Curiosità su Camden Town: 8 cose che forse non sapevate

Curiosità su Camden Town: 8 cose che forse non sapevate su questa vivace zona di Londra. Musica, personaggi, storia e nuovi progetti.

Divisore tag

Camden Town è una delle zone di Londra da visitare almeno una volta. Qui si può mangiare cibo proveniente da tutto il mondo, curiosare tra i negozi e i banchi dell’usato, scoprire artigiani indipendenti, ascoltare musica alternativa: le opzioni sono infinite. È impossibile restare indifferenti di fronte alla sua personalità vivace e colorata.

Dopo avervi parlato di lei, della sua storia e dei suoi mercati, in questo post condivido alcune chicche che, probabilmente, ve la faranno apprezzare ancora di più. 8 curiosità che forse non tutti sanno su Camden Town.


 Leggi anche: Camden Town: tra cibo e shopping in una Londra alternativa


Camden Town

Avrebbe potuto chiamarsi in un altro modo

Come vi ho raccontato nell’altro post dedicato a Camden Town, questa zona di Londra prende il nome dal primo conte di Camden, che incentivò lo sviluppo dell’intera area nell’Ottocento.

Inizialmente, però, il nome pensato per lei era Fleet, dal fiume che scorre sottoterra attraversandola e che oggi non solo non è visibile, ma è anche oscurato dalla fama del ben più noto Regent’s Canal.

Camden Town

Casa di personaggi famosi

A Camden Town hanno vissuto personaggi dello spettacolo e della musica, molti attirati dall’atmosfera vivace e alternativa che ancora oggi caratterizza questa zona, altri ben prima che Camden diventasse quella che conosciamo.

Uno dei primi nomi noti è quello di Charles Dickens, che visse in Bayaham Street da bambino e che qui trovò le prime ispirazioni per Canto di Natale*, ma ci furono anche la poetessa americana Sylvia Plath, che visse al numero 3 di Chalcot Square, e il filosofo tedesco Friedrich Engels, al 122 Regent’s Park Road.

Tra i personaggi più recenti, invece, compaiono Gary Lightbody, frontman della band The Snow Patrol, e Amy Winehouse, alla quale è dedicata una statua nel cuore del Camden Market e che era nota proprio come The Queen of Camden.

Camden Town

La musica di Camden Town

Camden Town è un luogo di musica, teatro di concerti live di ogni tipo e locali famosi in tutto il mondo per aver ospitato band diventate poi di fama internazionale.

Il KOKO (ex The Camden Place), in Camden High Street, ha visto esibirsi i The Cure e il primo show nel Regno Unito di una ragazza che poi sarebbe diventata Madonna. The Dublin Castle, al 94 di Parkway, invece, ha accolto band come Blur, The Killers, The Arctic Monkeys e una giovanissima Amy Winehouse ben prima che diventassero davvero famosi.

Non solo, The Good Mixer, in Inverness Street, pare sia stato il luogo d’origine dei contrasti tra Blur e Oasis, mentre Electric Ballroom (Camden High Street) e The Roundhouse (Chalk Farm Road) hanno accolto sui loro palchi Jimi Hendrix, Pink Floys, The Who, The Doors, Red Hot Chilli Peppers e tantissimi altri.

Camden Town

Un luogo da copertina

Il legame di Camden Town con la musica è sottolineato dagli artisti che hanno scelto di immortalare la zona (e i dintorni) e usarla come copertina dei propri album. È il caso dei The Clash, con l’album omonimo del 1977, o dei Greyhound, con la cover di Black and White (1971).

A due passi da Camden Town, sempre nel London Borough of Camden, c’è anche la famosissima Abbey Road, comparsa sull’album omonimo dei Beatles nel 1969.

Camden Town sul grande schermo

Dalla musica al grande schermo, Camden Town è apparsa più volte anche al cinema. Tra i film più famosi ci sono Alfie (1966), con Michael Caine, Batman (1989), con Michael Keaton e Jack Nicholson, e Quattro matrimoni e un funerale, il classico del 1994 con Hugh Grant, Kristin Scott Thomas, Andie MacDowell e Rowan Atkinson.

Camden Town

La nuova “High Line”

Ispirandosi alla High Line di New York, anche Londra ha deciso di ristrutturare la linea ferroviaria sopraelevata (e ormai in disuso) che si trova tra Camden Town e la stazione di King’s Cross per creare uno spazio verde di 1,2 chilometri lungo il quale passeggiare.

Il progetto è ancora agli inizi e sul sito ufficiale della Camden Highline si raccolgono ogni giorno nuovi progetti e donazioni da persone da tutto il mondo che vogliono contribuire alla sua realizzazione.

Camden Lock non esiste

Quando si parla di Camden Lock si fa riferimento alla chiusa sul Regent’s Canal che si trova a due passi da negozi, banchi e food truck e che dà il nome anche a uno dei mercati più famosi dell’intero quartiere.

“Camden Lock”, però, non esiste, perché in realtà la chiusa si chiama Hampstead Road Lock, solo che nessuno la conosce con il suo nome originale.

Camden Town

I cavalli di Camden Town

Come vi raccontavo nel post dedicato a Camden Town, una parte del mercato è ospitata all’interno delle vecchie stalle londinesi di Camden, che fino a metà novecento ospitavano i cavalli impiegati in tutta la città per il trasporto di merci o persone o come animali da traino. Anche se in media le stalle contenevano circa 400 animali, in alcuni periodi ne accolsero addirittura 800!

Non solo stalle, qui c’era anche l’ospedale per i cavalli, una struttura che oggi ha oltre 200 anni e che oggi ospita il FEST Camden, un club famoso per la sua musica e gli spettacoli di cabaret.

Camden Town

Dove dormire a Londra


Dove dormire a Londra

Durante il mio secondo viaggio a Londra ho prenotato una camera in un appartamento attraverso Airbnb*.  La casa è a due minuti a piedi da un grande supermercato e dalla stazione ferroviaria di Abbey Wood, che presto sarà servita anche dalla Elizabeth Line (che la collegherà anche a Heatrow) e si trova a circa 25 minuti di treno da London Bridge.

Mi sono trovata molto bene, l’appartamento è molto pulito, ci sono il Wi-Fi e tutte le comodità e Jon e Giulia, i proprietari, sono molto disponibili e accoglienti. Bagno e cucina sono in comune con altri ospiti (ci sono in tutto due camere) e con i proprietari, che però si sono rivelati molto discreti lasciando a noi la priorità nell’utilizzo. Inoltre Giulia è italiana, quindi un host perfetto se avete difficoltà con l’inglese. 


 Leggi anche: Airbnb: come funziona e qualche consiglio per usarlo al meglio


Conoscevate queste curiosità su Camden Town? Volete condividerne altre? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag
Informazioni

Le fotografie inserite all’interno del post sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*, per vedere le altre sfogliate il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *