La Cattedrale di San Patrizio di Dublino: in visita al patrono d’Irlanda

La Cattedrale di San Patrizio è la chiesa di Dublino dedicata al patrono d’Irlanda. Vi accompagno a scoprirla tra foto e informazioni utili. 

Divisore tag

L’Irlanda è l’isola verde, quella del trifoglio, quella del cielo che è un tappeto che corre veloce, ma è anche la terra di San Patrizio, che in molti conoscono solo per la festa del 17 marzo.

A Dublino sorge una chiesa a lui dedicata ed è una delle tappe da non perdere se si visita la capitale: un mix di storia, arte e cultura che racchiude in sé un po’ dello spirito irlandese.


 Leggi anche: Viaggio in Irlanda: pensieri e itinerario di un on the road


Cattedrale di San Patrizio, Dublino

La Cattedrale di San Patrizio è la più grande delle due cattedrali della Chiesa d’Irlanda presenti nella capitale; l’altra è Christ Church, poco distante.


 Leggi anche: Dublino, cosa vedere in un giorno: 10 tappe da non perdere


Sorge nel luogo in cui, secondo i fedeli, si trovava il pozzo dove San Patrizio (vissuto tra il 385 e il 461) battezzava i pagani irlandesi. Probabilmente sempre qui usava il trifoglio per spiegare loro il concetto di Trinità.

Cattedrale di San Patrizio, Dublino.

Già nel 1191 i normanni edificarono nello stesso punto una chiesa, ma quella che vediamo oggi è il risultato di continue modifiche, ampliamenti e, soprattutto, ricostruzioni.

Cattedrale di San Patrizio, Dublino.

All’interno della cattedrale è sepolto, tra gli altri, Jonathan Swift, l’autore de I viaggi di Gulliver, che fu decano della cattedrale nella prima metà del Settecento. La sua tomba è vicina all’entrata, nell’area sud-occidentale, e al suo fianco riposa Esther (Stella) Johnson, sua cara amica.


 Leggi anche: 5 leggende di Dublino: storie e racconti della capitale


Cattedrale di San Patrizio, Dublino

Come moltissime altre cattedrali gotiche, è una di quelle chiese che mettono un po’ in soggezione, con il soffitto altissimo, le statue di pietra, gli archi a sesto acuto, il bisbigliare quasi impercettibile dei turisti, le bandiere dei “Cavalieri di San Patrizio” che si affacciano sullo spazio dedicato al coro.

Allo stesso tempo però la Cattedrale di San Patrizio ti accoglie con i suoi colori, alcuni più vistosi di altri.

Cattedrale di San Patrizio, Dublino.

Ci sono le vetrate istoriate, il pavimento decorato che mi ha colpito ancora prima di calpestarlo e gli strani cuscini appesi alle sedie, chissà se usati per appoggiare le ginocchia, per sedersi o per decorazione. Questo non l’ho capito.

Cattedrale di San Patrizio, Dublino.

È uno di quei luoghi di Dublino da vedere: storico, religioso, ma non per questo meno interessante di altri. La chiesa di San Patrizio riunisce in sé alcune delle immagini che più spesso si associano all’Irlanda e, una volta in città, non si può ignorarla.


 Leggi anche: Cosa mettere in valigia per un viaggio in Irlanda


Cattedrale di San Patrizio, Dublino.

Dove dormire a Dublino


Dove dormire a DublinoHo dormito due notti a Dublino, una all’inizio e una alla fine del viaggio. 

La prima volta ho soggiornato all’Hotel Arlington*, a due passi dall’Ha’Penny Bridge, la seconda all’Hotel Ferryman*, entrambi si affacciano sul fiume, ma sulle rive opposte.

Mi sento di consigliarli tutti e due.


Avete mai visitato la Cattedrale di San Patrizio a Dublino? Vi piacerebbe? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag
Informazioni

La chiesa è aperta ai visitatori dalle 9.00 alle 17.00 dal lunedì al venerdì, il sabato dalle 9.00 alle 18.00 (fino alle 17.00 da novembre a febbraio), la domenica dalle 9.00 alle 10.30, dalle 12.30 alle 14.30 e dalle 16.30 alle 18.00 (l’ultimo turno solo da marzo a ottobre).

L’ingresso costa 6,00€ per gli adulti, 5,00€ per gli studenti ed è gratuito per i bambini, famiglie composte da due adulti e due ragazzi (under 16) 15,00€. Maggiori info sul sito web www.stpatrickscathedral.ie.

Le fotografie inserite all’interno del post sono state scattate con una Canon 1100D*, per vedere le altre sfogliate il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

3 Comments

  1. 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *