Cucina giapponese: i piatti da assaggiare in Giappone

La cucina giapponese e i cibi da assaggiare durante un viaggio nel Paese del Sol Levante. Ecco alcuni piatti da non perdere e i consigli su dove trovarli, da Tokyo a Osaka.

Divisore tag

Una delle voci della mia Travel Bucket List, la lista delle esperienze di viaggio da fare almeno una volta nella vita, era “mangiare giapponese in Giappone”: quello vero.

Una volta arrivata dall’altra parte del mondo ho cercato di assaggiare il più possibile di quello la cucina giapponese poteva offrirmi. Dal dolce al salato, passando per le bevande. È lì che ho scoperto che il matcha, il tè verde che in tanti decantano, non mi piace, ma anche che ci sono tantissimi altri cibi che, invece, adoro.


 Leggi anche: Viaggio in Giappone: itinerario di tre settimane da Tokyo a Osaka


Mercato Omicho

La cucina giapponese non è solo quella che si trova nei ristoranti delle nostre città e non è fatta di solo sushi. Ci sono tantissimi piatti meno noti che meritano di essere provati almeno una volta e altri che, invece, hanno aromi completamente diversi e sono molto più saporiti.

Issen-Yoshoku

In questo post ho raccolto tutti i cibi che secondo me bisogna assaggiare e alcuni suggerimenti su dove trovarli, da Tokyo a Osaka. Ecco cosa mangiare in Giappone. Buon appetito!


 Leggi anche: Curiosità sul Giappone: le cose da sapere prima di partire


Tsukiji Market

Carne di Kobe

Di questo piatto ho parlato anche in un altro post, quello dedicato alla città di Kobe, appunto. Quando si parla di carne di Kobe si fa riferimento a quella del manzo razza wagyu (tipica del Giappone) allevato e macellato proprio in questa zona.

Anche se si può trovare in tanti ristoranti del Paese, la cosa migliore da fare sarebbe proprio raggiungere la città e assaggiarla in uno dei tanti locali specializzati.

Dove mangiare la carne di Kobe

A Kobe ci sono tantissime opzioni, alcune turistiche altre meno. In alcuni ristoranti, come al ristorante Wakkoqu, vi faranno accomodare ad un tavolo al quale è attaccata una piastra. Un cuoco preparerà la carne davanti a voi e vi consiglierà come condire ogni pezzo a seconda della quantità di grasso. Il prezzo solitamente parte da un minimo di ¥2000 a persona nei ristoranti più economici.

Vi ho raccontato la mia esperienza in un altro post.


 Leggi anche: Kobe: cosa fare se trascorrete poco tempo in città


Cucina giapponese: pranzo con Kobe al Wakkoqu

Dango

I dango, spesso presentati a gruppi di tre, sono degli gnocchi di farina di riso. A me non è mai capitato di trovare dei veri e propri locali dedicati, ma è facile incontrare banchi e bancarelle che li vendono appena fatti. Sono un tipico di cibo di strada e possono essere di vari colori. Personalmente non mi piacciono molto, perché hanno una consistenza simile a quella dei marsh mallow, ma è una questione di gusti. Quelli a tre colori (verde, bianco e rosa) si chiamano Hanami dango e sono più comuni durante la fioritura dei ciliegi.

Dove mangiare i dango

In un qualsiasi matsuri, i festival giapponesi all’aperto che animano strade e parchi soprattutto durante la primavera. È un cibo economico che si aggira sui ¥150 a porzione.

Cucina giapponese: dango

Issen Yoshoku

Lo issen yoshoku è molto simile a una crêpe salata (viene definito anche come una specie di okonomiyaki, del quale vi parlerò tra poco) riempita con ingredienti a scelta, dal pesce alla carne, passando per uova e verdura. Va mangiata rigorosamente con le bacchette.

Dove mangiare l’Issen Yoshoku

A quanto pare, è esclusivo dell’area di Kyoto e il miglior locale, che si chiama esattamente come il piatto, si trova nel quartiere Gion. Il costo medio è tra i ¥600 e i ¥700.


 Leggi anche: Kyoto: cosa vedere nella storica capitale del Giappone


Cucina giapponese: Issen-Yoshoku

Melonpan

Il melonpan è in assoluto il dolce che ho amato di più in Giappone, così buono da farmi allungare il percorso solo per mangiarne un altro. In realtà è un cibo abbastanza semplice: un panino dolce composto da due impasti simili (quello esterno un po’ più croccante) e ricoperto di zucchero, spesso aromatizzato al melone. È una delle mie bellissime scoperte legate alla cucina giapponese.

Dove mangiare il melonpan

Il primo l’ho mangiato a Tokyo, a due passi dal tempio Senso-ji, ma a Osaka ne ho trovato uno che mi ha fatto innamorare. Il forno, del quale non sono riuscita a recuperare il nome, si trova di fronte all’Hotel Ashai Plaza Shinsaibashi. Il prezzo si aggira sui ¥200.


 Leggi anche: Tra Dotonbori e America-mura, sotto le mille luci di Osaka


Cucina giapponese: Melonpan a America-mura

Mochi

Come i dango, anche i mochi hanno una consistenza un po’ gommosa e non mi sono piaciuti, ma sono molto più dolci dei primi. Sono a base di riso glutinoso e spesso ripieni di marmellata ai fagioli rossi.

Dove mangiare i mochi

Anche se io li ho assaggiati allo Tsukiji Market di Tokyo, uno dei posti più curiosi dove mangiarli si trova a Nara. Lì, al Nakatanidou, è possibile vedere come vengono preparati e come viene pestata energicamente la pasta: questa particolare cerimonia si chiama mochitsuki. Il prezzo varia a seconda della quantità, ma non l’ho mai visto scendere sotto i ¥100/150 a pezzo.


 Leggi anche: Nara: cosa vedere tra cervi, santuari e templi


Cucina giapponese: mochi al Tsukiji Market

Nikuman

I nikuman sono dei panini al vapore ripieni di carne, a volte con l’aggiunta di verdure. In realtà l’impasto è un po’ più gommoso rispetto a quello al quale siamo abituati, ma il sapore è ottimo. Spesso si trovano come cibo di strada e sono sempre conservati all’interno di contenitori particolari come quello che potete vedere in foto.

Dove mangiare i nikuman

Io li ho assaggiati nel quartiere di Asakusa a Tokyo, non lontano dal tempio Senso-ji.


 Leggi anche: Tokyo: cosa vedere in 5 giorni nella capitale giapponese


Cucina giapponese: Nikuman ad Asakusa

Oden

L’oden è un piatto tipico dei mesi più freddi, un brodo al quale vengono aggiunti ingredienti a scelta (carne, pesce, verdure, funghi…) che sono esposti al banco e solitamente infilati in uno spiedino. Si trova comunemente nei mercati, soprattutto quelli coperti, e può essere condito con salsa di soia.

Dove mangiare l’oden

A me è capitato di trovarlo al mercato coperto di Kanazawa, Omi-Cho. Il prezzo varia a seconda della quantità di ingredienti scelti e gli spiedini scendono raramente sotto i ¥100 a pezzo.


 Leggi anche: Kanazawa: cosa vedere se si ha poco tempo


Cucina giapponese: Oden al Mercato Omicho

Okonomiyaki

L’okonomiyaki è stata una delle scoperte più belle se si parla di cucina giapponese. Si tratta di una specie di frittata composta principalmente da uova e verza alle quali vengono poi aggiunti altri ingredienti a scelta: pollo, maiale, gamberi… Alcuni dicono sia nato a Osaka, altri a Hiroshima.

Dove mangiare l’Okonomiyaki

Io li ho mangiati due volte. La prima volta in un locale davvero poco turistico di Shinjuku, a Tokyo, dove, dopo aver mescolato gli ingredienti, la cameriera ha lasciato a noi il compito di cuocerlo sulla piastra. Ammetto che il risultato non è stato eccezionale. La seconda in uno più turistico di Kyoto, dove invece siamo stati aiutati. Il prezzo parte solitamente dagli ¥800. Come qualità non ho trovato grosse differenze, ma nel primo l’atmosfera è sicuramente più autentica.

  • Tokyo: da Monjaya, a Shinjuku
  • Kyoto: al sesto piano dello Yodobashi Store, non distante dalla stazione
Cucina giapponese: Okonomiyaki a Shinjuku

Onigiri

L’onigiri è un mucchietto di riso di forma triangolare ricoperto di alga nori e ripieno solitamente di pesce. È comune durante i pic nic e pranzi al volo, un ottimo spuntino se mangiato da solo.

Dove mangiare gli onigiri

Al mercato del pesce di Tsukiji ne ho trovato uno talmente buono che mi ha spinto a tornare in zona anche il giorno dopo per prenderne un altro. All’interno aveva meguro (tonno) e alga kombu (nella foto è quello al centro con i due bollini, verde e oro). Il banco si chiama Marutoyo.


 Leggi anche: Il mercato del pesce di Tokyo: lo Tsukiji Market


Cucina giapponese: Onigiri allo Tsukiji Market

Ramen

Avevo assaggiato il ramen in Italia e non mi aveva convinto, ma dopo averlo mangiato in viaggio ne sento quasi la mancanza e ora è uno dei miei cibi preferiti della cucina giapponese.

Questo brodo caldo giapponese è saporitissimo, ricco di noodles, carne o pesce, verdure e altri ingredienti a scelta. In alcuni locali è anche possibile fare il bis di pasta gratuitamente. Ogni zona ha la sua ricetta e difficilmente ne troverete due uguali durante il vostro viaggio in Giappone.

Dove mangiare il ramen

Io l’ho mangiato almeno tre volte, ma i miei preferiti sono due, uno a Tokyo e uno a Osaka (il migliore tra quelli assaggiati, con una carne tenerissima). Il prezzo può variare tra i ¥500 e i ¥1000.

  • Tokyo: Hakata Furyu, a Shibuya
  • Osaka: da Human Beings Everybody Noodles, Shin-Osaka (i posti a sedere sono pochi e la coda si forma prima dell’orario d’apertura)

 Leggi anche: Cosa vedere a Shibuya, Tokyo: un itinerario a piedi


Cucina giapponese: Ramen a Shibuya

Senbei

Non avevo mai sentito parlare del senbei, poi, durante una passeggiata a Takayama, l’ho visto mentre veniva preparato e mi ha incuriosito. Si tratta di un cracker ricoperto di salsa di soia. Un cibo incredibilmente salato e che mi ha fatto bere mille litri d’acqua. Il mio consiglio è quello di dividerlo con i vostri compagni di viaggio, uno può essere un po’ troppo proprio per la quantità di sale.

Dove mangiare il senbei

A Takayama, nel quartiere tradizionale di Senmachi Suji. Il prezzo al pezzo è di ¥200.


 Leggi anche: Cosa vedere a Takayama: breve guida e informazioni utili


Cucina giapponese: Senbei a Takayama

Sushi e sashimi

Il sushi non ha bisogno di presentazioni. È il piatto della cucina giapponese più famoso all’estero, un mix di pesce e riso spesso avvolto in alga nori e condito a piacere con salsa di soia e wasabi. Il sashimi, invece, è pesce crudo, servito senza riso o con riso a parte.

Dove mangiare sushi e sashimi

Credo sia impossibile scegliere il sushi o il sashimi migliore di tutto il Giappone, ma per esperienza personale vi consiglio di assaggiarli allo Tsukiji market, il mercato del pesce di Tokyo. Non solo perché è freschissimo, ma anche perché il mercato stesso è un’esperienza da non perdere.

Ci sono molti locali che vantano un’ottimo sushi, ma io ho preferito prenderlo in uno dei banchi (lo stesso dove ho preso l’onigiri) e sedermi sui tavolini della terrazza del mercato coperto. Più veloce, più economico, ma ugualmente buono. Qui una porzione va da ¥500 a ¥1000.

Cucina giapponese: sushi allo Tsukiji Market

Takoyaki

Conoscevo i takoyaki perché ne avevo visti mangiare a quintali nei cartoni animati giapponesi che guardavo da piccola. Queste polpettine di polpo e pastella erano tra i cibi che ero più curiosa di assaggiare e non sono rimasta delusa. Per condirli viene usata la salsa omonima, maionese e katsuboshi, piccoli pezzi finissimi di pesce essiccato e grattugiato.

Dove mangiare i takoyaki

Li ho mangiati due volte e non saprei dire qual è il migliore, quindi vi consiglio entrambi gli indirizzi. Il prezzo medio a porzione è di ¥500.

  • Tokyo: da Gindaco, quartiere di Akihabara
  • Osaka: da Takoyaki Juhachiban Dotonbori, nell’area di Dotonbori
Cucina giapponese: Takoyaki

Taiyaki

Il taiyaki è un dolce a forma di pesce solitamente ripieno di pasta di fagioli rossi (azuki), ma che a volte si può trovare con crema pasticcera, crema al matcha o cioccolato. L’impasto può ricordare quello dei waffle. È un ottimo spuntino.

Dove mangiare i taiyaki

Non è una delle cose che ho preferito e quindi l’ho preso solo una volta ad Akihabara, poco distante da dove ho preso i takoyaki: al Kurikoan Akihabara Store. Uno ai fagioli rossi costa ¥136.


 Leggi anche: Alla scoperta di Akihabara: viaggio nella Tokyo dei manga


Cucina giapponese: Taiyaki

Tempura

La tempura è comunissima in Giappone e spesso viene usata come contorno o accompagnamento. Si tratta principalmente di gamberi e verdure ricoperti di farina di riso e acqua molto fredda. Anche se poi vengono fritti, il piatto risulta molto più leggero del nostro, perché questo tipo di pastella, soprattutto grazie alla bassa temperatura, non trattiene l’olio.

Dove mangiare la tempura

In tutto il Paese è pieno di locali dove assaggiarla e anche in questo caso non mi sento di dare un consiglio definitivo. Io l’ho mangiata al Tempura Tendon Tenya, non distante dal parco di Ueno a Tokyo. Il costo può variare a seconda di ingredienti e porzioni.

Cucina giapponese: Tempura

Tonkatsu

Il tonkatsu è una cotoletta di maiale impanata e fritta tipica della cucina giapponese. Può essere accompagnata da diversi ingredienti e a seconda di quelli usati cambia il proprio nome.

Il katsudon, per esempio, è composto da una cotoletta tagliata a fettine, riso bollito e uovo, il tutto servito in una scodella. È un piatto ricco e solitamente accompagnato da zuppa di miso o tè verde. Il katsu curry, invece, è preparato con la stessa carne, ma condito con una particolare salsa al curry giapponese. Entrambi piatti buonissimi.

Dove mangiare il tonkatsu

L’ho assaggiato varie volte e, insieme al ramen, è uno dei piatti salati che ho preferito. Il katsu curry si trova spesso in catene giapponesi specializzate, come Go-Go-Curry. Per quanto riguarda il katsudon, invece, i due locali che ho preferito si trovano a Osaka e a Takayama (il migliore dei due secondo me). Entrambi sono poco turistici e regalano un’esperienza autentica. I prezzi variano, ma si aggirano intorno ai ¥1000.

  • Osaka: Shin-Osaka, purtroppo non ricordo il nome o la posizione esatta, ma era vicino alla stazione di Minamikata
  • Takayama: da Kotaro
Cucina giapponese: Katsudon

Udon e soba

Quando si parla degli udon e della soba si fa riferimento a due tipi di pasta diversi, che ricordano molto gli spaghetti e che hanno spesso un utilizzo simile. I primi sono preparati con farina di frumento, la seconda con grano saraceno, ma entrambi possono essere serviti in brodo o freddi.

La soba si può trovare anche come yakisoba, cotta alla piastra e accompagnata con carne o verdure. È tipica dei matsuri, i festival giapponesi ricchi di bancarelle che vendono cibo appena preparato.

Dove mangiarli

Tra tutti quelli assaggiati in viaggio non è facile scegliere il migliore in assoluto, ma ho un ottimo ricordo degli udon mangiati in un minuscolo localino all’interno della stazione ferroviaria di Kamakura. Per ogni piatto del menu si poteva scegliere se usare la soba o gli udon. Anche in questo caso il prezzo può variare, ma solitamente si aggira tra i ¥500 e i ¥1000 a seconda della porzione e dei contorni scelti.


 Leggi anche: Cosa vedere a Kamakura: gita di un giorno da Tokyo


Cucina giapponese: Soba

Bentō

Il bentō non è un singolo piatto, ma più un’esperienza da fare in termini di cibo e di cucina giapponese. Si tratta di una scatola con all’interno un pranzo completo diviso in mono porzioni. È usatissimo da pendolari, studenti e viaggiatori.

Dove trovarlo

Si può trovare all’interno delle stazioni più grandi o in alcuni negozi lungo le strade. Io l’ho preso alla stazione di Kyoto, per poi mangiarlo all’esterno del Castello Nijō, e mi è costato ¥850, ma il prezzo varia a seconda delle dimensioni. Ora la scatola di carta contiene i ricordi del mio viaggio in Giappone.


 Leggi anche: Castello Nijō a Kyoto: il palazzo con il pavimento degli usignoli


Bento

Quali altri piatti della cucina giapponese consigliereste a chi sta per fare un viaggio in questo Paese? Quale vi ha incuriosito di più? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag
Informazioni

Come ho suggerito anche in altre occasioni, prima di partire vi consiglio di stipulare un’assicurazione di viaggio per evitare spiacevoli inconvenienti. È importante in particolar modo se state per intraprendere un’esperienza più lunga di una settimana e in un Paese così diverso dal nostro. Una volta in Giappone non ho mai avuto problemi, né relativi al cibo, né di altro tipo, ma non si sa mai, meglio partire tranquilli, soprattutto dal punto di vista sanitario.

Tutti i piatti e i locali menzionati sono frutto della mia esperienza personale e il post non vuole essere in alcun modo una guida definitiva, ma solo un insieme di consigli per chi sta per partire per il Paese del Sol Levante.

Le immagini sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

12 Comments

  1. 1

    Un altro piatto tradizionale di moltissime città giapponesi, secondo me da provare assolutamente, è l’Unagi, ovvero l’anguilla. All’inizio ero restio ad assaggiarla, però devo dire che è veramente ottima, dolce e morbida, molto meno grassa di quello che immaginavo 🙂

  2. 3
  3. 5

    Dovessi mai andare in Giappone tornerò a leggere il tuo post perché molti di questi piatti mi attirano mentre altri per la mia dieta non potrei assaggiarli. A me piacciono molto gli udon e mi attira la crepes salata ma forse è fatta con le uova.

  4. 7
  5. 11

    Ammetto la mia ignoranza: pensavo che in Giappone si mangiasse principalmente pesce crudo e la cosa mi spaventava non poco perché nonostante io ami il pesce, quello crudo non mi fa impazzire… E finora ho sempre “lasciato da parte” il Giappone come meta anche per questo motivo, per cui le tue parole mi riempiono di interesse verso questo paese. Ora aggiungo pure il Giappone alla lista infinita dei posti da vedere 😉
    Bellissimo il dolce a forma di pesce!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *