Cosa vedere a Forlì: itinerario a piedi seguendo il Canale di Ravaldino

Cosa vedere a Forlì seguendo un percorso insolito: quello del Canale di Ravaldino. Una passeggiata sulle orme di un corso d’acqua importantissimo per la città.

Divisore tag

Ho scoperto Forlì in un modo diverso dal solito. Invece di passeggiare da un luogo a un altro seguendo una mappa fatta di “cose da vedere”, ho visitato la città seguendo i suoi corsi d’acqua. Anzi, uno in particolare: il Canale di Ravaldino.

Forlì

La storia del Canale di Ravaldino

Il Canale di Ravaldino è il protagonista naturale della vita e della storia di Forlì. Nel medioevo attraversava la città sotto la luce del sole e incontrava lungo il suo cammino mulini, tintorie e lavatoi. Oggi invece è quasi del tutto interrato, nascosto.

Per secoli è stato una sorta di spina dorsale della città, perché ha dato vita alle mille attività che regolavano l’economia locale. Per questo motivo, quando il canale si prosciugò, la città venne messa in ginocchio: non c’era più farina, non c’era più la possibilità di lavorare le materie prime come pelli, lana e tessuti.

Forlì

Dopo un periodo buio nel quale si era trasformato in una fogna a cielo aperto, motivo che spinse i cittadini a interrarlo, nel Novecento il canale aiutò la città convincendo la nota azienda Eridania a creare una fabbrica per la produzione dello zucchero proprio qui.

Forlì

Cosa vedere a Forlì

Seguendo il Canale di Ravaldino si possono incontrare alcuni dei luoghi più importanti di Forlì. In questo itinerario, reso possibile grazie a Gabriele Zelli, un esperto della storia del capoluogo, vi porto a scoprire la città, la sua storia e i suoi tesori. Ecco cosa vedere a Forlì.

Forlì

La Rocca di Ravaldino

La Rocca di Ravaldino fu costruita sul punto più alto della città. Il canale qui aveva scopo difensivo, così come le antiche mura e le porte, che venivano chiuse ogni notte.

Nonostante il controllo costante, però, la Rocca era facilmente espugnabile e nel corso dei secoli fu il centro della vita politica e delle lotte legate alla città di Forlì.

Rocca di Ravaldino

Qui si sono incrociate le vite di Caterina Sforza, Signora di Imola e Forlì, e di Cesare Borgia, che riuscì a conquistare la Rocca nel 1500, ma la storia italiana di quel periodo è complessa, piena di alleanze e battaglie, difficile da riassumere in poche righe. Per questo vi consiglio di leggerla su Wikipedia, se siete interessati a scoprire di più su Caterina e su questo luogo e lo visitate da soli.

Rocca di Ravaldino

La Biblioteca Civica e il Fondo Piancastelli

La Biblioteca Civica di Forlì “Aurelio Saffi”, intitolata a una figura chiave del Risorgimento forlivese, rischia di passare inosservata mentre si prosegue verso il centro, ma al suo interno ospita uno dei tesori più preziosi della città: il Fondo Piancastelli.

Si tratta di una collezione raccolta da Carlo Piancastelli, vissuto a cavallo tra Otto e Novecento, composta da oltre cinquanta mila volumi, duecento mila documenti e moltissimi oggetti tra i quali ceramiche, antiche monete e opere d’arte.

Fondo Piancastelli

Carlo Piancastelli, originario di Fusignano (Ravenna), ha dedicato la sua vita al collezionismo e la sua raccolta parla di lui, della sua storia e del suo amore e interesse per la Romagna. Il suo scopo era quello di far sopravvivere la realtà locale della sua terra anche dopo la creazione dello Stato Italiano e l’omogeneizzazione della penisola.

Per questo motivo, l’intera collezione è quasi completamente dedicata a documenti che, in qualche modo, hanno a che fare con questo territorio e con le personalità che lo hanno rappresentato sia qui che nelle altre aree d’Italia. È il caso dei fratelli De Gregori, stampatori forlivesi che si trasferirono a Venezia nel Cinquecento.

Fondo Piancastelli

Le pareti delle sale sono coperte da antichi armadi appartenuti al collezionista e ogni documento ha mantenuto la sua posizione originale al loro interno. Curiosando tra gli scaffali si ha la sensazione di esplorare la biblioteca personale di Piancastelli e quasi ci si aspetta di vederlo entrare da una delle porte in legno da un momento all’altro.

Fondo Piancastelli

Tutto questo è possibile grazie al lavoro della Dottoressa Antonella Imolesi, che da trent’anni si occupa della catalogazione e della conservazione di questo materiale di inestimabile valore. È lei che mi ha raccontato la storia del Fondo Piancastelli e che mi ha accompagnata da una sala all’altra mostrandoci volumi e documenti antichi.

Fondo Piancastelli

Il Fondo Piancastelli, come spiega la Dottoressa Imolesi, è una vera e propria opera d’arte. Soprattutto è un organismo e non un museo, perché i materiali vengono letti e consultati tutti i giorni da studiosi provenienti da tutto il mondo.

Piancastelli ha donato il lavoro di una vita alla città di Forlì, regalando non solo al comune, ma anche a tutta la Romagna, un tesoro di inestimabile valore culturale.

Fondo Piancastelli

Informazioni per la visita

Il Fondo Piancastelli è conservato al primo piano della Biblioteca Saffì di Forlì in Corso della Repubblica 72 (l’ingresso è al momento al civico 78). Si trova all’interno dell’Unità Fondi Antichi, Manoscritti e Raccolte Piancastelli. È aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 14.00, il martedì e il giovedì anche il pomeriggio dalle 15.00 alle 17.30, il sabato chiude invece alle 13.

Per la visita o la consultazione è gradita la prenotazione. Contattare la Dottoressa Antonella Imolesi, responsabile dell’Unità: tel. 0543 712611, mail antonella.imolesi@comune.forlì.fc.it.

Fondo Piancastelli

Piazza Aurelio Saffi e l’Abbazia di San Mercuriale

Continuando a camminare, mentre il canale scorre invisibile sotto i nostri piedi, si raggiunge Piazza Saffi.

Si tratta del vero e proprio centro di Forlì e su di lei si affacciano moltissimi edifici di interesse storico. L’Abbazia di San Mercuriale, con il suo imponente campanile, il Palazzo Comunale con la Torre Civica, il Palazzo delle Poste, testimonianza del ventennio fascista, e l’antico Palazzo del Podestà. Solo per citarne alcuni.

Forlì

Torre Numai e Piazza Cavour

Da Piazza Saffi si prosegue verso Piazza Cavour, una zona è molto più tranquilla che permette di scoprire uno dei volti più antichi di Forlì e immergersi nei vicoli della città che qui si mostra sotto un’altra veste.

Lungo il percorso si incontra Torre Numai, appartenuta all’omonima famiglia ghibellina forlivese che vanta tra i suoi membri il Capitano Comandante delle guardie di Caterina Sforza.

Realizzata probabilmente verso la fine del 1400, la torre e il palazzo passarono di famiglia in famiglia dopo la caduta di Caterina.

Forlì

Palazzo Romagnoli

Palazzo Romagnoli è uno scrigno fatto di opere d’arte realizzate nel Novecento. Oltre alla Collezione Verzocchi, esposta in maniera stabile all’interno dell’edificio, il palazzo accoglie ogni anno mostre temporanee che permettono di scoprire altre sfumature dell’arte. Ve ne ho parlato in maniera approfondita in un altro post.

Palazzo Romagnoli

I Musei di San Domenico

I Musei di San Domenico sono il principale polo culturale di Forlì e sono ospitati all’interno di un antico convento domenicano eretto nel Tredicesimo secolo.

Ospitano non solo mostre temporanee, ma anche la Pinacoteca Civica della città e, oltre al convento, sono composti da altri quattro edifici: la chiesa di San Giacomo Apostolo, Palazzo Pasquali, il convento degli Agostiniani e Sala Santa Caterina.

Trovate tutte le informazioni sulle mostre in corso nel sito ufficiale del Comune di Forlì.

Il #BuonVivere a Forlì

Altre cose da vedere a Forlì

Abbandonando il percorso del Canale di Ravaldino si possono scoprire altri piccoli e grandi tesori di Forlì. Ecco qualche altro consiglio se avete un’auto o un po’ di tempo in più per esplorare la città.

Villa Saffi

Villa Saffi è una delle Case Museo dei poeti e degli scrittori di Romagna, esattamente come la Casa Rossa di Alfredo Panzini a Bellaria Igea Marina. È uno di quegli scrigni di storia e letteratura che puntellano la nostra penisola da nord a sud senza che molte persone se ne rendano conto.

Villa Saffi

Nata come convento Gesuita, che a causa delle leggi napoleoniche venne chiuso, la struttura diventò proprietà della famiglia quando Tommaso Saffi la acquistò nel 1740 come residenza estiva e oggi appartiene al comune di Forlì.

La casa è strettamente legata alla vita di Aurelio Saffi, nipote di Tommaso, e di sua moglie Giorgina Craufurd, di origine scozzese, entrambi protagonisti del Risorgimento. Tutto a Villa Saffi parla di loro. Dai libri conservati sugli scaffali ai biglietti da visita, dagli abiti negli armadi all’arredamento.

Villa Saffi

La casa museo è uno degli elementi forlivesi più concreti legati al Risorgimento. Ha ospitato molte riunioni segrete dei Carbonari, ha visto passeggiare tra i suoi corridoi Giuseppe Mazzini, amico di famiglia, e veniva chiamata Vendita dell’Amaranto, un nome in codice per fare in modo che altri non la identificassero.


A voi, o giovani, la Provvidenza riserva la maggior parte dell’opera di riscatto morale del nostro Paese.

Aurelio Saffi

Villa Saffi

Un’immagine ricorrente all’interno di Villa Saffi è l’edera: simbolo degli ideali repubblicani. Non compare solo spontaneamente in giardino, ma anche tra i documenti e le decorazioni della casa. Un continuo rimando a ciò che quelle mura hanno sentito nell’Ottocento.

Villa Saffi

Quando si visita la villa si entra letteralmente nella vita di qualcuno. La biblioteca è ancora piena di volumi, alcuni abiti sembrano essere stati dimenticati negli armadi e la cucina aspetta solo di essere riutilizzata.

Al di là delle sue pareti c’è però anche un parco. Lì il sovrano è il maestoso cedro del Libano che, nonostante sia stato colpito da un fulmine, è ancora in piedi. Andate ad ammirarlo.

Il cedro del libano

Informazioni per la visita

Villa Saffi si trova in via Firenze 164 a Forlì, località San Varano. Ingresso gratuito. Gli orari di apertura variano a seconda del periodo e delle settimane, per maggiori informazioni: musei[at]comune.forli.fc.it, telefono 0543 712627.

Villa Saffi

Il Laboratorio di Restauro

A volte si incontrano libri e opere che, come si suol dire, ne hanno passate davvero tante. Ci sono però dei luoghi dove tanti piccoli acciacchi possono essere sistemati e dove le pagine posso tornare come nuove.

Uno di questi luoghi è il Laboratorio di Restauro che, nato nel 2015, si trova all’interno di Formula Servizi, una cooperativa specializzata nella gestione di attività legate alla cultura e all’organizzazione di eventi. La sezione è coordinata da Silvia Bondi e Maria Roberta Stanzani, che pianificano e portano avanti ogni lavoro legato al restauro e alla conservazione.

Laboratorio restauro libri

Qui si possono trovare tantissimi volumi rovinati dallo scorrere del tempo, dalle muffe e dall’umidità. Libri che hanno bisogno di cure per tornare al loro antico splendore, pagine che devono essere accuratamente trattate per non perdere il minimo dettaglio.

Parlare di libri, però, è riduttivo. Qui, infatti, sono state restaurate tantissime opere diverse: periodici, disegni, fondali teatrali e carte geografiche, come quella che ci viene mostrata durante la visita e che riposa su un grande tavolo coperta da un velo sottilissimo.

Laboratorio restauro libri

Il Laboratorio di Restauro è uno spazio piuttosto piccolo, pieno di strumenti e tavoli da lavoro coperti di pagine e documenti che aspettano solo di essere sistemati. Lungo una delle pareti ci sono poi alcune vasche dove lavare le opere, una delle operazioni più delicate.

Laboratorio restauro libri

Informazioni per la visita

Il Laboratorio di Restauro si trova a Forlì in via Monteverdi 31. La responsabile per la sezione Restauro e conservazione è Maria Roberta Stanzani. Per prendere un appuntamento per visitare il laboratorio telefonate al numero 349 3017939 o 0543 474864, oppure scrivete a robertastanzani[at]formulaservizi.it.

Laboratorio restauro libri

Dove dormire a Forlì

Durante la mia settimana in Romagna ho soggiornato al B&B Calicanto*, proprio a Forlì.

La struttura è molto carina, in mezzo al verde e con dei padroni di casa davvero accoglienti. Ve ne ho parlato in maniera approfondita in un altro post, quello dedicato interamente al B&B di Forlì.

Se, invece, cercate un locale dove mangiare qualcosa, forse può esservi utile il mio post dedicato a dove mangiare a Forlì.

Se avete dubbi, domande o suggerimenti,
lasciate un commento!

Divisore tag

Media

Questa esperienza è stata fatta durante il blog tour #BuonVivere.

Le foto sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*, per vedere le altre potete sfogliare il mio album Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

14 Comments

  1. 1
  2. 3
    • 4

      Ciao Agnese ❤
      Innanzitutto scusa per il mega ritardo, non so perché mi era sfuggito questo commento!
      Mi fa piacere sapere di essere riuscita ad incuriosirti, sono due città molto carine! Questo percorso mi è piaciuto molto perché è davvero insolito! 🙂

  3. 5

    Non ho mai visitato una casa museo, chissà se ce ne sono dalle mie parti. Molto particolare l’immagine dell’armadio con le camicie e le cravatte appese, come se qualcuno le avesse appena lasciate lì e dovesse tornare da un momento all’altro.
    Come Agnese anche io ora guardo se c’è una lista online delle case museo 🙂

  4. 7

    A Colmar ho potuto visitare la Casa-Museo di Bartholdi, il padre della Statua della Libertà (e di taaanto altro). E’ stato interessante vedere tutte le bozze della Signora che in origine era molto diversa da quella attuale.
    E’ una fortuna poterle visitare queste chicche, merito dei proprietari discendenti o delle fondazioni che non si tengono tutto per sè 😉
    Buona serata!

    • 8

      Non sapevo fosse a Colmar, grazie per l’informazione!
      Hai ragione, è una fortuna! Visitandole puoi capire molto di più, puoi approfondire quello che sapevi già e vedere il “lato umano” dei personaggi che, in un modo o nell’altro, hanno fatto la storia 🙂

  5. 9

    Tu mi sembri proprio la persona giusta per raccontare di posti del genere, tra libri polverosi e una storia che sembra essere rimasta sospesa tra gli oggetti quotidiani di un tempo. Come è successo a Casa Panzini, credo che mi sarei entusiasmata tanto a vedere Villa Saffi! Adesso mi vado a cercare una lista delle altre case-museo…che non si sa mai, prima o poi vanno viste tutte 🙂

    • 10

      Mi piace molto visitare questi luoghi, soprattutto se conosco l’autore. Non era questo il caso, ma la visita mi è comunque piaciuta sia per la casa in sè che per come ce l’hanno raccontata e presentata. Sì, credo sarebbe piaciuta anche a te 🙂
      A presto 🙂

  6. 11
    • 12

      L’aria è molto pulita all’interno del laboratorio e per sentire l’odore dei libri devi avvicinarti moltissimo. Al momento non saprei descriverlo 🙂
      Assolutamente, una delle visite più interessanti 🙂

  7. 13
    • 14

      A me è piaciuta moltissimo la visita! Dietro ogni restauro c’è un lavoro incredibile, ho visto opere letteralmente a pezzi, veri e propri puzzle, è un’attività così delicata!
      Felice che le foto ti piacciano! A presto 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *