All’interno del Duomo di Milano: 10 dettagli da notare

All’interno del Duomo di Milano: i dettagli da notare durante la vostra visita per scoprire più a fondo la Cattedrale. 

Divisore tag

Vi ho già parlato del Complesso del Duomo di Milano. Vi ho portato sulle sue Terrazze, dalle quali si vede l’intera città, e nell’Area Archeologica che, invece, permette di scoprire cosa si nasconde sotto la piazza più famosa del capoluogo lombardo.


 Leggi anche: Duomo di Milano: visita al complesso monumentale


Duomo di Milano

Anche se ho condiviso la storia della Cattedrale in pillole, questo splendido edificio ha bisogno di molto più spazio per essere raccontato perché tra le sue navate ospita dettagli grandi e piccoli che meritano di essere notati.

Vi accompagno oltre i suoi portoni per scoprire cosa vedere all’interno del Duomo di Milano.


 Leggi anche: Cosa vedere a Milano in un giorno: i luoghi da visitare


Duomo di Milano

La meridiana

La meridiana, realizzata nel 1786 dagli astronomi dell’Osservatorio di Brera, è uno dei primi dettagli che potete notare all’interno della Cattedrale perché si trova sul pavimento non distante dall’ingresso.


 Leggi anche: Milano dall’alto: 4 luoghi dai quali ammirare la città


La striscia d’ottone è affiancata dalle figure dello zodiaco e sulla parete destra è stato creato il foro attraverso il quale a mezzogiorno penetra la luce. Quando il sole entra in un determinato segno, il fascio luminoso tocca la lastra che lo raffigura.

Duomo di Milano

Il sacco del Giudizio Universale

Sospeso sopra la navata di destra, non distante dall’ingresso, c’è un gigantesco sacco. Nessuno conosce il suo contenuto, ma si dice che cadrà solo alla fine del mondo, per questo è noto con il nome di Sacco del Giudizio Universale.

Il sacco del Giudizio Universale

Il sarcofago di Ottone Visconti

Sulla parete sinistra, rialzato da terra su due colonne in marmo di Verona, si può vedere il sarcofago di Ottone Visconti, arcivescovo e primo della sua famiglia a governare Milano. Oggi al suo interno ci sono anche le spoglie di Giovanni Visconti, suo erede.

Inizialmente l’arca si trovava nell’ormai distrutta Cattedrale di Santa Tecla, visibile all’interno dell’Area Archeologica sotto il Duomo.


 Leggi anche: Castello Sforzesco a Milano: visitare i suoi musei


Duomo di Milano: Tomba di Ottone Visconti

Il chiodo della Croce

Se si guarda verso l’altare maggiore, in alto, si può notare una luce rossa costantemente accesa. All’interno di quel tabernacolo è conservato uno dei quattro Chiodi con i quali, secondo la tradizione cristiana, fu crocefisso Gesù (gli altri si trovano a Roma, Monza e Colle Val d’Elsa).

Duomo di Milano

Il battistero

Il battistero si trova sul lato sinistro della Cattedrale. Da notare la vasca centrale: un antico e prezioso sarcofago di epoca romana realizzato in porfido che si è conservato quasi perfettamente nel corso dei secoli.

Duomo di Milano: Vasca Romana del Battistero

Il monumento funebre di Gian Giacomo Medici

Il monumento dedicato a Gian Giacomo Medici, condottiero chiamato anche il Medeghino, non passa inosservato.

Duomo di Milano

Fu realizzato nella seconda metà del Cinquecento principalmente in marmo di Carrara e decorato con statue in bronzo.

Al centro c’è lo stesso Gian Giacomo Medici, a sinistra l’allegoria della Milizia e a destra quella della Pace. Sopra queste due ci sono rispettivamente le personificazioni dell’Adda e del Ticino, i due fiumi dove vinse due importanti battaglie.

Duomo di Milano: monumento funebre a Gian Giacomo Medici detto il Medeghino

L’altare della presentazione della Vergine

Le navate laterali e i transetti del Duomo sono ricchi di altari, alcuni più grandi e decorati di altri. Dopo quello di San Giovanni Buono, il mio preferito dal punto di vista artistico è quello della Presentazione della Vergine.

Scolpito nel Cinquecento, è un fantastico esempio di perfetta resa prospettica: l’artista, Agostino Busti, in pochissimo spazio è riuscito a racchiudere un intero tempio e i personaggi coinvolti, che escono dalla scena. Per la struttura architettonica si è ispirato all’abside del Bramante della vicina chiesa di Santa Maria presso San Satiro.

Duomo di Milano Bambaia, Presentazione di Maria al Tempio

San Bartolomeo Scorticato

Quella di San Bartolomeo Scorticato, realizzata da Marco d’Agrate nel 1564, è forse la statua che ho preferito all’interno del Duomo.

Per ammirarla al meglio bisogna cambiare spesso angolazione, avvicinarsi il più possibile per notare la rappresentazione anatomica incredibilmente realistica. Un vero capolavoro.

Duomo di Milano: Marco d'Agrate, San Bartolomeo scorticato

L’organo

L’organo del Duomo di Milano è composto da quattro strumenti enormi che suonano in contemporanea e le loro ante sono decorate con dipinti che raffigurano le vite della Vergine e dei Santi. Insomma, passa difficilmente inosservato.

Duomo di Milano

I Quadroni di San Carlo (a novembre)

I Quadroni di San Carlo sono oltre cinquanta tele seicentesche che raggiungono i sei metri di larghezza e i quattro di altezza. Sono dedicate alla vita e ai miracoli di San Carlo Borromeo, sepolto all’interno della Cattedrale nello scurolo alle spalle dell’altare.

Vengono appese tra i pilastri, ma l’unico problema è che le potete vedere solo a novembre, mese dedicato al Santo.

Duomo di Milano: Quadroni di San Carlo

Clicca qui e cerca un albergo a milano*


Siete mai stati all’interno del Duomo di Milano? Vi piacerebbe? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

Le immagini sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*, per vedere le altre sfogliate il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Condividi questo viaggio

Lombardia

Potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *