Kanazawa: cosa vedere se si ha poco tempo

Kanazawa e un itinerario per scoprirla. Cosa vedere se avete poco tempo: dal Castello al mercato, passando per il quartiere dei samurai. 

Divisore tag

Kanazawa è stata una delle tappe del viaggio che mi ha portato in treno da Tokyo a Osaka. Sono arrivata nel tardo pomeriggio, per ripartire all’ora di pranzo del giorno successivo.

Una giornata scarsa è davvero poco per visitare come si deve la città, che avrebbe bisogno di molto più tempo per essere davvero scoperta, ma è abbastanza per vedere alcuni dei luoghi più rappresentativi.


 Leggi anche: Japan Rail Pass: come funziona e come muoversi in Giappone


Castello di Kanazawa

Il suo nome significa “palude d’oro” ed è una delle città giapponesi più importanti, un grande polo commerciale dove ogni giorno transita un numero incredibile di persone, oggetti e informazioni. Molto diversa da Takayama, che avevo appena salutato.


 Leggi anche: Cosa vedere a Takayama: breve guida e informazioni utili


Castello di Kanazawa

Cosa vedere a Kanazawa

Proprio per questo non basta un giorno per vederla tutta, però sono riuscita comunque a scoprire alcuni luoghi davvero belli e ora voglio condividerli con voi. Vi accompagno tra le vie di Kanazawa.

Giardino Kenrokuen

Nagamachi, il quartiere dei samurai

Il quartiere di Nagamachi è uno dei più antichi di Kanazawa. Durante il periodo Kaga era abitato principalmente da samurai ed è stato realizzato sulla base delle scienze militari, per renderlo più sicuro.

Passeggiando tra le sue vie ci si trova quindi all’interno di un labirinto, con vicoli ciechi e diramazioni che, senza una mappa alla mano, potrebbero confondervi. Alcune delle abitazioni sono aperte al pubblico.

Nagamachi District

Il castello di Kanazawa

Il Castello di Kanazawa (Kanazawa-jō) fu realizzato nel 1583, ma venne ricostruito più volte nel corso dei secoli a causa di incendi, battaglie e terremoti. Per le sue dimensioni è anche conosciuto come il “Palazzo dei mille tatami”.

Castello di Kanazawa

L’edificio, circondato da un grande parco, ha ospitato la famiglia Maeda, che lo commissionò, per generazioni, per poi diventare sede dell’esercito e, successivamente, dell’università. Oggi è dedicato esclusivamente ai visitatori, a chi vuole fare una passeggiata o un po’ di sport all’aria aperta.

Castello di Kanazawa

Informazioni: il parco del castello e le sue porte principali sono aperti dalle 7.00 alle 18.00 dal 1 marzo al 15 ottobre. Dal 16 ottobre fino a fine febbraio, invece, aprono alle 8.00 per chiudere alle 17.00. L’accesso è gratuito.

Castello di Kanazawa

Il Kenroku-en

Kenroku-en, vicinissimo al castello e un tempo giardino privato della residenza, è forse il più bello visitato durante il mio viaggio di tre settimane in Giappone. È un mix di spazi ampi e stretti sentieri, di specchi d’acqua e aree verdi.

Giardino Kenrokuen

A pochi metri dall’entrata ci si ritrova davanti il laghetto Kasumigaike, uno degli angoli più suggestivi del parco. Dall’acqua sbuca un’isola a forma di tartaruga, mentre sulla sponda destra c’è la lanterna Kotojitoro, uno dei simboli del giardino.

Giardino Kenrokuen

 Leggi anche: Viaggio in Giappone: itinerario di tre settimane da Tokyo a Osaka


Giardino Kenrokuen

Ci sono poi la casa del tè Shiguretei, un’area piena di prugni e ciliegi che in primavera regalano splendidi colori, piccole cascate, come la Midoritaki, e alberi secolari. È il luogo ideale per una passeggiata, sopratutto la mattina presto, quando non c’è quasi nessuno e la luce è splendida.

Giardino Kenrokuen

Informazioni: il Kenroku-en è aperto dalle 7.00 alle 18.00 dal 1 marzo al 15 ottobre. Dal 16 ottobre alla fine di febbraio invece apre alle 8.00 e chiude alle 17.00. L’accesso è a pagamento: ¥310 per gli adulti e ¥110 per bambini e ragazzi dai 6 ai 17 anni. 

Giardino Kenrokuen

Il santuario Kanazawajinja

Uscendo dal cancello Zuishinzaka del giardino, è possibile visitare il santuario Kanazawajinja. Questo luogo è immerso nella natura ed è famoso per il suo pozzo sacro: il Kinjo Reitaku.

Informazioni: l’accesso è gratuito ed è possibile, dopo essersi fatti timbrare il biglietto all’uscita del Kenrokuen, raggiungere il santuario e poi rientrare nel giardino per continuare la visita.


 Leggi anche: Curiosità sul Giappone: le cose da sapere prima di partire


Santuario Kanazawajinja

Mercato Omi-cho

Omi-cho market è il mercato del pesce più grande di Kanazawa ed è attivo dal periodo Edo (1603-1868). È al coperto, pieno di banchi ricchi di prodotti freschissimi e animato dai venditori fin dalle prime ore del mattino.

Mercato Omicho

Ci sono anche piccoli angoli dove mangiare, perfetti se si vuole assaggiare i piatti di mare tipici della zona e con i prodotti appena acquistati al mercato. Uno di questi è l’oden, una zuppa di pesce preparata con ingredienti a scelta.

Mercato Omicho

Informazioni: il momento migliore per visitarlo è sicuramente la mattina, come tutti i mercati del pesce, ma è attivo dalle 9.00 alle 18.00. Gli orari possono variare da banco a banco e da locale a locale. Solitamente le attività sono chiuse la domenica, i giorni festivi e alcuni mercoledì.


 Leggi anche: Cucina giapponese: i piatti da assaggiare in Giappone


Mercato Omicho

Dove dormire a Kanazawa


Durante la mia unica notte a Kanazawa ho soggiornato all’hotel Ana Crowne Plaza*.

Si trova a due passi dalla stazione ferroviaria e per la sua posizione è molto comodo se, come me, avete pochissimo tempo da dedicare alla città, anche se non è vicinissimo alle cose da vedere elencate in questo post. 

Io ho usufruito solo della camera e non dei pasti, ma mi sono trovata benissimo. I letti sono comodi e il bagno nuovissimo, tutto è molto più ampio rispetto agli standard giapponesi.


Siete mai stati a Kanazawa? Se avete suggerimenti, dubbi o domande lasciate un commento 🙂

Divisore tag
Informazioni

Le immagini sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *