Curiosità su Praga: le cose che forse non sapevate sulla città

Alcuni aneddoti per scoprire più a fondo la città. In questo post condivido 7 curiosità su Praga: storia, leggende, simboli e arte che si mescolano nella capitale della Repubblica Ceca.

Divisore tag

Spesso immagino Praga come un libro di racconti. È per questo che ve l’ho raccontata quartiere dopo quartiere, cercando di non mescolarli e provando a far emergere la personalità di ognuno come fossero capitoli a sé. Tante storie diverse, ma un unico volume.

Mentre raccoglievo informazioni per organizzare il mio viaggio, però, mi sono imbattuta in alcuni aneddoti che raccontano qualcosa in più sulla capitale della Repubblica Ceca. “Storie dentro le storie”, se vogliamo.

Ho deciso di raccoglierle qui: ecco le curiosità su Praga che forse non conoscevate.

Statua alla Galleria Lucerna

Nel 1945 fu bombardata per errore

Il 14 febbraio 1945 le truppe Alleate sganciarono 62 bombe su Praga. Peccato sia capitato per errore, perché l’obiettivo era in realtà la stazione ferroviaria di Dresda, a circa 140 chilometri via terra.

Quel giorno le condizioni meteo non erano assolutamente favorevoli e il cielo di quasi tutta l’Europa orientale era coperto da spesse nuvole e battuto da vento molto forte. I bombardieri pensavano di trovarsi sopra la città tedesca e colpirono uccidendo più di 700 persone.

Vista da Letná Park

La città è un museo all’aria aperta

Praga potrebbe essere considerata un museo all’aria aperta dedicato alle opere dell’artista ceco David Černý e trovarle tutte è un po’ come fare una caccia al tesoro.

Passeggiando per le vie della capitale si possono incontrare uno sconsolato Sigmund Freud che osserva via Husova sotto di lui, un gigantesco San Venceslao seduto su un cavallo morto appeso all’interno della galleria di Palazzo Lucerna a Nove Město, per non parlare dei neonati che gattonano sull’antenna televisiva del quartiere di Žižkov.

Le sue sculture irriverenti sono tantissime e sparse per tutta la città, in alcuni casi, per vederle, basta solo fare un po’ di attenzione.

Statua di Freud in via Husova

I tram sono un vero e proprio simbolo

A Praga ci si può muovere tranquillamente a piedi, ma vi capiterà sicuramente di incappare almeno una volta nei suoi famosissimi tram rossi e panna.

La ditta costruttrice, la ČKD Tatra, nacque proprio qui nel 1946 e si dedicò per anni alla realizzazione di locomotive e carrozze, fino a specializzarsi nei tram nel 1961 e da allora i suoi mezzi si diffusero presto in tutta Europa.

Il modello più comune nella capitale è il T3 Tram e il primo percorse le strade della città nel novembre 1962. Anche se oggi molti sono stati sostituiti da mezzi più moderni, quelli ancora in circolazione sono il simbolo di una Praga innovativa che riuscì a conquistare le strade di mezzo continente nella seconda metà del Novecento.

Staré Město

Qui ha origine la parola “robot”

Ho sempre pensato che la parola robot appartenesse al mondo anglosassone, ma mentre raccoglievo informazioni per il mio viaggio a Praga ho scoperto che non era così.

Lo scrittore ceco Karel Čapek fu il primo a utilizzarla in una delle sue opere, il dramma fantascientifico R.U.R (Rossumovi univerzální roboti, traducibile in italiano con I robot universali di Rossum), pubblicato nel 1920.

Il termine fu inventato partendo dalla parola ceca robota, che significa “lavoro”, e diventò di uso comune dopo la prima dello spettacolo avvenuta il 25 gennaio 1921 al Teatro Nazionale di Praga.

Teatro Nazionale

Vanta due interessanti primati

La città di Praga vanta due particolari primati. Il primo è quello legato al suo celebre castello, che con i suoi quasi 70.000 metri quadrati è, tra quelli antichi, il più grande del mondo.

Il secondo è un record condiviso con l’intera Repubblica Ceca: il Paese e la sua capitale sono i primi al mondo per consumo di birra. Non c’è da stupirsi, visto che un boccale da mezzo litro costa meno di 1€.

Qual è la seconda bevanda più bevuta? Il tè.

Il Castello visto da Ponte Carlo

I suoi pub potrebbero aver cambiato la storia del Paese

Come dicevo, in città si beve tantissima birra e la maggior parte, se si escludono le dimore private, viene consumata nei tanti pub sparsi per le strade.

Negli anni Ottanta del Novecento, però, i locali non erano meta solo di assetati praghesi, ma anche di intellettuali e rivoluzionari stanchi del regime comunista che cercavano luoghi affollati nei quali poter discutere senza essere ascoltati. Vista la confusione le loro voci si sarebbero sicuramente perse in mezzo a quelle di tantissime altre persone, magari davanti a un buon piatto di goulasch.

Proprio alla fine di quel decennio, nel 1989, scoppiò la Rivoluzione di Velluto, l’evento che rovesciò il regime comunista dell’allora Cecoslovacchia.

Staré Město

Il suo futuro è in mano ai bambini

Si dice spesso che il “futuro è in mano ai giovani”, ma a Praga questa frase ha un significato più profondo e radicato nei racconti popolari.

Come vi ho detto nel post dedicato a Staré Město, Ponte Carlo è il più antico della capitale ceca ed è decorato con ben trenta statue di santi. Tra di loro c’è quella di San Venceslao e la leggenda racconta che avesse a portata di mano una spada, pronta per essere utilizzata per difendere il Paese in caso di attacchi o invasioni.

Sfortunatamente, però, alcuni bambini che erano soliti giocare da quelle parti, se ne impossessarono e da allora non è mai più stata ritrovata. Per questo si dice che sono loro ad avere in mano il futuro dell’intera Repubblica Ceca.

Ponte Carlo

Conoscevate queste curiosità su Praga? Ce ne sono altre che vorreste condividere? Lasciate un commento 🙂

Divisore tagInformazioni

Durante il mio viaggio a Praga ho soggiornato in un appartamento prenotato attraverso Airbnb. Cliccando sul link e registrandovi sul sito potrete ottenere 25€ di credito da utilizzare per il vostro primo soggiorno.

Le foto sono state scattate con una Canon 1100D, per vedere le altre sfogliare il mio album su Flickr.

***

Nel post sono stati inseriti link di affiliazione ad Amazon e ad Airbnb. Nel caso in cui decidiate di utilizzarli, sappiate che, senza costi aggiuntivi, contribuirete a supportare questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato, perché i siti mi riconosceranno una piccola percentuale. Grazie a chiunque deciderà di usarli 

Ti piacciono i miei contenuti? Puoi trovare nuovi post, codici sconto e anteprime tutti in una sola mail! Iscriviti ❤

Cliccando su "Iscriviti" accetti automaticamente alla raccolta dei dati da te forniti. Questi dati verranno utilizzati nel più completo rispetto della privacy. Qui maggiori informazioni

Condividi questo viaggio

Repubblica Ceca

Potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *