Nove Město: cosa vedere nella Città Nuova di Praga

Un itinerario a piedi per scoprire Nove Město, la Città Nuova di Praga. I luoghi da non perdere in questo quartiere della capitale della Repubblica Ceca. 

Divisore tag

Quando si parla di “Città Nuova” si pensa sempre ad un’area moderna, con palazzi che stonano se affiancati a quelli del centro storico e, a volte, architetture di dubbio gusto. A Praga non è così, perché Nove Město ha più di 600 anni.

Moldava

Fu costruita, infatti, nel 1348 su ordine di Carlo IV di Lussemburgo, sovrano che chiamò alla sua corte artisti, alchimisti, architetti e letterati da tutto il continente e che trasformò così Praga in una delle città più importanti d’Europa.

Statua di Carlo al Ponte Carlo

Grazie ai tre mercati cittadini più importanti che si svolgevano tra Piazza San Venceslao, Piazza Carlo e Piazza Senovazne, Nove Město è stata per secoli un’area abitata principalmente da mercanti e anche oggi è il cuore commerciale della città, con negozi e locali che richiamano continuamente abitanti e turisti.

La Moldava

È divisa dalla Città Vecchia (Staré Město) da una lunga strada ad arco che cambia il suo nome lungo il percorso e che un tempo era un ampio fossato. Parte da Ponte Štefanik (Štefánikův most) e arriva a Ponte Legione (Legií most) e nel mezzo viene chiamata via Revoluční, Na příkopě e Národní.

Mentre la si segue non si nota nemmeno la differenza tra le due metà del centro di Praga. Bisogna immergersi nelle vie laterali per scoprire che da una parte c’è un labirinto di vicoli e dall’altra strade ampie e frequentate continuamente da vetture di ogni tipo.

Legií Most

In questo post vi porto a passeggio tra le sue piazze e i suoi palazzi per scoprire i principali luoghi di interesse. Ecco le tappe da non perdere se volete visitare Nove Město, la città nuova di Praga.

La Casa Danzante

Piazza San Venceslao

Piazza San Venceslao (Václavské náměstí) è per molti il cuore di Nove Město, il suo centro commerciale e amministrativo, ed è dedicata al santo e duca di Boemia del quale c’è anche una statua equestre.

In realtà, però, più che una piazza è un ampio viale lungo 750 metri sul quale si affacciano alcuni edifici di importanza storica e culturale, come il Grand Hotel Europa del 1872 oltre che molti negozi delle marche più famose.

Grand Hotel Europa

Costruita nel 1348 per volere di Carlo IV, fu teatro di eventi importanti non solo per la città, ma per l’intera Repubblica Ceca.

Qui, proprio sotto la statua di San Venceslao, ci furono la proclamazione di indipendenza della Cecoslovacchia dall’Impero austro-ungarico (il 28 ottobre 1918) e il suicidio di Jan Palach che si diede fuoco durante la Primavera di Praga del 1969. La piazza fu anche teatro di manifestazioni e proteste durante la Rivoluzione di Velluto del 1989.

Piazza San Venceslao

L’intero spazio sembra essere governato dal Museo Nazionale (Národní muzeum), il più grande della Repubblica Ceca. L’edificio neorinascimentale che lo ospita fu realizzato su progetto di Josef Schulz alla fine dell’Ottocento e oggi al suo interno sono conservati pezzi di inestimabile valore e appartenenti a diversi campi di studio, dall’archeologia alle scienze naturali.

Statua di San Venceslao

La galleria Lucerna

La galleria di Palazzo Lucerna (Lucerna Pasáž) è uno spazio elegante e suggestivo nascosto tra gli edifici affacciati su Piazza San Venceslao. Fu costruita tra il 1907 e il 1920 su progetto dell’ingegnere Vácslav Havel e mescola dettagli modernisti ad altri Art Nouveau.

Tra gli anni Venti e Trenta fu un luogo d’incontro per letterati, musicisti jazz come Louis Armstrong, politici e uomini d’affari. Oggi al suo interno ospita anche un cinema e una caffetteria dove fare una pausa immersi in un ambiente che sembra fermo proprio a quei decenni.

Una delle sue maggiori attrattive, però, è la statua equestre realizzata nel 2000 dall’artista David Černý, che ha creato tantissime altre opere sparse per tutta la capitale ceca. Vuole essere una parodia di quella più famosa esposta in Piazza San Venceslao.

Statua alla Galleria Lucerna

La Chiesa della Vergine della Neve

La Chiesa della Vergine della Neve (Kostel Panny Marie Sněžné) fu commissionata da Carlo IV di Lussemburgo per celebrare la sua incoronazione nel 1347.

Il grande progetto iniziale prevedeva un edificio lungo ben 100 metri, il secondo più grande della città dopo l’imponente e maestosa Cattedrale di San Vito all’interno delle mura del Castello, ma purtroppo non fu mai terminato per ragioni economiche.

Chiesa della Madonna della Neve

La facciata è tra le più semplici che si possano trovare tra le chiese di Praga e bisogna superare l’ingresso per scoprire le meraviglie di questo luogo. Le arcate, alte 34 metri, sono di una bellezza semplice, ma suggestiva, decorate con delicatezza e colori tenui, e, insieme all’altare monumentale, rendono la chiesa una delle più belle della capitale.

Informazioni: la chiesa è aperta tutti i giorni dalle 9.00 alle 18.00, ma la visita non è ammessa durante le funzioni religiose. Quelle dei giorni feriali sono al di fuori dell’orario di visita, la domenica invece vengono celebrate anche alle 9.00, alle 10.15 e alle 11.30.

Chiesa della Madonna della Neve

Il lampione cubista

Quello di Praga è l’unico lampione cubista al mondo e proprio per questo merita di essere visto se state passeggiando tra le strade di Nove Město. Fu realizzato nel 1912 da Emil Králíček e si trova in una via che costeggia la chiesa della Vergine della Neve, a due passi da Jungmannovo náměstí.

Lampione cubista

Piazza Carlo

Se Piazza San Venceslao è un grande viale, Piazza Carlo, la più grande di Praga, è un ampio giardino, un tempo sede di un importante mercato cittadino.

Piazza Carlo

Sul lato settentrionale si erge il municipio della Città Nuova (Novoměstská radnice), con la sua torre alta 70 metri. Fu costruito nel 1348 e fu protagonista di uno degli eventi più importanti del Quindicesimo secolo praghese: la prima defenestrazione di Praga del 1419, che sancì l’inizio vero e proprio della rivolta ussita.

Quell’anno, una processione di fedeli del movimento rivoluzionario cristiano partì dalla Chiesa della Vergine della Neve avendo come scopo la liberazione di alcuni Ussiti imprigionati nelle carceri cittadine. Quando una pietra lanciata da una finestra colpì il prete Jan Želivský, alcuni irruppero nell’edificio e, una volta trovati i membri del consiglio, li gettarono dalla finestra.

Informazioni: il municipio è aperto dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 18.00 (con una pausa dalle 12.00 alle 13.00), la torre è aperta da aprile a novembre con gli stessi orari. Il costo è di 60 CZK a tariffa intera e 40 CZK a tariffa ridotta.

Municipio della Città Nuova

Sul lato opposto si trova invece Casa Faust (ufficialmente Palazzo Mladota) dove sembrano essersi svolte le tragiche vicende del Dottor Faust, raccontate anche da Goethe.

Secondo la leggenda, l’uomo fece un patto con il diavolo: gli vendette la sua anima in cambio di un numero illimitato di desideri. Quando giunse la sua ora, il dottore si rifiutò di consegnare la propria anima e il demonio lo trascinò con sé attraverso il soffitto.

Casa Faust

L’edificio più bello di tutta Piazza Carlo è però la Chiesa di Sant’Ignazio (Kostel sv. Ignáce), una meraviglia barocca che colpisce soprattutto per i suoi interni in marmi policromi. Fu realizzata tra il 1665 e il 1671 su progetto dell’architetto Carlo Lurago.

Informazioni: la chiesa è aperta tutti i giorni dalle 6.00 alle 12.00 e dalle 15.30 alle 18.30.

Chiesa di Sant'Ignazio

La Casa Danzante

La Casa Danzante (Tančící dům) è il simbolo della Praga moderna e contemporanea e uno degli edifici più controversi della città. Fu costruita nel 1996 sul lungofiume Rašín su progetto dell’architetto Vado Milunic in collaborazione con Frank O. Gehry, la mente che ha dato vito al Guggenheim Museum di Bilbao.

Il palazzo è conosciuto anche come “Fred e Ginger”, in onore di Fred Astaire (la parte in pietra) e Ginger Rogers (la parte in vetro). Oggi è sede di uffici, ma all’interno ci sono anche una caffetteria, una galleria d’arte, un ristorante di lusso e una terrazza panoramica.

La Casa Danzante

Il Teatro Nazionale

Seguendo la Moldava, passeggiando sul lungofiume Masaryk (Masarykovo nábřeží ), si arriva al Teatro Nazionale (Národní divadlo). L’edificio, che aprì le sue porte nel 1881, ma venne gravemente danneggiato meno di due anni dopo da un incendio, fu costruito grazie a una raccolta fondi nazionale ed è il più importante del Paese.

Oggi è affiancato da un edificio moderno, il National Thatre’s New Stage, che, a mio avviso, stona incredibilmente con l’edificio storico principale. Si tratta di una grande forma interamente ricoperta in vetro che ospita ogni giorno eventi e concerti.

Teatro Nazionale

Il Teatro Viola e via Národní

Il Teatro Viola (Divadlo Viola) si trova a due passi da Teatro Nazionale e, anche se spesso rischia di passare inosservato, è giusto alzare gli occhi e ammirare le sue decorazioni. Tecnicamente si trova sul lato della strada che appartiene alla Città Vecchia, ma mi sembrava giusto inserirlo in questo itinerario.

Sulla sua facciata ci sono statue e disegni in stile Liberty e attorno alle finestre dell’ultimo piano è stata realizzata la scritta Praha (Praga). Il teatro è stato uno dei luoghi più anticonformisti degli anni Sessanta sia per le rappresentazioni che calcavano il suo palco, sia per i personaggi che vi si sono esibiti.

Poco più avanti, sempre su via Národní, ma al civico 16, c’è anche una targa che ricorda le proteste del 1989. Il 17 novembre di quell’anno, in occasione della Giornata Internazionale degli Studenti, quindicimila persone si riunirono per marciare lungo le vie della città contro il comunismo. Il corteo fu bloccato dalla polizia che caricò su studenti e manifestanti. Fu uno degli eventi che diede il via alla Rivoluzione di Velluto.

Teatro Viola

+ La stazione centrale

In realtà la stazione centrale di Praga (Praha hlavní nádraží) è una tappa “bonus”, una di quelle da inserire nell’itinerario solo se avete un po’ di tempo in più.

Inaugurata nel 1871, si divide in tre quartieri, Nove Město, Žižkov e Vinohrady, e un tempo i treni che partivano e arrivavano collegavano la città solo a Vienna. Nel primo decennio del Novecento venne ampliata e abbellita con una biglietteria in stile Art Nouveau, il vero motivo per il quale ho deciso di inserire quest’ultimo punto nell’itinerario. Oggi quest’area della stazione è diventata un cafe.

Stazione ferroviaria di Praga

Avete mai visitato Nove Město? Se sì, quali altri luoghi consigliereste? Quali di questi, invece, vi incuriosisce di più? Lasciate un commento 🙂

Divisore tagInformazioni

Questo itinerario per scoprire Nove Město è lungo poco più di 4 chilometri e vi occuperà una mattinata se decidete di non entrare al Museo o nel Municipio della Città Nuova. L’intero tragitto è facilmente percorribile a piedi e solitamente non è necessario usare i mezzi di trasporto.

Le tappe sono state inserite nel post nell’ordine consigliato per la visita, ma se decidete di visitare anche la stazione centrale, vi suggerisco di sceglierla come prima tappa in modo da fare un percorso più lineare, perché non è distante da Piazza San Venceslao.

Questo post non vuole essere in alcun modo una guida definitiva, ma un insieme di suggerimenti basati sulla mia esperienza personale in città. Ho deciso di inserire Piazza Repubblica, divisa tra Città Vecchia e Città Nuova, nell’itinerario dedicato a Staré Město che verrà pubblicato prossimamente.

Le foto sono state scattate con una Canon 1100D, per vedere le altre sfogliare il mio album su Flickr.

Durante il mio viaggio a Praga ho soggiornato in un appartamento prenotato attraverso Airbnb. Cliccando sul link e registrandovi sul sito potrete ottenere 25€ di credito da utilizzare per il vostro primo soggiorno.

***

Nel post è stato inserito il link di affiliazione ad Airbnb. Nel caso in cui decidiate di utilizzarlo, sappiate che, senza costi aggiuntivi, contribuirete a supportare questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato, perché il sito mi riconoscerà una piccola percentuale. Grazie a chiunque deciderà di usarlo 

Ti piacciono i miei contenuti? Puoi trovare nuovi post, codici sconto e anteprime tutti in una sola mail! Iscriviti ❤

Cliccando su "Iscriviti" accetti automaticamente alla raccolta dei dati da te forniti. Questi dati verranno utilizzati nel più completo rispetto della privacy. Qui maggiori informazioni

Potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *