Tra Dotonbori e America-mura, sotto le mille luci di Osaka

Cosa fare a Dotonbori e America-mura, le zone più vivaci di Osaka. Un itinerario a piedi per scoprire cosa non perdere in queste zone della città.

Divisore tag

Dotonbori è una delle zone più vivaci di Osaka, una di quelle che sembra arrivare direttamente dal futuro. Con il Giappone tradizionale, quello da cartolina, ha poco a che fare, eppure è stranamente affascinante.


 Leggi anche: Viaggio in Giappone: itinerario di tre settimane da Tokyo a Osaka


Dotonbori

Può ricordare una metropoli occidentale, ma qui i ritmi sono più incalzanti e tutto quello che ci circonda è insolito e familiare allo stesso tempo. È facile essere storditi di fronte alle mille luci di Osaka, anche per questo ho deciso di condividere con voi il mio itinerario a piedi per scoprire la zona.

Vi accompagno tra America-mura e Dotonbori. Ecco cosa fare assolutamente.


 Leggi anche: Curiosità sul Giappone: le cose da sapere prima di partire


Dotonbori

Passeggiare tra le vie della vivace America-mura…

America-mura può essere definito il quartiere americano di Osaka e si trova a due passi da Dotonbori. La zona si è occidentalizzata dopo la Seconda Guerra Mondiale, quando molti brand statunitensi hanno aperto i loro negozi tra le sue vie.

America-Mura

Il luogo di ritrovo principale è Sankakukoen, il parco triangolare, dove tantissimi ragazzi si ritrovano a tutte le ore del giorno. La cosa che però mi ha colpita di più però sono i lampioni, che ricordano delle persone.

Osaka

…e mangiare un melonpan delizioso

Il melonpan è una sorta di panino dolce giapponese, aromatizzato e con uno strato esterno croccante.

Ho mangiato il primo a Tokyo e mi aveva conquistata, ma quello di Osaka mi ha letteralmente fatta innamorare, tanto che sono tornata ad America-mura qualche giorno dopo solo per mangiarne un altro. Il forno si trova di fronte all’Hotel Ashai Plaza Shinsaibashi.


 Leggi anche: Cucina giapponese: i piatti da assaggiare in Giappone


Melonpan a America-mura

Andare alla ricerca delle stranezze giapponesi nei negozi di Shinsaibashi-suji

Shinsaibashi-suji è una via commerciale al coperto ricca di negozi di gadget, abiti giapponesi e negozi di alimentari con le proposte più strane (che ne dite delle patatine al cioccolato?). Passeggiare lì sotto è il modo migliore per scoprire almeno un pezzettino della cultura contemporanea di questo Paese.

Dotonbori

Lasciarsi stordire dai neon sul ponte Ebisubashi

Ebisubashi collega Shinsaibashi-suji e Dotonbori e permette di attraversare il fiume che dà il nome all’intero quartiere. È proprio qui, sui palazzi che vi si affacciano, che compaiono i primi schermi luminosi giganti. Per un attimo mi è sembrato di tornare a Times Square.

Dotonbori

Scoprire il tempio di Hōzen-Ji

Il tempio buddhista di Hōzen-Ji si nasconde tra i palazzi di Dotonbori e si trova in una via laterale, tra le più antiche della città ancora percorribili. Difficile scoprirlo se non si sa dove andare.

Osaka

Il minuscolo tempio sembra risalire all’epoca Edo, all’inizio del Diciasettesimo secolo, e ciò che lo rende speciale sono le statue interamente ricoperte di muschio. La più importante è quella di Fudo-myoo, uno dei cinque re buddhisti della saggezza.

Osaka

Questa verde coperta sembra nata per caso, ma oggi tutti i devoti che si recano in questo tempio bagnano la statua con dell’acqua dopo aver pregato, favorendo così la crescita della pianta.

Osaka

Cenare con lo street food lungo Dotonbori

Dotonbori è una lunga via piena di negozi e locali dove mangiare. C’è davvero l’imbarazzo della scelta e sicuramente passerete più tempo a decidere che a cenare. Io ho optato per i takoyaki, le palline di polipo giapponesi.

Dotonbori

Dopo aver visitato il Castello di Osaka, passeggiare per Dotonbori provoca un piccolo shock. Il contrasto è incredibile.

Le città, però, sono belle proprio per questo, almeno secondo me: hanno mille volti diversi. Magari può non piacervi o incuriosirvi, ma credo che quando si visita Osaka, una passeggiata tra i suoi schermi giganti e le sue luci sia obbligatoria.


 Leggi anche: Il Castello di Osaka: il museo e la città dall’alto


Dotonbori

Dove dormire a Osaka


dove dormire a OsakaDurante il mio viaggio a Osaka ho soggiornato all’Hotel Claiton*. Si trova nell’area di Shin-Osaka, non troppo distante dalla stazione ferroviaria dei treni super veloci (in pochi minuti si è a Kyoto).

Il personale è gentilissimo e le camere molto pulite, anche se la un po’ strette, soprattutto se si viaggia con valige e non con zaini o solo bagaglio a mano.


Vi piacciono questi lati delle città? Conoscete Dotonbori e avete altri consigli da dare? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag
Informazioni

La prima volta che ho visitato Dotonbori ci sono arrivata a piedi dalla stazione centrale di Osaka (poco più di 4 chilometri, circa 50 minuti di cammino). La zona è però circondata da stazioni della metropolitana.

La più vicina è quella di Ōsaka Namba, dove transitano le linee Midosuji, Sen-Nichimae e Yotusbashi (anche la fermata omonima può essere comoda, soprattutto se volete iniziare il giro da America-mura). Ci sono poi le linee Midosuiji o Nagahoritsurumiryokuchi con fermata a Shinsaibashi.

Vicina è anche la stazione ferroviaria JR Namba (circa 10 minuti a piedi), comoda se possedete un Japan Rail Pass.


 Leggi anche: Japan Rail Pass: come funziona e come muoversi in Giappone


Le immagini sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

4 Comments

  1. 1
  2. 3

    Osaka mi è mancata nel viaggio in Giappone di questo inverno!
    Come tutto il Giappone mi sembra, però, estremamente affascinante per il suo mix tra tradizione ed una contemporaneità accecante, quasi come i neon dei palazzi e delle pubblicità!!
    Da includere assolutamente nel prossimo viaggio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *