Il Museo Ghibli di Tokyo: nel magico mondo di Miyazaki

Il Museo Ghibli di Tokyo. Un viaggio fino a Mitaka per scoprire il mondo magico e creativo di Miyazaki. La mia esperienza e tutte le informazioni utili.

Divisore tag

Visitare il Museo Ghibli di Tokyo senza essere fan del regista Hayao Miyazaki è un po’ come visitare Disneyland Paris senza essere innamorati dei cartoni Disney. Se ne apprezza l’aspetto, la creatività, ci si rende conto di essere all’interno di un mondo un po’ magico, ma non ci saranno mai il trasporto e l’emozione tipici di chi è cresciuto con quelle storie o le conosce a memoria.

Se, invece, siete fan del genere, allora preparatevi a vivere una vera magia.

Ghibli Museum

Il Museo Ghibli di Tokyo

Il Museo Ghibli o Museo d’Arte Ghibli, è nato nel 2001 da un’idea di Hayao Miyazaki, regista, sceneggiatore e animatore giapponese, e racchiude in sé le mille sfumature e gli altrettanti dettagli dello Studio Ghibli, il suo studio cinematografico nato nel 1985.

Il termine Ghibli (pronunciato in giapponese gibli) deriva dal soprannome dell’aereo Caproni Ca.309, usato dalla Regia Aeronautica italiana per operare in Nordafrica, e indica anche un vento caldo tipico del deserto. Fu scelto da Miyazaki in persona, appassionato d’aviazione.


 Leggi anche: Curiosità sul Giappone: le cose da sapere prima di partire


Ghibli Museum

Visitare il Museo Ghibli

Il Museo Ghibli si divide su tre piani, quattro se si conta anche la terrazza sul tetto. L’arredamento e le decorazioni si rifanno alle opere di Miyazaki e proprio per questo si viene catapultati all’interno delle sue creazioni. Ogni dettaglio è incredibilmente curato, tombini compresi.

Ghibli Museum

Ci sono spazi gioco per i più piccoli, aree informative ed esposizioni permanenti che permettono di scoprire il processo di creazione di lungo e cortometraggi, quelle che ho preferito in assoluto. Non mancano poi un negozio dedicato dove acquistare gadget e oggetti da collezione, un café a tema e un piccolo cinema, il Saturn Theatre.

Ghibli Museum

All’interno della sala vengono proiettati circa ogni mezz’ora i cortometraggi dello Studio Ghibli. La cosa importante è che non è necessario sapere il giapponese, perché sono muti e in questo modo possono apprezzarli tutti. Durante la mia visita in programmazione c’era Pandane to tamago hime (Mr. Dough and the Egg Princess), una storia molto carina e che riguarderei volentieri.

Ghibli Museum

Ultimo, ma non meno importante, dopo aver ammirato l’esterno del museo e varcato la porta d’ingresso, un addetto del personale consegna una brochure informativa e un biglietto speciale, composto da tre fotogrammi tratti da uno dei lungometraggi. Sono tutti diversi e a me è capitata una scena de La Collina dei Papaveri. È un’idea che mi è piaciuta subito moltissimo.

Ghibli Museum Ticket

Un ultimo consiglio. Quando i miei compagni di avventure mi hanno coinvolto nel loro viaggio in Giappone, Miyazaki lo avevo solo sentito nominare e dei suoi lungometraggi avevo visto solo qualche immagine.

La visita al museo era già stata programmata e per questo mi hanno caldamente consigliato di vedere almeno due dei suoi film prima di partire. Insomma, un minimo di infarinatura per non arrivare del tutto impreparata. Vi do lo stesso consiglio.

Io ho scelto Il castello errante di Howl, del quale avevo tanto sentito parlare, e Laputa. Quest’ultima si è rivelata un’ottima scelta visto che non appena si arriva al Museo Ghibli la prima cosa che salta agli occhi, a parte i colori sgargianti dell’edificio, è uno dei giganteschi robot del film che sembra fare la guardia sul tetto.

Ghibli Museum

I biglietti

Il Museo Ghibli è aperto dalle 10.00 alle 18.00. È chiuso il martedì, ma il calendario può subire variazioni, consiglio quindi di collegarsi al sito Ghibli-museum.jp per controllare le date. Il costo del biglietto varia a seconda della fascia d’età:

  • Maggiori di 19 anni: ¥1,000
  • 13-18 anni: ¥700
  • 7-12 anni: ¥400
  • 4-6 anni: ¥100

Per visitare il Museo Ghibli è necessario prenotare i biglietti, decidendo in anticipo la data e l’ora della visita, perché non è possibile acquistarli direttamente all’entrata. Se volete prenderli prima di partire per il Giappone, sul sito Jtbmt.com sono indicati i rivenditori ufficiali.

In alternativa potete comprarli a Tokyo in uno dei conbini (mini market) della catena Lawson. Così facendo però rischiate di non trovarli disponibili, soprattutto in alta stagione.

Ghibli Museum

Come raggiungere il museo

Il Museo Ghibli si trova a Mitaka, a ovest di Tokyo. Per raggiungerlo basta prendere un treno della JR Chuo Line, che attraversa Tokyo da est a ovest. Il costo del biglietto varia a seconda della stazione di partenza, ma se avete il Japan Rail Pass, non dovrete pagare nulla.

Una volta arrivati in stazione dovrete percorrere circa 15 minuti a piedi (poco meno di un chilometro e mezzo). Lungo il percorso trovate le indicazioni per il museo, se in dubbio seguite quelle per Inokashira Park.

Inokashira Park

Dove dormire a Tokyo


Dove dormire a Tokyo

Durante il mio viaggio a Tokyo ho soggiornato all’hotel Citadines Central Shinjuku*.

Si trova, come dice il nome, in uno dei quartieri più vivaci della capitale e non distante da uno degli snodi ferroviari e metropolitani più importanti, grazie al quale sarà facilissimo scoprire l’intera città.

Io ho usufruito solo della camera e non dei pasti, ma mi sono trovata benissimo. I letti sono ampi e comodi e il bagno nuovissimo.


Vi piacerebbe visitare il Museo Ghibli? Se avete consigli, dubbi o domande, lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

All’interno del museo non è possibile scattare fotografie.

Le immagini sono state scattate con una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

8 Comments

  1. 1

    Non ho visto tutto di Miyazaki, ma amo i suoi film. Tra i miei preferiti c’è proprio Il castello errante di Howl… e poi La città incantata, te lo consiglio perché è una storia dolcissima. Quando andrò a Tokyo (sì ma quando?!) sicuramente metterò in lista questo museo 🙂

  2. 3

    Sogno il Giappone da anni e ovviamente il Museo Ghibli sarebbe una delle tappe obbligate! Se non li hai ancora visti, ti consiglio Il mio vicino Totoro (un classico), Kiki consegne a domicilio (graziosissimo), e Principessa Mononoke. 🙂

  3. 5
  4. 7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *