L’Empire State Building: New York dall’alto e 8 curiosità

Empire State Building: vedere New York dall’alto. Uno degli edifici più alti al mondo: storia, curiosità e record del grattacielo più visitato di Manhattan.

Divisore tag

L’Empire State Building: il posto perfetto per vedere New York dall’alto. Si sale fino alla cima del suo simbolo e si ammirano le sue strade trafficate delimitate a ovest dall’Hudson e a est dall’East River.


 Leggi anche: New York: cosa vedere e cosa fare se la visitate per la prima volta


Empire State Building, from the Brooklyn Bridge.

Salendo all’ottantaseiesimo piano con i velocissimi ascensori, è possibile accedere alla terrazza che offre una delle viste più spettacolari che potrete trovare a New York. Un panorama a 360 gradi grazie al quale scoprire la città dall’alto, meglio se al tramonto.

A sud il Financial District, a nord Central Park, ad est il Queens e Brooklyn, ad ovest il New Jersey. È il luogo ideale per farvi dare il benvenuto da questa magnifica metropoli.

Empire State Building from the High Line

Da sempre è sede di uffici e, oggigiorno, anche di molte reti televisive, che grazie alla gigantesca antenna posizionata sulla cima negli anni Cinquanta, riescono a trasmettere i loro programmi.

Al di là di questo però, ci sono anche alcune cose che forse non sapete sul grattacielo più famoso di Manhattan. Ecco alcune curiosità sull’Empire State Building.

Empire.

1 | Perché l’Empire State Building si chiama così

Il suo nome deriva dalla storia dell’intero Stato di New York. Grazie alla sua ricchezza e alle risorse di cui dispone, infatti, è noto come the Empire State (lo Stato Impero) fin dai tempi di George Washington.

C’è chi dice che sia stato proprio lui ad affibbiare allo stato questo soprannome.

Lower Manhattan e il New Jersey dall'Empire State Building

2 | Perché fu realizzato in tempi record

Progettato dagli architetti Lamb e Harmon e costruito tra il 1930 e il 1931, venne realizzato in soli quattordici mesi.

Il motivo? Togliere il prima possibile il primato di edificio più alto del mondo al Chrysler Building (319 m), poco distante ed inaugurato nel maggio 1930.

«Tutto in quel progetto era esagerato. […]
Se Walter Chrysler era convinto che la sua ingegnosa guglia di acciaio inossidabile avrebbe fatto di lui il re dello skyline di New York, si sarebbe presto ricreduto. L’Empire State Building si stava preparando a dominarlo, e presto.
[…] I materiali giungevano dai luoghi più diversi. Le grandi travi a T da Pittsburgh, la pietra calcarea dall’Indiana, il legname dalla costa pacifica, il marmo da Italia e Francia e, quando queste forniture non furono sufficienti, gli appaltatori acquistarono un’intera cava in Germania.
La cosa in assoluto più impressionante era la velocità dei lavori. Mentre la grande struttura in acciaio si arrampicava con regolarità nel cielo, i muratori e i marmisti seguivano dappresso. L’Empire State Building stava crescendo quasi di un piano al giorno.
[…] Venerdì 19 settembre [n.d.r. 1929] la grande gabbia d’acciaio dell’Empire State Building era quasi completa. I muratori avevano tenuto il passo e ormai mancavano soltanto dieci piani da terminare. Ottantacinque piani in sei mesi dall’inizio della costruzione».

New York*, Edward Rutherfurd. Traduzione di Stefano Viviani.


 Leggi anche: Alla scoperta della storia di New York con Edward Rutherfurd


Manhattan di notte dall'Empire State Building

3 | Per un po’ è stato l’edificio più alto del mondo

L’Empire State Building, con i suoi 381 metri di altezza, è stato l’edificio più alto del mondo fino al 1973, anno in cui vennero costruite le Torri Gemelle (417 m).

Ora è in quinta posizione, superato dal Burj Khalifa di Dubai (828 m), dalla Freedom Tower di New York (541,33 m), dal Taipei 101 nell’omonima città (508 m), dalle Petronas Towers a Kuala Lumpur (451,9 m) e dalla Willis Tower di Chicago (442 m).

Manhattan di notte dall'Empire State Building

4 | Ha un’entrata preziosissima

La parete Art Déco che accoglie i visitatori è un vero tesoro. Presenta una decorazione in oro 23 carati e foglie di alluminio e raffigura l’Empire in tutta la sua bellezza e luminosità. Alle spalle ha una mappa dello Stato di New York.

I muri, invece, sono creati con un insieme di diverse e rare qualità di marmo provenienti da Belgio, Francia, Germania ed Italia.

L'ingresso dell'Empire State Building

5 | Quanto è costato l’intero progetto

Dietro la progettazione dell’Empire State Building c’è un improntate finanziamento, quello di John J. Raskob, già mente della General Motors. L’imprenditore vendette le sue azioni GM e con il ricavato fece costruire questo spettacolare edificio.

Il costo totale per la realizzazione del progetto? 41 milioni di dollari.

Manhattan di notte dall'Empire State Building

6 | Per un po’ lo chiamarono The Empty State Building

Purtroppo, inizialmente, l’investimento di Raskob non sembrò essere una mossa vincente. A causa della Grande Depressione, infatti, molti uffici rimasero invenduti.

Per non farlo capire, si pensò a una mossa che ha un che di geniale. Al calar del sole si accendevano le luci in modo da far credere che gli uffici fossero pieni. Nonostante questo, però, nessuno ci cascò e l’edificio venne soprannominato The Empty (vuoto) State Building.

Nel 1961 venne venduto agli attuali proprietari per la bellezza di $65.000.000.

Empire State Building, the store.

7 | Le sue luci cambiano colore

Le luci del grattacielo non hanno solo uno scopo funzionale, ma anche decorativo.

Per il Columbus Day, infatti, l’Empire si tinge dei colori della bandiera italiana, nel periodo natalizio si illumina di verde e rosso, durante il capodanno cinese di rosso e così via.

Manhattan di notte dall'Empire State Building

In più, molti degli “eventi luminosi” dell’edificio sono legati a personalità importanti per la città o a eventi particolari.

Qualche esempio? Nel 1998, per la morte di Frank Sinatra, vennero accese delle luci blu in omaggio agli occhi del cantante. Nel 2001, per la morte di Joey Ramone (cantante dei Ramones), l’Empire è stato illuminato con i colori della bandiera americana.

Il 24 giugno 2011, quando è stata approvata anche nello Stato di New York la legge che legalizzava i matrimoni gay, si è colorato dei colori della bandiera arcobaleno, simbolo della comunità LGBT. Ultimo, ma non meno importante, il 7 novembre 2012, quando si tinse di blu per omaggiare la vittoria del democratico Obama. 

Empire State Building.

8 | È uno dei luoghi di New York a comparire di più nei film

L’Empire State Building è uno dei luoghi di New York più famosi del grande schermo. Fu co-protagonista nelle pellicole di King Kong e set cinematografico per moltissimi altri film e serie televisive. Non c’è da stupirsi, visto che è uno dei simboli della Grande Mela.


 Leggi anche: I film ambientati a New York: le location e i video


Empire State Building from Bryant Park.


Dove dormire a New York


Dove dormire a New YorkDurante il mio viaggio a New York ho soggiornato all’Hotel Mela*, a due passi da Times Square.

Le camere sono pulite e comode, leggermente più spaziose rispetto ad altre di Manhattan. In più l’albergo si trova in una posizione strategica per scoprire l’intera città perché Times Square non è solo centrale, ma è anche servita da molte linee della metropolitana.


Avete mai visto New York dall’alto dell’Empire State Building? Vi piacerebbe? Lasciate un pensiero tra i commenti 🙂

Divisore tag

Informazioni

L’Empire State Building, tra la Fifth Avenue e la 34th Street, è aperto dalle 8.00 del mattino alle 2.00 di notte.  Prima di raggiungere la biglietteria ci sono dei controlli con i metal detector, fate attenzione a quello che avete in borsa. 

I biglietti per l’Empire State Building

Il costo del biglietto per salire all’ottantaseiesimo piano e vedere New York dall’alto è di 34,00$ intero e 27,00$ ridotto. Nel costo del biglietto è compreso un percorso informativo ricco di curiosità sull’edificio e la salita fino alla terrazza panoramica.

Le code per prendere gli ascensori sono spesso molto lunghe, meglio visitarlo la mattina presto o la sera tardi, se possibile, oppure acquistare i biglietti salta fila.


Clicca qui per acquistare i biglietti salta fila!*


Come raggiungere l’Empire State Building

Le linee della metro più comode per arrivare a destinazione sono la gialla e l’arancione (sia express che locali), con fermata 34th St – Herald Square, oppure la verde (solo locale) con fermata 33th St.

Gli autobus che percorrono la Fifth Avenue (da nord verso sud) sono alternative altrettanto valide e, a parte il traffico nelle ore di punta, più comode: le fermate sono più vicine all’edificio rispetto a quelle della metro (se arrivate da sud prendete uno degli autobus sulla Ave of Americas – Sixth Avenue o sulla Madison).


 Leggi anche: Come muoversi a New York: metropolitana, autobus e taxi


Le immagini sono state scattate con una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.

Se state organizzando il percorso per la vostra prima volta a New York vi consiglio di dare un’occhiata alla pagina con tutti gli articoli su New York.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

3 Comments

  1. 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *