Febbraio: più leggera

Inizia un nuovo mese, è arrivato febbraio e la parola d’ordine è leggerezza. Pensieri su un mese che è appena finito e su quello che è appena iniziato.

Febbraio è uno di quei mesi che non mi ha mai fatto impazzire. Forse perché da lui non mi sono mai aspettata grandi cose. A gennaio c’è ancora aria di festa grazie al mio compleanno, ma a febbraio tutto tace. Tutto si calma.

Febbraio 2017

Gennaio è trascorso in modo strano. Prima velocissimo, con qualche bella sberla, poi lentamente come se non volesse finire più. Insomma, un mese un po’ indeciso, uno di quelli che non lasciano nulla di troppo interessante da raccontare.

Le novità sono poche. Le prime sono due mostre delle quali vi ho già parlato. “AFRICA, la grande madre“, allestita nella mia città, e “Il giro del mondo in 80 blogger“, che andrò a vedere a Padova questo sabato. Voi l’avete già vista?

Una foto pubblicata da Martinaway (@martinasgorlon) in data:

Molto più personale è invece il piccolo progetto che ho iniziato e che mi accompagnerà per tutto febbraio. Chi ha letto la newsletter di ieri sa già qualcosa: è in atto una piccola rivoluzione. Da un po’ di tempo ho l’estrema necessità di cambiare le cose intorno a me, quelle che fanno parte della mia quotidianità. Avevo iniziato modificando i colori del blog e aggiungendo qualche post più spontaneo e non legato ai viaggi, ora invece ho ampliato il raggio d’azione.

In primavera voglio ridipingere la mia stanza, eliminare il verde che non mi appartiene più e illuminarla con un bel bianco. Prima però devo liberarmi di tutto ciò che non sento più mio, che ingombra e non lascia vagare liberi i pensieri. A gennaio ho iniziato a fare un po’ di spazio, ma a febbraio mi ci dedicherò con più impegno.

Voglio una scrivania in ordine, nei cassetti e sugli appendini solo abiti che indosso e che mi fanno stare bene, in libreria volumi che mi piacciono o che voglio davvero leggere. Voglio alleggerire il baule dei ricordi lasciando solo quelli positivi ed eliminare tutto ciò che mi impedisce di respirare come si deve. Lo confesso, ho già strappato qualche vecchio foglio pieno di messaggi che facevano affiorare ricordi spiacevoli e non vi dico il sollievo. Mi sono sentita meglio. Per questo motivo la parola d’ordine di febbraio sarà leggerezza.

Poi vorrei dedicarmi ai prossimi viaggi, cominciare a programmarli, magari anche prenotare qualche volo. Intanto il primo weekend di questo mese sarò a Padova, come vi dicevo. Il primo viaggio dell’anno: breve, vicino a casa, in una città che ho sempre visto solo di sfuggita, ma pur sempre un viaggio. Se avete qualche consiglio da darmi, lasciatelo pure tra i commenti!

Non voglio altro da febbraio e non mi aspetto altro. Vorrei solo concluderlo un po’ più leggera rispetto a oggi, a quando è iniziato. E lo auguro anche a voi.

Un abbraccio stretto.

Firma di Martina

 

Voi da cosa iniziereste un percorso per finire il mese con più leggerezza? Di che cosa vorreste liberarvi?

Vi è piaciuta la nuova newsletter di ieri? C’è qualcosa che vorreste leggere nella prossima? Fatemelo sapere nei commenti.

Qui sotto c’è il modulo per chi vuole iscriversi. Ogni ultimo giorno del mese vi scrivo per raccontarvi i miei preferiti, gli ultimi post usciti e per chiacchierare un po’ 🙂

Ti piacciono i miei contenuti? Puoi trovare nuovi post, codici sconto e anteprime tutte in una sola mail! Iscriviti ❤

Condividi questo viaggio

Vita

Potrebbero interessarti:

10 Comments

  1. 1

    Ho visto nella newsletter che hai letto Il magico potere del riordino, perciò capisco bene il desiderio di rivoluzione, di circondarti solo di cose che ti piacciono veramente. Io l’ho letto questa estate ed è un libro a cui ripenso un sacco, sto cercando di tenere fede a un po’ dei principi appresi. Per esempio sul fatto che ogni oggetto “ti comunica” la posizione in cui vuole stare, a volte ci faccio caso. E’ un manuale un po’ folle, ma al di là delle bizzarrie tipiche della cultura che esprime può dare indicazioni che, almeno per me, sono state illuminanti. Perciò buona rivoluzione! 🙂

    • 2

      Ciao Chiara 🙂
      Hai ragione, in alcuni punti ho pensato anche io fosse folle, esagerato, e pensavo “ma sei seria?!”. Allo stesso tempo però mi ha regalato tante piccole chicche che sto cercando di mettere in pratica. Mi fa piacere sapere che l’hai letto e che ti ha fatto un effetto simile. 🙂
      A presto e grazie ❤

  2. 3

    Mi sembri giù di morale in questo post e mi dispiace molto, soprattutto perché hai appena festeggiato il compleanno e farlo quando si è tristi è davvero brutto. Anche io ho iniziato l’anno sentendo l’esigenza di togliere i rami secchi, ma più che rivoluzionare gli ambienti voglio prendere le distanze dalle persone negative.

    Detto questo, io a Padova non ci sono mai stata e aspetto di saperne di più 😉 e vedrai che febbraio sarà un mese migliore. Dovrà esserlo. Un abbraccione!

    • 4

      Ciao Anna ❤
      Diciamo solo che si sono sovrapposte un po’ di cose che non mi hanno proprio fatto fare i salti di gioia, ecco. Sui rami secchi sono più che d’accordo. Anche quello è un aspetto importantissimo della “pulizia” secondo me. Ti auguro il meglio ❤
      Grazie mille, presto ti farò avere qualche notizia su Padova. Un abbraccio stretto 🙂

  3. 5

    Bravissima Marti, appoggio questa tua scelta in pieno! Mi sono resa conto negli ultimi anni, passando da appartamenti grandi ad altri sempre più piccoli (oppure, in Australia, da una camera singola a una condivisa a una macchina a uno zaino…) di quante cose inutili l’essere umano sia capace di circondarsi. Io sono ovviamente tra questi e, nonostante mi sia liberata di un sacco di cose negli ultimi tempi, anche io sono ancora circondata da cose inutili, e anche un po’ dannose da un punto di vista emotivo. Per cui vaiiiii alla grande!! Io sono con te 😀

    • 6

      Grazie mille Agnese ❤
      Pensa che avevo ancora uno scatolone con tutte le stoviglie “veronesi”, che (poverine) hanno subito un paio di traslochi! Proprio questo mio spostarmi spesso mi ha fatto riflettere su tutte le cose che ho, soprattutto però ho capito di non essere più la persona che ha iniziato l’università sei anni fa, quindi tante cose devo assolutamente eliminarle!
      Grazie del supporto, un abbraccio ❤

  4. 7

    Ho avuto bisogno di leggerezza, di liberarmi del superfluo qualche mese prima della laurea, ho fatto una rivoluzione in camera, buttando tanti oggetti vecchissimi e inutilizzati che se ne stavano lì a riempire lo spazio quasi in maniera claustrofobica. Non immagini la soddisfazione poi di trovarmi di fronte ad un ambiente libero. E’ proprio strano come possa rasserenare. 🙂
    A distanza di qualche mese, ora mi piacerebbe anche ridipingere tutto di un bel bianco luminoso (proprio come te ahah), mettere nuovi quadretti, qualche bella piantina, ma tra 2 mesi mi trasferisco dall’altra parte del mondo e penso sempre che per così poco tempo magari non valga nemmeno la pena di cambiare.

    • 8

      Ciao Stefania 🙂
      Io non vedo l’ora di trovarmi di fronte l’ambiente che immagino da settimane. Quando riuscirò a ridipingere la camera sarò la persona più felice del mondo.
      Forse hai ragione, il tempo che hai a disposizione è poco. Magari conserva le energie per quando sarai dall’altra parte del mondo 😉
      Un abbraccio ❤

  5. 9

    Ho letto la newsletter e credo che accetterò il suggerimento del libro che proponevi per liberarmi di un po’ di cose. Ho passato uno strano periodo tra dicembre e gennaio e anche io sono partita dal cambiare la mia stanza: nuovo tappeto, nuovi quadretti, nuova disposizione del letto. Ho cercato di fare spazio intorno a me per trovare un po’ di spazio dentro di me…insomma, immagino tu possa capire cosa intendo 🙂 Sono piccole cose che aiutano a fare un po’ di ordine anche nella testa 🙂 buon febbraio

    • 10

      Ciao Giorgia, capisco perfettamente!
      Per la prima volta sto seguendo un metodo e ammetto che mi aiuta a non fare confusione. Ho iniziato tante volte per poi ritrovarmi sempre al punto di partenza. Ora invece sembra andare meglio. Anche dal punto di vista psicologico 🙂
      Fammi sapere come va. A presto ❤

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *