Lipari: cosa vedere sulla più grande delle Isole Eolie

Lipari: cosa vedere in mezza giornata se, come me, la visitate insieme a Vulcano. I luoghi da non perdere sulla più grande delle Isole Eolie.

Divisore tag

C’era una volta Ulisse, che durante il suo lungo viaggio per mare raggiunse le isole Eolie, dove incontrò Eolo, dio del vento.

Okay, forse l’Odissea non recitava proprio così e, secondo alcuni, non è nemmeno stata ambientata nel Mediterraneo, ma il fascino di questo arcipelago va ben oltre la storia di Ulisse di ritorno da Troia.

Isola di Lipari

Come molte altre isole, le Eolie sembrano essere al di fuori dal tempo: piccole, circondate dal mare, con barche che vanno e vengono e ognuna con una propria personalità.


 Leggi anche: Cosa vedere a Taormina: la perla del Mar Ionio


Isola di Lipari

Durante il mio primo viaggio in Sicilia avevo una giornata a disposizione per scoprirne almeno due e ho deciso di approdare a Lipari e Vulcano, rimandando l’incontro con le altre cinque: Alicudi, Filicudi, Panarea, Salina e Stromboli.

Isola di Lipari

Se Vulcano è una delle più selvagge ed è famosa per le sue acque calde e le pozze di fango nelle quali immergersi, Lipari è l’isola più grande dell’arcipelago.


 Leggi anche: Dieci giorni in Sicilia: itinerario e pensieri


È abitata fin dall’antichità e nel corso dei secoli ha visto alternarsi insediamenti preistorici, greci, romani, arabi, normanni e spagnoli.

Vi porto a scoprire i suoi luoghi simbolo con un itinerario ideale per chi, come me, ha poco tempo per visitarla.

Isola di Lipari

Il Castello di Lipari

La costruzione del Castello di Lipari iniziò nell’837 e sorge sul punto più alto dell’isola. La posizione perfetta per controllare il Tirreno e proteggersi da eventuali attacchi nemici.

Isola di Lipari

Più che un singolo edificio, è una vera e propria cittadella a circa 50 metri sul livello del mare e al suo interno ospita alcuni degli edifici più importanti della città.

L’intera zona racchiude in sé le tracce lasciate da tutte le popolazioni che hanno abitato l’isola, dal primissimo nucleo preistorico fino all’occupazione spagnola. Molte testimonianze sono oggi conservate nel Museo Archeologico Regionale Eoliano, all’interno della cittadella.

Isola di Lipari

La Cattedrale di San Bartolomeo

La Cattedrale di San Bartolomeo si trova all’interno della cittadella ed è la principale chiesa dell’isola, nonché la più antica.

Isola di Lipari

La prima struttura risale al Dodicesimo secolo, ma nel corso degli anni, un po’ per le continue invasioni, un po’ per il succedersi di stili e dominazioni diverse, ha subìto moltissime modifiche e ampliamenti.

Oggi l’edificio è caratterizzato dallo stile Barocco, ricco di dettagli bianchi e dorati, affreschi dettagliati, linee morbide e spazi luminosi.

Isola di Lipari

Il Chiostro

Uno degli angoli di maggior importanza storica, se si esclude il corpo principale della Cattedrale è l’adiacente chiostro del Monastero Benedettino del Santissimo Salvatore.

Isola di Lipari

Risale all’epoca normanna ed è una delle poche aree rimaste pressoché immutate nonostante risalga all’Undicesimo secolo e, come tutta l’isola, sia stato pesantemente danneggiato durante l’invasione turca.

È un ambiente affasciante e vi suggerisco di notare i dettagli sui capitelli delle colonne: un vero contrasto con l’interno Barocco del Duomo.

Isola di Lipari

Marina Corta e i vicoli di Lipari

Marina Corta si trova a due passi dal mare e dal porto nel quale arrivano quasi tutti i traghetti, nella parte bassa dell’isola.

Soprattutto, è un’area viva dalla quale si snodano poi tutti i vicoli di Lipari e le strade che portano alla scoperta dell’isola e delle altre frazioni che la animano.

Isola di Lipari

Case dalle pareti chiare per combattere il calore del sole a picco, persone che chiacchierano fuori dall’uscio mentre si riposano all’ombra, qualcuno che prepara le reti da pesca, mentre i turisti passeggiano da una parte all’altra.

È quell’atmosfera che si trova solo su un’isola del Mediterraneo a rendere ancora più piacevole una visita a Lipari. Quindi non pensateci troppo ed esplorate i vicoli e le strade per godere davvero di una gita su questo puntino dell’arcipelago.

Isola di Lipari

Le isole hanno sempre qualcosa di affascinante, ma le Isole Eolie, dove si intrecciano natura, storia e mitologia, regalano un’esperienza unica a chi visita la Sicilia.


 Leggi anche: Sicilia nascosta: tre tappe al di fuori dei soliti itinerari turistici


Ognuna ha le sue peculiarità, il suo mito o la sua leggenda, ognuna ti incuriosisce, ti invita ad andarla a trovare e non si può rifiutare. Prima o poi bisogna scoprirle tutte.

Isola di Lipari

Siete mai stati alle isole Eolie? Vi piacerebbe visitare Lipari e Vulcano? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

Le immagini sono state scattate con una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.

L’arcipelago delle Isole Eolie si trova in provincia di Messina, al largo della costa settentrionale della Sicilia. Per raggiungere la regione in traghetto esistono ottimi collegamenti dalla Campania: ci sono traghetti Napoli Palermo, perfetti se si vuole scoprire l’intera isola, oppure Napoli Catania, solo per citare due delle tante proposte.

Per raggiungere le Isole Eolie invece si può partire da Palermo, Milazzo (Messina) oppure ci si può affidare alle mini crociere che partono anche da Patti (Messina).

*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Condividi questo viaggio

Messina

Potrebbero interessarti:

8 Comments

  1. 1
  2. 3
  3. 5
  4. 7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *