Cosa vedere a Dublino in un giorno: 10 tappe da non perdere

Cosa vedere a Dublino in un giorno? Ecco il percorso che mi ha permesso di scoprire la capitale irlandese in una giornata: un itinerario a piedi e le tappe da non perdere. 

Divisore tag

Una delle porticine di Dublino

Dublino è una grande città, ma non così grande da non poter essere scoperta quasi interamente a piedi. Chi ha letto qualche altro mio post lo sa: mi piace scoprire i luoghi che visito proprio passeggiando per le strade, rinunciando, quando possibile, a metropolitana e taxi, per questo ho apprezzato particolarmente le poche ore nella capitale irlandese.


 Leggi anche: Irlanda: pensieri e itinerario di un on the road


Gente di Dublino

Di solito nelle città che visito passo anche un po’ di tempo all’interno dei musei principali, questa volta però, avendo a disposizione poco tempo, ho deciso di evitarli e di concentrarmi su altri luoghi. Ecco il mio itinerario per scoprire cosa vedere a Dublino in un giorno, con due piccoli punti fuori percorso per chi ha un po’ di tempo in più.

Case di Dublino

L’Ha’penny Bridge e Temple Bar superando il Merchant’s Arch

L’Ha’penny Bridge è il ponte pedonale più famoso di Dublino e il suo nome si traduce in Ponte Mezzo Scellino, il prezzo che in passato si doveva pagare per attraversarlo. Una volta passato il fiume verso il centro culturale della città, vi ritroverete davanti al Merchant’s Arch, una piccola galleria che vi condurrà direttamente nel quartiere Temple Bar, il più vivace di Dublino.

Se passate per Temple Bar il sabato (dalle 10.00 alle 16.30) non perdetevi il Temple Bar Food Market: un mercato alimentare ricco di prodotti irlandesi. Si trova in Meeting House Square.


 Leggi anche: La mattina presto al Temple Bar Food Market


Dublino

La statua di Molly Malone

Attraversando Temple Bar per raggiungere il Trinity College si può incontrare la statua di Molly Malone, uno dei simboli di Dublino. Che sia esistita davvero o meno, alla giovane donna, pescivendola di giorno e prostituta di notte, è dedicata una celebre ballata irlandese, diventata l’inno ufficioso della città. La statua si trova di fronte a Saint Andrews Church.

Molly Malone, Dublino

Il Trinity College e la Long Room

Il Trinity College di Dublino è l’università più prestigiosa d’Irlanda, nonché una delle più antiche (1592). Uno dei luoghi più famosi al suo interno è la Long Room, una delle sale della Old Library: questa stanza è lunga circa 65 metri e contiene i volumi più antichi della biblioteca (circa 250mila).

Compreso nella visita a pagamento c’è un breve percorso alla scoperta del Book of Kells, uno dei tesori custoditi all’interno del Trinity College: un libro realizzato dai monaci oltre mille anni fa.


 Leggi anche: Il Trinity College e il profumo dei libri a Dublino


Long Room @ Trinity College.

Merrion Square

Merrion Square è più un parco che una vera e propria piazza, con i suoi alberi e i suoi sentieri che si immergono nel verde. Questo luogo è famosissimo per la statua di Oscar Wilde, vestito di tutto punto e appoggiato ad una roccia con sguardo ammiccante. Una bellissima sorpresa sono stati gli scoiattoli, un po’ più timidi di quelli di Hyde Park a Londra o di Central Park a New York, ma ugualmente adorabili.

Oscar Wilde @ Merrion Square, Dublino

St. Stephen’s Green

St. Stephen’s Green è un ottimo posto per mangiare qualcosa al sacco prima di proseguire la visita per le strade di Dublino. Si tratta di un grande parco e al suo interno ha molti luoghi dove fermarsi per rilassarsi un po’.

All’ingresso principale c’è il Fusiliers’ Arch, un arco trionfale dedicato ai soldati dei Royal Dublin Fusiliers. Vicino all’arco, dall’altro lato della strada, c’è il Stephen’s Green Shopping Centre, un centro commerciale che merita una visita più per la sua struttura che per i negozi che ospita, ma se siete amanti dello shopping vi consiglio ugualmente una visita.

Per raggiungere St. Stephen’s Green da Merrion Square consiglio di percorrere Merrion Street Upper, così potrete divertirvi a guardare tutte le celebri porte colorate in stile georgiano di Dublino.

St. Stephen's Green.

La St. Patrick’s Cathedral (e Christ Church Cathedral)

La Cattedrale di San Patrizio è dedicata al patrono d’Irlanda ed è una delle chiese più famose di Dublino. Il suo interno è splendido, con un pavimento riccamente decorato, la tomba di Jonathan Swift (decano della cattedrale e autore de I viaggi di Gulliver) e una bellissima area dedicata al coro. Unica pecca il gift shop all’entrata, sul fondo della chiesa, che rovina molto l’atmosfera.

Proseguendo verso nord, su New Street, si raggiunge invece Christ Church Cathedral, celebre anche per il corridoio in pietra che collega la chiesa al museo vichingo Dublinia, dall’altro lato della strada.


 Leggi anche: La Cattedrale di San Patrizio, patrono d’Irlanda


Cattedrale di San Patrizio, Dublino

Il Castello di Dublino

Del castello, costruito nel 1200, ormai è rimasto ben poco, ma passeggiando per Dublino è facile notare la Record Tower, unico pezzo ancora in piedi.

Mi sono limitata ad ammirare il castello da fuori, sia per questioni di tempo che di interessi, ma sappiate che all’interno della torre normanna c’è oggi il museo della polizia irlandese (Garda Museum). Vicino al parco del castello c’è poi la Chester Beatty Library, che ospita una raccolta di manoscritti, libri rari e oggetti legati all’Asia.

@ Dublin's Castle.

Una serata al The Temple Bar

Il The Temple Bar è il pub più famoso di Dublino e, anche se oggi è diventato abbastanza turistico, credo che una visita la meriti comunque, sopratutto per la musica live che lo anima tutto il giorno.

Al di là di questo e della birra, qui vengono preparati club sandwich incredibili, la scelta è vastissima e probabilmente nessuna delle opzioni vi deluderà. La sera è sempre affollatissimo, quindi preparatevi a stare in piedi e schiacciati tra molte persone allegre.

The Temple Bar.

+ La statua di James Joyce

James Joyce è forse l’autore più legato alla città di Dublino e proprio qui ha ambientato due delle sue opere più famose: Gente di Dublino (1914) e Ulisse (1922).

A nord del fiume Liffey, in una zona quasi interamente dedicata allo shopping, c’è una statua che lo rappresenta, che merita di sicuro un’occhiata se avete un po’ di tempo in più. Si trova più o meno all’altezza di The Spire, una grande spina d’acciaio in O’Connell Street che sarà facilissimo notare, simbolo dell’indipendenza irlandese.

James Joyce.

+ La passeggiata lungo il fiume Liffey

La zona delle Docklands (del porto) è stata recentemente rivalutata e oggi è possibile fare una piacevole camminata lungo il City Quay fino al Samuel Beckett Bridge. Se avrete la fortuna di incontrare un po’ di sole, apprezzerete di sicuro questa passeggiata, grazie alla quale potrete vedere da un’ottima angolazione anche la Custom House di Dublino, la vecchia dogana.


 Leggi anche: Cosa mettere in valigia per un viaggio in Irlanda


Along the river.

Cos’altro inserireste in questa lista su cosa vedere a Dublino? Vi piacerebbe visitare la città? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

Vedere Dublino in un giorno è possibile, ma di certo ne servirebbero almeno tre per poter scoprire la capitale irlandese in maniera più approfondita. Il vero scopo del mio viaggio era un on the road nell’Irlanda settentrionale e dunque la capitale della Repubblica d’Irlanda è stata solo il punto di partenza e di arrivo.

Tra le cose da vedere a Dublino, se amate la birra, c’è anche la Guinness Storehouse, la fabbrica della famosissima birra irlandese. Io non ci sono stata, ma vi lascio il post di Valentina del blog Diario in viaggio se volete scoprire qualcosa in più.

Le fotografie inserite all’interno del post sono state scattate con una Canon 1100D*, per vedere le altre sfogliate il mio album su Flickr.

Dove dormire a Dublino

Ho dormito due notti a Dublino, una all’inizio e una alla fine del viaggio. La prima volta ho soggiornato all’Hotel Arlington*, a due passi dall’Ha’Penny Bridge, la seconda all’Hotel Ferryman*. Mi sento di consigliarli entrambi.


*All’interno di questo post è stato inserito un link di affiliazione che vi permetterà di vedere l’albergo e i prodotti citati su Booking e Amazon. Se decidete di effettuare una prenotazione o di acquistare uno o più oggetti, utilizzando direttamente questi link contribuirete senza costi aggiuntivi a supportare questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Condividi questo viaggio

Irlanda

Potrebbero interessarti:

8 Comments

  1. 1
  2. 3

    Rieccomi 🙂 ti sto intasando di commenti ihihi
    Davvero un post utile, prendo nota!!

    Anche io quando ho poco tempo a disposizione in una città preferisco girarla a piedi e gustarne ogni angolino piuttosto che chiedermi nei musei per quanto belli siano.
    Non vedo l’ora di visitare la biblioteca del trinity college, sembra davvero stupenda.

    • 4

      Ahah, ma scherzi? A me fa un sacco piacere leggere e rispondere ai commenti 🙂 😛
      Mi fa piacere ti sia piaciuto il post! La biblioteca è incredibile, ti senti piccolo piccolo e, per quanto tu possa aver letto in vita tua, ti sembrerà di aver sfogliato solo Topolino in confronto ai volumi che ci sono lì 🙂

  3. 5
  4. 7

    Direi che hai suggerito un percorso perfetto per vedere questa splendida città. Ho visto tutte le cose che hai elencato tranne il Trinity College e l’interno del Temple Bar, ma credo che un posto così affollato mi farebbe impazzire 😛
    Con la statua di James Joyce ci ho fatto un paio di belle foto in compagnia di un vecchietto che stava leggendo il giornale sullo scalino della statua e non si è accorto di nulla (!!). Il Cafè Kylemore alle sue spalle è ottimo per fare una bella colazione, è self-service e c’è davvero l’imbarazzo della scelta 🙂

    • 8

      Grazie, sono felice che il post e il percorso ti siano piaciuti 😉
      Ahah credo di aver visto una delle foto di cui parli 😉 ..Il bar non l’ho notato, sarà che ci sono passata dopo pranzo, ma me lo segno per la prossima volta! Con “bella colazione” mi hai incuriosita, ormai mi conosci 😉 Un bacione ❤️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *