Il Louvre: storia e informazioni utili per visitare il museo più importante di Parigi

Il Louvre: alla scoperta della storia del museo più importante di Parigi. Il suo passato, le opere e tutte le informazioni utili per visitarlo. 

Divisore tag

Il Louvre è uno dei musei più importanti non solo di Parigi, ma dell’Europa intera. Al suo interno ci sono opere dal valore inestimabile che lo rendono un forziere preziosissimo e nel quale perdersi e meravigliarsi anche per un giorno intero.


 Leggi anche: La Torre Eiffel: storia e curiosità del simbolo di Parigi


Musée du Louvre.

La storia del Museo del Louvre

Il Louvre nacque come fortezza nel Dodicesimo secolo per volere di re Filippo II ed è proprio a lui, pare, che si deve il suo nome. Secondo una delle ipotesi più accreditate, infatti, il sovrano lo avrebbe soprannominato l’œuvre (il capolavoro), perché all’epoca era il più grande di Parigi.

Nel corso dei secoli il palazzo ha subìto moltissime modifiche. Nel 1358 Carlo V lo ampliò trasformandolo in residenza reale, Luigi XI aggiunse una prigione sotterranea, Francesco I, invece, vi affiancò un nuovo edificio. Non solo, nel 1594 Enrico IV lo collegò al Palazzo delle Tuileries, mentre a partire dal 1624 vennero aggiunte le due corti.

Musée du Louvre.

Il Louvre fu sede della monarchia di Francia fino al 1682, quando per volere di Luigi XIV fu trasferita nella reggia di Versailles. A quell’epoca l’edificio era molto simile a quello attuale, ma ulteriori modifiche furono terminate pochi anni dopo la Rivoluzione Francese.

Il museo aprì ufficialmente le sue porte il 10 agosto 1793 per volere della nuova Repubblica, ma i lavori di ampliamento continuarono per decenni grazie alle numerose acquisizioni e collezioni provenienti da ogni parte del mondo.

La grande piramide che lo caratterizza, opera dell’architetto di origine cinese Ieoh Ming Pei, è stata completata nel 1989 ed è uno degli ultimi lavori svolti. Oggi il Louvre è uno dei primi musei al mondo per numero di visitatori.


 Leggi anche: Il Museo d’Orsay: la sua storia e le informazioni utili per visitarlo


Musée du Louvre.

Le collezioni del Louvre

Il Louvre sicuramente uno dei musei da visitare almeno una volta nella vita, anche solo per dare una sbirciatina (sarete fortunati se potrete ammirarla davvero) alla famosissima e altrettanto piccola Monna Lisa.

Al suo interno sono conservate opere di Leonardo Da Vinci, Antonio Canova, Michelangelo Buonarroti, Jacques-Luis David e moltissimi altri artisti che hanno segnato la storia europea.

Musée du Louvre.

La sua maestosa collezione iniziò a prendere vita a partire dal 1794 grazie alle vittorie dell’esercizio rivoluzionario e, soprattutto, alle spoliazioni napoleoniche, molte avvenute in Italia. Per questo nel 1802 il museo era noto anche come Musée Napoléon. Il museo, importantissimo per l’imperatore, fu anche teatro del suo matrimonio con Maria Luisa d’Austria l’11 marzo 1810: la cerimonia avvenne nella Grande galerie.

Dopo la sconfitta di Napoleone del 1815, molte opere furono restituite ai legittimi proprietari, anche se più della metà di quelle italiane rimasero in Francia.

Museo del Louvre

Visitare il Louvre

Il Museo del Louvre è diviso su tre piani e un mezzanino. All’ingresso potete trovare una mappa che illustra le opere da non perdere su ciascun piano.

Al pianterreno sono conservate le sculture, le opere orientali, egizie, greche, etrusche e romane, ma anche quelle provenienti dall’Asia, dall’Africa, dall’Oceania e dalle Americhe.

Il primo piano, invece, ospita gli oggetti d’arte, i dipinti, le arti grafiche e altri pezzi della collezione egizia e di quella classica (greca, etrusca e romana).

Al secondo piano si possono trovare i dipinti francesi, tedeschi, fiamminghi, olandesi e i disegni provenienti dalle stesse aree d’Europa, ma anche la sala come le mostre temporanee.

Nel mezzanino, infine, ci sono le aree dedicate all’Islam, alla storia medievale e a quella dello stesso Louvre e altre opere classiche ed egizie.

Musée du Louvre.

Informazioni per visitare il museo: orari e biglietti

Il Museo del Louvre si trova al 99 di Rue de Rivoli. È aperto tutti i giorni, tranne il martedì, dalle 9.00 alle 18.00, il mercoledì e il venerdì la chiusura è posticipata alle 21.45. Chiuso il 1 gennaio, 1 maggio e 25 dicembre.

L’ingresso costa 15,00€, mentre è gratuito per i minori di 18 anni, i giovani europei dai 18 ai 25 anni, gli insegnanti di storia dell’arte (e materie simili), i giornalisti con tesserino e i diversamente abili e loro accompagnatori. L’ingresso è gratuito il primo sabato sera del mese dalle 18.00 alle 21.45.

La fermata della metropolitana più vicina è Palais Royal – Musée du Louvre.

Musée du Louvre.

Dove dormire a Parigi


Hotel a Parigi

Durante la mia settimana a Parigi ho soggiornato all’Aparthotel Adagio Paris Centre*, che regalava una splendida vista sulla Torre Eiffel.

Non è distante dalla Senna e dal centro città e le camere sono dei mini appartamenti dotati di cucina, l’ideale se volete essere indipendenti per i pasti o se viaggiate in quattro e volete stare tutti insieme in una camera spaziosa.


Avete mai visitato il Museo del Louvre? Se avete domande, dubbi o suggerimenti, lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

Le foto sono state scattate con una Nikon Coolpix S210*, per vedere le altre sfogliate il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

4 Comments

  1. 1

    Ciao Marty,
    Era da tanto che non passavo di qui 🙂

    Non posso che concordare sulla scelta del museo d’Orsay.. É uno dei miei preferiti al mondo <3 ha un fascino tutto suo sia per la struttura che per le opere che ospita.

    Un bacio, Danila

  2. 3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *