Irlanda: pensieri e itinerario di un on the road

Irlanda. Sei giorni, due aerei, un’auto, circa mille chilometri percorsi. Unica vera certezza il punto di partenza e quello di arrivo: Dublino. Questo il mio on the road nell’Irlanda settentrionale, tra Irlanda del Nord e Repubblica d’Irlanda.

Pretty doors.

Prima di ogni partenza riempio sempre la mia valigia di aspettative, è più forte di me, ma, a differenza del viaggio a Lisbona, questa volta non ritorno delusa e piena di domande. Anche se una c’è: perché in Irlanda c’è un rubinetto per l’acqua calda e uno per l’acqua fredda? Perché invece quello che regola l’acqua della doccia ricorda la manopola di una lavatrice? Va beh, sono due, ma di certo non sono quei quesiti esistenziali che non mi fanno dormire la notte.

The Dark Hedges.

Da questo viaggio rientro con tanti piccoli sogni irlandesi realizzati (ve li ho anticipati su Facebook e ve li racconterò più nel dettaglio nelle prossime settimane), con la felicità di aver scoperto una terra nuova e con la sensazione di essere una delle poche persone che non hanno quasi mai incontrato la pioggia (l’ho vista veramente solo una volta dalla finestra di un carinissimo bed & breakfast, fortunella).

To the Slieve League.

In Irlanda mi sono riempita gli occhi di verde, mi sono seduta in cima alle scogliere per fare una pausa e ordinare i pensieri accumulati durante i chilometri percorsi e mi sono innamorata delle pecore, tanto che ad un certo punto ho pensato di portarmene a casa una (hanno una coda carinissima e non l’avevo mai notata prima).

Donegal.

Come avevo anticipato nel mio post pre-partenza, questo non era un viaggio del tutto pianificato, infatti mi ha regalato un sacco di sorprese. Piano piano vi racconterò tutto, tappa per tappa, intanto vi lascio con un breve riassunto del mio itinerario mentre io riordino l’infinità di foto scattate e video girati. Non ti rendi mai conto di quante volte hai premuto il tasto scatta finché non torni a casa e il tuo computer ci mette un’eternità a trasferire tutti i dati. Magari la prossima volta mi do una calmata. O magari no.

Giant's Causeway.

Itinerario:

Giant's Causeway.

Grazie a tutti quelli che sono stati virtualmente con me, soprattutto su Instagram

#MartinaToIreland

[Tweet “Sei giorni, due aerei, un’auto, mille chilometri percorsi: #MartinaToIreland.”]

Info2

MAPPA

Il mio itinerario in Irlanda sulla mappa. Le tappe in blu sono quelle dove ho dormito: Dublino (F), Ballymoney (B), Derry/Londonderry (C), Burt (D), Sligo (E).

Mappa Irlanda

Ti piacciono i miei contenuti? Puoi trovare nuovi post, codici sconto e anteprime tutte in una sola mail! Iscriviti ❤

Potrebbero interessarti:

8 Comments

  1. 1

    L’Irlanda proprio non la conosco.
    Ho sentito e letto mille volte delle bellezza delle sue scogliere a picco, delle mille porticine colorate, del vento e dei prati verdi..
    Eppure ancora, ahimè, non ho avuto modo di andarci..
    Mi sa tanto che é ora di rimediare!

    Bell’itinerario, non vedo l’ora di leggere tutto il resto,

    Danila

    • 2

      Io, come te, la conoscevo solo attraverso i racconti e le foto di altri, ora che ci sono stata posso dire che tutto quello che si legge su questa terra è vero. A volte le aspettative sono alte e poi si rimane delusi, in questo caso invece è impossibile 🙂
      Ti auguro di andarci presto, un bacio <3 🙂

  2. 3
  3. 5
  4. 7

    Che mi hai ricordato.. il maniglione nella doccia della casa di East Ham a Londra! Non ho mai capito come funzionava in realtà e ogni volta rischiavo o una doccia fredda o di ustionarmi!

    Aspetto con ansia il resto dei post: piacerebbe anche a me fare un on the road in Irlanda!

Rispondi