciò che si può vedere ora è il risultato di continue modifiche fatte in epoche differenti: l’area dell’altare è barocca, quella del coro risale al Settecento e si trova dove c’era l’antico cimitero, il rosone fu chiuso nell’Ottocento.

Duomo

L’interno è luminoso e abbastanza semplice, con decorazioni minime e che, come la struttura, sono un mix di stili diversi che però si amalgamano perfettamente.

Duomo

Sul lato sinistro, dove c’è anche un altare settecentesco, è stata posta un’urna con le reliquie di San Gervasio, mentre sopra il battistero si può vedere una pala dedicata alla Madonna dipinta nel 1536 da Francesco da Milano.

Informazioni: il Duomo si può visitare solo prima e dopo le funzioni religiose.

Duomo

La Torre Civica

La Torre Civica, che sovrasta il Palazzo Municipale e la sua loggia, è uno dei simboli del comune ed è l’unica delle sette costruite lungo la fortificazione a essere giunta fino a noi.

Torre Civica

Eretta nel Decimo secolo e modificata nel Rinascimento, è alta 28 metri ed è decorata con un orologio. Fino al Novecento è stata utilizzata come prigione, ma oggi ospita il Museo del contadino e dell’artigianato dell’Alto Livenza.

Informazioni: la Torre Civica è visitabile il sabato e i festivi dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 19.00.

Torre Civica

Il Monte di Pietà

Sotto la Torre Civica c’è il Monte di Pietà, il banco dei pegni istituito dal Senato veneziano nel 1480 dopo che gli Ebrei furono cacciati e i loro beni confiscati.

L’edificio è riconoscibile per i suoi elementi decorativi. I primi sono gli affreschi cinquecenteschi che si affacciano su Piazza Vittorio Emanuele II e che raffigurano la Fama (con le trombe tra le braccia), la Giustizia (con la bilancia), la Carità (con i bambini) e forse ciò che rimane della Pace. Il secondo è il Leone di San Marco sulla facciata d’ingresso.

Monte di Pietà

Quest’ultimo è noto anche con il nome di Leone “in moeca”, perché realizzato all’interno di un cerchio che ricorda il carapace di un piccolo granchio tipico della Laguna, la moeca, appunto.

Informazioni: oggi il Monte di Pietà ospita il centro di informazioni turistiche.

Leone in moeca

L’antico Fontego del Sale

Non distante dal Monte di Pietà c’è un edificio che rischia di passare inosservato, ma che, in realtà, era uno dei più importanti del paese: il Fontego.

Piazza Maggiore

L’antica dogana, tra le principali del territorio, era utilizzata come magazzino e laboratorio per il sale che arrivava da Venezia. Questo bene prezioso veniva poi lavorato e infine spedito via fiume o via terra verso il Cadore, la Germania e l’Austria.

Oggi ospita la locanda Vecchia Dogana.

Fondaco del sale

La Casa di Gaia da Camino

Quella di Gaia da Camino è una delle figure più note che ruotano attorno al comune di Portobuffolè e fu citata anche da Dante Alighieri nel canto XVI del Purgatorio.

«O tuo parlar m’inganna, o el mi tenta»,
rispuose a me; «ché, parlandomi tosco,
par che del buon Gherardo nulla senta.

Per altro sopranome io nol conosco,
s’io nol togliessi da sua figlia Gaia.
Dio sia con voi, ché più non vegno vosco.

Dante Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio, XVI, vv. 136-141

Casa Gaia da Camino

La poetessa discendeva da una delle famiglie più importanti di tutta la zona e quando, alla fine del Tredicesimo secolo, sposò il Podestà di Treviso Tolberto Da Camino, i due diventarono signori di Portobuffolè.

Anche se vissero qui, al limite della Marca, lei è sepolta all’interno della chiesa trevigiana di San Nicolò, che vi consiglio di visitare.


 Leggi anche: Un giorno a Treviso: cosa vedere all’interno delle mura


Casa di Gaia da Camino

La sua casa si trova in una via laterale non distante dalla piazza e al suo interno è decorata con affreschi risalenti al Quattordicesimo secolo e che raffigurano scene di vita cortigiana, guerrieri e paesaggi.

Informazioni: è aperta la domenica dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.00, il sabato solo il pomeriggio. Ospita attualmente mostre temporanee d’arte contemporanea.

Casa di Gaia da Camino

Porta Friuli e il ponte

Porta Friuli è uno degli angoli più suggestivi di Portobuffolè e l’ultima ancora in piedi dopo che Porta Trevisana, alla fine di Viale Margherita, fu distrutta nel 1918.

Porta Friuli

Come dice il nome, accoglieva i visitatori e viaggiatori in arrivo dal vicino Friuli Venezia-Giulia e li salutava con il suo Leone di San Marco.

La cosa interessante, però, è che il libro aperto non riporta la tipica scritta latina “Pax tibi Marce Evengelista meus“, ma “Diritti e doveri dell’uomo e del cittadino”. Furono i francesi a modificarla quando entrarono in possesso dei domini veneziani nell’Ottocento.

Leone su Porta Friuli

Il suo ponte, realizzato nel 1780 per sostituire quello levatoio in legno, è il più antico tra quelli costruiti in muratura sul fiume Livenza, il quale corso è stato però deviato nel 1900.

Porta Friuli

Mentre lo si attraversa è possibile vedere un’antichissima Bocca della Verità e se ci si affaccia verso sinistra, vegetazione permettendo, si può vedere la botola attraverso la quale accedere alla galleria sotterranea trecentesca.

Quest’ultima è chiamata la Slondrona e collegava il porticciolo di Porta Friuli con quello di via Rivapiana, dall’altra parte di Portobuffolè.

Mercatino dell'antiquariato e del collezionismo

Camminando all’interno della porta, invece, si può ancora intravedere lo stemma della famiglia Da Camino e, sulla parete opposta, la nicchia, oggi murata, dove si pagava il pedaggio per entrare in paese.

Stemma dei Da Camino

La Chiesa di San Rocco

Quando l’ormai ex ospedale di Portobuffolè, costruito nel 1362 fuori dalle mura, cominciò a ospitare numerosi malati di peste, il Consiglio Comunale decise di affiancare all’edificio un piccolo luogo di preghiera e di dedicarlo al protettore contro le malattie infettive.

Antico Ospedale

La Chiesa di San Rocco prese così il posto di un edificio più antico del Quattordicesimo secolo e fu consacrata nel 1538. Da allora molti la conoscono anche come la “Chiesa dei Baracaioli” per la vicinanza con il fiume Livenza e per le persone in cura all’interno del sanatorio.

Informazioni: l’ospedale non è più visitabile e la chiesa è attualmente in fase di restauro.

Chiesa di San Rocco

L’Oratorio di Santa Teresa

Di fianco all’ingresso di Villa Cellini-Giustinian, costruita nel 1695 e oggi purtroppo chiusa al pubblico, si trova l’Oratorio di Santa Teresa.

Villa Cellini-Giustinian

Si tratta di un piccolo edificio costruito nel Settecento in stile neoclassico e decorato con le statue della Fede, della Speranza e della Carità.

Una volta entrati si viene accolti in uno spazio luminoso e stuccato di bianco, ma molto semplice, con un affresco sul soffitto raffigurante il Trionfo di Santa Teresa e un pavimento decorato.

Oratorio di Santa Teresa

Sull’altare ci sono tre statue in marmo di Carrara (San Giovanni Battista, la Vergine e Sant’Antonio Abate) e un crocifisso realizzato dall’artista Andrea Brustolon, vissuto tra il 1600 e il 1700.

Informazioni: l’Oratorio di Santa Teresa è aperto il mercoledì, il giovedì, il sabato e la domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00.

Oratorio di Santa Teresa

Avete mai visitato Portobuffolè? Vi piacerebbe? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

Durante il mercatino dell’antiquariato, quando le strade del centro sono chiuse, è possibile lasciare l’auto in un parcheggio sulla sinistra della strada provinciale, a due passi dall’ingresso del paese. Il costo è di 1,50€.

Le immagini sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.

Se cercate un alloggio a Portobuffolè e dintorni, vi consiglio di dare un’occhiata alle offerte su Booking*.


*All’interno di questo post sono stati inseriti link di affiliazione che vi permetteranno di vedere i prodotti citati su Amazon e su Booking. Se decidete di acquistare uno o più oggetti o di effettuare una prenotazione, utilizzando direttamente questi link contribuirete senza costi aggiuntivi a supportare questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤


Ti piacciono i miei contenuti? Puoi trovare nuovi post, codici sconto e anteprime tutti in una sola mail! Iscriviti ❤

Cliccando su "Iscriviti" accetti automaticamente alla raccolta dei dati da te forniti. Questi dati verranno utilizzati nel più completo rispetto della privacy. Qui maggiori informazioni

Potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *