L’Isola di Capri: cosa vedere tra Capri e Anacapri

Cosa vedere sull’isola di Capri. Una passeggiata tra le vie del centro storico di Capri, la vista sui Faraglioni e una visita alla più tranquilla Anacapri.

Divisore tag

L’isola di Capri è una delle località più turistiche visitate durante il mio viaggio in Campania. O almeno così mi è sembrato. Ho sentito molte lingue diverse e incrociato tantissime persone, più di quante mi immaginassi di trovare a fine settembre.

Capri

 Leggi anche: Viaggio in Campania: dalla Costiera Amalfitana a Napoli


Tutto questo mi ha un po’ stordita, forse perché nella mia testa c’era il luogo dipinto dai racconti di chi l’ha visto tanti anni fa.

Peperoncini a Capri

L’isola ospita due comuni: Capri e Anacapri. Ammetto che il primo mi è piaciuto di meno. Sì, perché inizialmente mi ha dato l’idea di essere una sorta di parco commerciale, con i negozi delle migliori marche che si alternano ad alberghi di lusso.

Questa prima impressione mi ha lasciato un po’ l’amaro in bocca anche se poi ho visto luoghi da cartolina.

Capri

Per fortuna però, infilandomi in stradine meno affollate e salendo scale apparentemente poco interessanti, ho scoperto degli angoli autentici, più nascosti e per questo, secondo me, più preziosi.

Capri

Sull’isola ho cercato di seguire il labirinto di stradine, di non usare troppo una mappa, né una lista delle cose da vedere.

Per questo, per questioni di tempo o organizzazione, ho perso sicuramente alcune cose splendide, come la Grotta Azzurra o i Giardini di Augusto.

Capri

Nel poco tempo che avevo, però, ho comunque visto angoli e colori che sono valsi i passi e le salite fatte.


 Leggi anche: Cosa vedere a Napoli in un giorno: itinerario per scoprirla


Ecco quali sono: vi accompagno a scoprire cosa vedere sull’Isola di Capri, da Capri ad Anacapri.

Dettagli di Capri

Cosa vedere a Capri

Ho percorso la strada che porta al punto panoramico, il Belvedere di Punta Cannone, da dove si vedono i Faraglioni in tutta la loro bellezza. Sono tre, uno legato all’isola e due possenti scogli che emergono dal mare, e sono uno dei simboli di Capri.

Capri

Tutto questo è possibile solo se si sale da Marina Grande, dove arrivano le imbarcazioni, al centro vero e proprio di Capri. Proprio di fronte al porto si trova la Funicolare che collega le due zone. Io però, per le tante persone in attesa, ho deciso di salire a piedi.

Capri

Dalla Piazzetta di Capri e dal suo centro storico si può vedere uno dei panorami più belli sul Golfo. Da una parte il Vesuvio, dall’altra Ischia e in lontananza i tetti di Napoli. Un vero spettacolo.

Informazioni sulla funicolare di Capri

Un viaggio in Funicolare costa 1,80€ e dura circa 15 minuti. Per raggiungere la Piazzetta di Capri da Marina Grande si può anche salire a piedi e ci sono diverse strada, tutte lunghe circa 1 chilometro.

Capri

Di Capri ho messo in valigia le mille tonalità del blu, il verde degli alberi che spuntano qui e lì, il vociare internazionale delle persone e il tintinnare delle campanelle.

Capri

Dicono siano un altro simbolo dell’isola e a loro è legata una leggenda. Non so se è vero o se è una storia creata ad arte per attirare i turisti, ma a me piacevano molto e così quel tintinnare l’ho portato letteralmente a casa con me.


 Leggi anche: La leggenda delle campanelle di Capri


Campanelle di Capri

Cosa vedere ad Anacapri

Anacapri è l’altro volto dell’isola di Capri. Probabilmente quello meno famoso, sicuramente quello meno invaso dai turisti.

Lì ho respirato un’aria diversa, ho rallentato e mi sono goduta il suo silenzio. Mi è sembrato di essere lontanissima dalla confusione nella quale ero immersa qualche minuto prima.

 

Un post condiviso da Martinaway (@martinasgorlon) in data:

Ho passeggiato per le vie di Anacapri senza una meta ben precisa. Insomma, proprio come ho fatto a Capri, ho messo da parte la mappa. Avevo poco tempo a disposizione e ho preferito seguire i cartelli che trovavo agli incroci delle strade.

Anacapri

Mi sono così imbattuta nella Casa Rossa, un edificio che prende il nome dal colore delle sue pareti esterne. È stata fatta costruire dal colonnello americano John Clay MacKowen tra il 1876 e il 1899 e sorge attorno alla cinquecentesca Torre Aragonese.

Qui, secondo alcuni racconti locali, gli anacapresi erano soliti rinchiudere le loro donne quando dovevano andare a lavorare all’Arsenale di Napoli.

Informazioni per visitare la Casa Rossa di Anacapri

La Casa Rossa si trova in via Giuseppe Orlandi 78. Oggi ospita una mostra dedicata alle vedute otto e novecentesche dell’isola. L’ingresso costa 3,50€ intero e 2€ ridotto. È aperta dal martedì alla domenica dalle 10.30 alle 14.15.

Casa rossa, Anacapri

Non troppo distante c’è la Chiesa di San Michele. Dall’esterno potrebbe non incuriosire, ma in realtà custodisce una vera e propria opera d’arte. Il suo pavimento è ricoperto di riggiole (maioliche) che raffigurano la cacciata di Adamo ed Eva dal Paradiso Terrestre.


 Leggi anche: Visitare Amalfi: un giorno al profumo di limone


Chiesa di San Michele, Anacapri

Questo capolavoro del 1761 è ricco di fiori, piante, animali reali e immaginari, come gli unicorni, e oggi è costantemente tenuto sgombro. In questo modo non solo si prevengono eventuali danni, ma si permette ai visitatori di godere di ogni dettaglio.

Chiesa di San Michele, Anacapri

Soprattutto, è possibile anche ammirarlo dall’alto grazie alla scala a chiocciola che porta fino al primo piano. Non è il luogo perfetto per chi soffre di vertigini, ma di sicuro è un ottimo punto di vista.

Informazioni per visitare la Chiesa di San Michele ad Anacapri

Il biglietto d’ingresso alla Chiesa Monumentale San Michele (Piazza San Nicola) costa 2€. Tutto il ricavato è devoluto per la manutenzione, la custodia e le opere caritative della confraternita. La chiesa è aperta dalle 9.00 alle 19.00 nel periodo estivo e dalle 10.00 alle 14.00 nel periodo invernale. Chiusa da metà novembre a metà dicembre.

Chiesa di San Michele, Anacapri

Anacapri mi ha regalato la tranquillità che tanto cercavo a Capri e sono sicura che offre moltissime altri luoghi splendidi. Io l’ho voluta visitare lentamente, godendomi tutto ciò che incontravo lungo il mio cammino.

Come raggiungere Anacapri da Capri e viceversa

Per raggiungere Anacapri da Capri e viceversa potete prendere l’autobus. Il costo del biglietto è di 1,80€ a tratta.


 Leggi anche: Positano: cosa vedere in un giorno


Anacapri

Dove ho dormito durante il mio viaggio


Dove dormire in Costiera AmalfitanaDurante la mia settimana in Campania ho soggiornato a Positano, al B&B Casa Teresa*.

Positano è circa a metà strada tra Napoli e il resto della Costiera e quindi può essere un punto strategico per chi vuole scoprire entrambe le zone.

Il B&B ha uno stile elegante tipico della zona, con dettagli in ceramica colorata e una splendida vista sulla cittadina. 


Siete mai stati sull’Isola di Capri? Vi piacerebbe andarci? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag
Informazioni

Capri è un’isola che fa parte della provincia di Napoli. Per raggiungerla ci sono corse giornaliere in barca o aliscafo dalle principali località del Golfo e della Costiera: Napoli, Positano, Sorrento, ecc. Da Positano (da dove sono partita) il costo del viaggio a/r è di 34€.


 Leggi anche: Come muoversi in Costiera Amalfitana


Le fotografie inserite all’interno del post sono state scattate con una Canon 1100D* e un iPhone 6s* e poi condivise sul mio profilo Instagram. Per vedere le altre sfogliate il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Condividi questo viaggio

Napoli

Potrebbero interessarti:

8 Comments

  1. 1
  2. 3

    Quella a Capri è stata l’unica vacanza che la mia famiglia ha fatto senza di me, un’estate che ero bloccata a casa dal tirocinio. Mi dispiace tanto non averla ancora vista. Hai ragione, sono posti da esplorare senza una mappa, alla ricerca dell’angolino bello. E di grassi gatti arancioni ❤️

  3. 5
  4. 7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *