La High Line di New York: camminare sopra le strade di Manhattan

La High Line: un vecchio angolo di New York che riprende vita, una passeggiata a 11 metri da terra. Vi accompagno a scoprirla e vi dico dove trovarla. 

Divisore tag

New York è una di quelle città che si possono scoprire da decine di angolazioni diverse: dall’alto dell’Empire State Building, dal traghetto per Liberty Island, dal Ponte di Brooklyn.

Si può camminare sotto le avenue e le street che la attraversano, con la metropolitana, ma anche sopra, seguendo la High Line.


 Leggi anche: La Statua della Libertà: visitare e scoprire la regina di New York


On the High Line.

In  questa magica città, dove tutto si muove freneticamente e tutto sembra durare un secondo, ci sono luoghi di una tranquillità quasi surreale che non muoiono mai per davvero, angoli che ritornano in vita da un passato non troppo remoto dopo anni di silenzio.

Accadde per il magnifico Chelsea Market, che ha riempito gli spazi ormai vuoti di una fabbrica di biscotti, e per la vicina High Line, che regala scorci incredibili di Manhattan e dell’Hudson River.


 Leggi anche: Il Chelsea Market: un angolo di New York dedicato al cibo


On the High Line.

La storia della High Line di New York

La vecchia linea ferroviaria sopraelevata, la West Side Line, utilizzata per lo spostamento delle merci, venne realizzata negli anni Trenta e chiusa, per ragioni di sicurezza, negli anni Ottanta.

Dopo una prima idea di smantellamento, nel 1999 un’associazione composta dai residenti della zona, la Friends of High Line, lottò contro l’abbattimento della ferrovia, proponendo un progetto di trasformazione e riqualificazione che venne approvato nel 2002. L’idea era quella di creare un parco lineare sospeso 11 metri sopra le strade di New York, un percorso di oltre 2 chilometri che percorresse la sezione meridionale dell’ormai abbandonata West Side Line.

I lavori iniziarono nel 2006 e nel giugno del 2009 venne aperto il primo tratto, seguito dal secondo nel 2011 e dal terzo nel settembre 2014. Un ultimo breve percorso è stato aperto nel 2015.

On the High Line.

La High Line scorre dal Meatpacking District fino a West Village, poco dopo Chelsea. Permette di guardare New York dall’interno, ma da una prospettiva diversa rispetto a quella dei classici marciapiedi. Si può vedere l’Empire comparire tra i tetti dei vecchi edifici di mattoni rossi, si può ammirare lo scorrere del fiume, il frenetico movimento dei taxi gialli senza però esserne coinvolti.


 Leggi anche: L’Empire State Building: New York dall’alto e 8 curiosità


Empire State Building from the High Line

La High Line e l’arte

In più, questo piccolo gioiellino è uno dei tanti musei all’aria aperta che si possono trovare a New York. Come accade a Central Park, ogni occasione è buona per riempire la città di arte, per mettere qualche opera tra i grattacieli e le piante.


 Leggi anche: Central Park a New York: cosa fare e cosa vedere per vivere il parco


Sulla High Line non è difficile imbattersi in diverse sculture, in qualche angolo curioso, insolito e capace di lasciare a bocca aperta. Il primo fra tutti è il murales che si incontra all’altezza della 25ª strada, realizzato dall’artista brasiliano Eduardo Kobra. Si tratta di una rivisitazione coloratissima del famosissimo scatto del bacio a Times Square, dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale. Compare all’improvviso, non te lo aspetti, ma è così bello da farti fermare per qualche minuto.


 Leggi anche: Times Square e dintorni: cosa fare e cosa vedere


On the High Line.

La High Line è uno dei luoghi che più mi hanno colpito a New York, tanto da farmela inserire tra quelli da visitare assolutamente in quest’enorme città. È inaspettata, rilassante, nuova. Lo dico sempre, la Grande Mela va vissuta a piedi, questo ne è l’esempio.


 Leggi anche: New York: cosa vedere e cosa fare se la visitate per la prima volta


View from the High Line


Dove dormire a New York


Dove dormire a New YorkDurante il mio viaggio a New York ho soggiornato all’Hotel Mela*, a due passi da Times Square.

Le camere sono pulite e comode, leggermente più spaziose rispetto ad altre di Manhattan. In più l’albergo si trova in una posizione strategica per scoprire l’intera città perché Times Square non è solo centrale, ma è anche servita da molte linee della metropolitana.


Conoscevate la High Line? Vi piacerebbe camminarci? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

La High Line parte da Gansevoort Street, nel Meatpacking District, e raggiunge la 34ª strada, presso il Javits Convention Center, nel West Village, percorrendo il limite occidentale di Manhattan. Anche se si può ovviamente percorrere al contrario, è consigliabile farlo da sud verso nord, magari partendo proprio dal vicinissimo Chelsea Market.

Come arrivare alla High Line

Il mezzo più comodo per raggiungerla è la metropolitana:

  • se si vuole percorrerla da sud: la linea blu (A, C, E) con fermata express 8th Av-14th St (poi circa 5/10 minuti a piedi).
  • se si vuole percorrerla da nord: la linea blu (A, C, E) con fermata express 34th St – Penn Station (poi circa 15 minuti a piedi).

In entrambi i casi è possibile coprire la distanza a piedi con uno degli autobus che percorrono la via.


 Leggi anche: Come muoversi a New York: metropolitana, autobus e taxi


Le immagini sono state scattate con una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.

Se state organizzando il percorso per la vostra prima volta a New York vi consiglio di dare un’occhiata alla pagina con tutti gli articoli su New York.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

9 Comments

  1. 1
  2. 3

    Ciao martina,
    davvero bello questo post!
    Purtroppo quando sono stata a NY non ho avuto il tempo di vedere nemmeno la metà delle cose che mi ero prefissata, magari la prossima volta ci riuscirò e vedrò anche la High Line!

    Ti abbraccio, Danila.

  3. 5
  4. 7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *