Il Duomo di Milano: visita al complesso monumentale

Il Duomo di Milano: una visita completa dalla Cattedrale alle Terrazze per scoprire il simbolo del capoluogo lombardo.

Divisore tag

Il Duomo è il simbolo di Milano. Ogni volta che si salgono le scale della metropolitana o si arriva nella piazza che prende il suo nome da una delle vie che la circondano, ci si trova di fronte a una vera e propria meraviglia.


 Leggi anche: Cosa vedere a Milano in un giorno: i luoghi da visitare


Duomo di Milano

La Cattedrale, però, è solo uno dei pezzi che compongono il preziosissimo puzzle del complesso monumentale. Oltre a lei, infatti, ci sono l’area archeologica, le terrazze, il Museo del Duomo e la chiesa di San Gottardo.

Vi porto a scoprirli uno per uno.

Duomo di Milano

Il Duomo di Milano: la Cattedrale

Il Duomo di Milano è il cuore della città, un vero e proprio punto di riferimento e una delle espressioni architettoniche più belle del capoluogo insieme alla vicina Galleria Vittorio Emanuele.


 Leggi anche: Highline Galleria, sul tetto di Galleria Vittorio Emanuele


Duomo di Milano

L’attuale Cattedrale sostituisce le più antiche di Santa Maria Maggiore e Santa Tecla (oggi ciò che rimane di loro è visibile all’interno dell’area archeologica) e i lavori per la sua costruzione iniziarono nel 1386.

Duomo di Milano

Terminato ufficialmente nel 1932, anche se dopo la Seconda Guerra Mondiale furono necessari enormi restauri, il Duomo di Milano è oggi la quarta chiesa più grande al mondo e la prima d’Italia. Sarebbe la seconda solo se San Pietro non si trovasse nella Città del Vaticano.

Duomo di Milano

Dedicato a Santa Maria Nascente, è un mix di gotico, neogotico e neoclassico, ricchissimo di decorazioni (soprattutto all’esterno e tra le sue guglie) e con vetrate istoriate e coloratissime.

Duomo di Milano

Al suo interno si possono trovare la Tomba di Ottone Visconti, primo della sua famiglia a governare Milano, il Monumento Funebre di Gian Giacomo Medici, un antica vasca romana oggi all’interno del battistero e tante altre statue e dettagli dei quali vi ho parlato in un altro post.


 Leggi anche: All’interno del Duomo di Milano: 10 dettagli da notare


Duomo di Milano Bambaia, Presentazione di Maria al Tempio

Piccola anticipazione. Una delle più impressionanti è senza dubbio quella realizzata da Marco d’Agrate: il San Bartolomeo Scorticato. Una scultura incredibilmente realistica che si trova nel transetto destro.

Duomo di Milano: Marco d'Agrate, San Bartolomeo scorticato

All’interno del Duomo, alle spalle dell’altare, c’è anche una cripta che contiene le spoglie di San Carlo Borromeo, cardinale, arcivescovo e riformatore che morì a Milano nel 1584.

Quest’area viene chiamata “scurolo” dal termine in dialetto scuroeu, che indica una cappella sotterranea e poco illuminata.

Scurolo di San Carlo

L’Area Archeologica del Duomo

Rimaniamo sotto terra, ma torniamo verso l’ingresso principale della chiesa.

È incredibile pensare che sotto la Cattedrale ci sia un altro mondo, oggi un’area archeologica che racconta una Milano antica e nascosta sotto una caotica Piazza Duomo.

Area Archeologica del Duomo

Si tratta di una zona esplorata solo in parte che risale al periodo romano e medievale e che per secoli fu un punto di riferimento religioso prima che nel 1300 i Visconti avviassero i cantieri per la costruzione dell’attuale Cattedrale.

Area Archeologica del Duomo

L’area fu scoperta nel 1600 durante i lavori di ampliamento del Duomo, ma gran parte di ciò che vediamo oggi è il risultato degli scavi che iniziarono nella seconda metà dell’Ottocento e che continuarono per quasi un secolo.

Area Archeologica del Duomo

Emersero presto la Vasca Battesimale di Santo Stefano alle Fonti, il Battistero di San Giovanni alle Fonti voluto da Sant’Ambrogio e ciò che resta della Cattedrale di Santa Maria Maggiore e di quella di Santa Tecla. Quest’ultima fu riscoperta durante la costruzione di un rifugio antiaereo in piena Seconda Guerra Mondiale.

Area Archeologica del Duomo

Le poche pareti rimaste in piedi regalano qualche affresco e dalla terra sono comparsi gioielli, lucerne, mortai, ciotole e oggetti di uso comune oggi esposti all’interno dell’area.

Area Archeologica del Duomo

Le terrazze del Duomo di Milano

Dal punto più basso al punto più alto. Per raggiungere le Terrazze del Duomo bisogna uscire dalla Cattedrale, quindi assicuratevi di aver visto tutto al suo interno prima di lasciarvela alle spalle.


 Leggi anche: Milano dall’alto: 4 luoghi dai quali ammirare la città


Terrazze del Duomo di Milano

Per chi sale utilizzando le scale ci sono ben 251 scalini da fare per raggiungere le guglie, ma la vista, sia dalla prima che dalla seconda terrazza (rispettivamente 30 e 45 metri), vale la fatica fatta per raggiungerle.

Terrazze del Duomo di Milano

Anche se al momento ci sono dei lavori in corso e le terrazze superiori sono parzialmente chiuse, salire sulle Terrazze del Duomo è un’esperienza che consiglio caldamente di fare. Magari poco prima del tramonto e in una giornata tersa, quando riuscirete a vedere tutti i punti più alti di Milano e le montagne in lontananza.

Terrazze del Duomo di Milano

Potete riconoscere Castello Sforzesco, la Torre Branca di Parco Sempione, Torre Verlasca, i Grattacieli di Garibaldi e quelli nuovissimi di City Life.

Se conoscete un po’ meglio Milano, noterete anche la Stazione Centrale e tanti altri palazzi noti che sbucano tra i tetti del capoluogo.

Terrazze del Duomo di Milano

Le Terrazze nascondono tanti piccoli dettagli che potete ammirare anche nelle giornate meno limpide e trovarli tutti sarà una vera e propria caccia al tesoro.

Qui in cima, tra i tanti, sono stati scolpiti i volti di Dante Alighieri e di Arturo Toscanini e una figura intera del pugile Primo Carnera.

Terrazze del Duomo di Milano

Ci sono attrezzi sportivi e attrezzatura da montagna, animali come piccioni, rane, canguri (sì, anche i canguri) e piante come il granoturco e i carciofi. Gli scalpellini hanno lasciato briglia sciolta alla fantasia.

Terrazze del Duomo di Milano

Un po’ nascosto, tra Mussolini e il Re Vittorio Emanuele, c’è anche una mini riproduzione dello stesso Duomo. Un dettaglio che mi è piaciuto molto.


 Leggi anche: Curiosità su Milano: 7 cose che forse non sapevate


Terrazze del Duomo di Milano

Sarei rimasta ore a guardare il panorama e a cercare tutte le sculture più strane nascoste tra i santi delle guglie e delle terrazze. Vi consiglio di dedicare a questa parte della visita il tempo che merita, senza fretta.

Terrazze del Duomo di Milano

Il Museo del Duomo

Il Museo del Duomo è staccato dalla Cattedrale e si trova all’interno del Palazzo Reale, a pochi metri di distanza. Il percorso è pensato in ordine cronologico, in modo che il visitatore possa scoprire la storia del Duomo dalle sue origini in avanti.

Museo del Duomo

Al suo interno sono conservate statue, guglie, bozzetti, vetrate coloratissime, arazzi, dipinti e il Tesoro del Duomo, composto da preziosissimi oggetti come calici, croci ed edicole utilizzati in passato durante le celebrazioni liturgiche.

Museo del Duomo: Evangeliario di Ariberto

Inaugurato nel 1953, fu ampliato pochi anni dopo e oggi ospita anche un modello in legno dell’intera Cattedrale. È in scala 1:20 e fu utilizzato per erigere il Duomo vero e proprio: ci sono voluti trecento anni per realizzarlo in tutti i suoi dettagli.

Museo del Duomo: il modello

Un secondo modello che merita un po’ di attenzione (ve ne accorgerete da soli, si fa notare) è quello della Madonnina che si trova sulla guglia più alta del Duomo. In una delle sale, infatti, potrete vedere da vicino un’anima in metallo che vi farà capire la grandezza del simbolo dorato di Milano.

Museo del Duomo

Il Museo del Duomo è bello proprio per questo, oltre che per le opere che conserva, perché permette di ammirare da vicino dettagli e oggetti che di solito sono lontani da noi perché troppo in alto o in angoli non raggiungibili della Cattedrale.

Museo del Duomo: Sala delle Vetrate

La Chiesa di San Gottardo

La Chiesa di San Gottardo si trova alle spalle del Museo del Duomo. Nonostante fosse compresa nel biglietto, io purtroppo non sono riuscita a visitarla per questioni di tempo.

La sua costruzione risale al Quattordicesimo secolo per volere di Azzone Visconti, oggi sepolto proprio al suo interno. È stata recentemente restaurata e riaperta al pubblico. Il suo campanile si può vedere dalle Terrazze.

Terrazze del Duomo di Milano

Informazioni utili per visitare il complesso monumentale del Duomo di Milano

Per visitare il Complesso Monumentale del Duomo di Milano è disponibile un biglietto cumulativo valido 72 ore dalla convalida. È presente in tre versioni:

  • Duomo Pass Lift (con salita alle terrazze in ascensore): 16,00€ a tariffa intera e 8,00€ a tariffa ridotta. Per questo biglietto esiste anche la versione “Fast-Track Pass” che permette di accedere senza dover fare la fila (25,00€ a tariffa intera, 13,00€ se ridotta);
  • Duomo Pass Stairs (con salita attraverso le scale): 12,00€ a tariffa intera e 6,00€ a tariffa ridotta;
  • Culture Pass (escluse le terrazze): 7,00€ a tariffa intera e 3,00€ a tariffa ridotta.
Terrazze del Duomo di Milano

I luoghi che formano il complesso del Duomo sono visitabili anche singolarmente:

  • Cattedrale: 3,00€ (2,00€ ridotto);
  • Museo del Duomo e Chiesa di San Gottardo: 3,00€ (1,00€ ridotto);
  • Terrazze (salita a piedi): 9,00€ (4,50€ ridotto);
  • Terrazze (salita in ascensore): 13,00€ (7,00€ in ascensore). Questo biglietto è disponibile anche in versione salta-fila (22,00€ intero, 11,00€ ridotto).
Duomo di Milano

I biglietti ridotti sono disponibili per bambini e ragazzi sotto i 12 anni e gruppi religiosi o scuole. I bambini sotto i 6 anni, i portatori di handicap e i loro accompagnatori, militari in divisa e accompagnatori di gruppi non pagano, ma queste categorie devono richiedere un biglietto omaggio alla biglietteria.

I biglietti vengono emessi fino a 60 minuti prima della chiusura.

Terrazze del Duomo di Milano

La Cattedrale è aperta dalle 8.00 alle 19.00, le Terrazze e l’area archeologica dalle 9.00 alle 19.00. Il Museo e la Chiesa di San Gottardo sono aperti dalle 10.00 alle 18.00, ma chiusi il mercoledì.

L’ingresso è concesso fino a 50 minuti prima.

Duomo di Milano

In inverno non dovrebbero esserci problemi visto le basse temperature, ma durante la bella stagione ricordate di presentarvi con vestiti adeguati, o vi sarà chiesto di coprirvi. Se non avete nulla con voi per farlo (sciarpe, foulard…) dovrete acquistare una mantellina in biglietteria (2,50€).

All’ingresso i militari vi controlleranno con i metal detector e vi verrà richiesto di mostrare l’interno di borse o zaini.

Duomo di Milano

Clicca qui e cerca un albergo a milano*


Avete mai visitato il complesso monumentale del Duomo di Milano? Vi piacerebbe? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag
Informazioni

Le immagini sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*, per vedere le altre sfogliate il mio album su Flickr.

*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

2 Comments

  1. 1

    Io c’ero, io c’ero!! Finalmente, grazie alla tua compagnia, sono riuscita a salire sulle Terrazze dopo 10 anni di permanenza a Milano! Meglio tardi che mai. 🙂 Io adoro il Duomo e ho davvero amato le Terrazze e tutti i piccoli dettagli che abbiamo scoperto (quella dei carciofi è una scoperta che tutto il mondo dovrà attribuire a noi, grazie!!), ma proprio non mi aspettavo che ci fossero delle cose così interessanti da scoprire nel Museo e nell’Area Archeologica!
    Nel 2019 scopriremo ancora tanti angoli di Milano 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *