Covent Garden: 5 cose che forse non sapevate su questa zona di Londra

Covent Garden e alcune cose che forse non sapevate su questa zona di Londra. Chicche e dettagli per arricchire il vostro viaggio. 

Divisore tag

Covent Garden è uno dei luoghi di aggregazione più importanti e vivaci di Londra. Divisa tra il borgo di Camden e la Città di Westminster, questa zona è ricca di locali, negozi e teatri e offre tantissime opportunità e altrettante storie.


 Leggi anche: Cosa vedere a Camden: itinerario da Camden Town a Covent Garden


Curiosità su Covent Garden

Quando la si visita spesso ci si dedica solo ai suoi mercatini e ai suoi negozi, magari passeggiando tra una bancarella e l’altra, annusando tè e tisane da Whittard o curiosando tra le novità tech dell’Apple Store più grande del mondo. Covent Garden, però, non è solo questo: ecco alcune curiosità che forse non conoscete


 Leggi anche: Come muoversi a Londra: dalla metropolitana al taxi in città


Covent Garden

La piazza di Covent Garden è ispirata a quella di una città toscana

Il cuore di Covent Garden è la sua piazza, un luogo di mercato e di incontri fin dal Sedicesimo secolo. Quello che molti non sanno, però, è che l’architetto Inigo Jones, che si occupò del progetto di ristrutturazione nel 1631, si ispirò alla piazza di Livorno per realizzarla.

La scelta della città toscana non è casuale. Pare, infatti, che l’inglese abbia partecipato alla realizzazione della cattedrale livornese di San Francesco, ecco perché trasse ispirazione proprio da lì quando il quarto conte di Bedford gli commissionò i lavori londinesi.

Nel Settecento era nota come Piazza di Venere

Anche se la piazza di Covent Garden era famosa per il suo mercato ortofrutticolo, spostato a Nine Elms nel 1974, pare che questa zona fosse nota anche per altri affari, come il contrabbando di liquori.

I residenti iniziarono presto a lamentarsi della calca, del rumore, della sporcizia e della confusione che si creava soprattuto intorno a Irish Row e cominciarono a chiamare la piazza di Covent Garden, dove era consentito tutto, “Piazza di Venere”.

Covent Garden

Ci hanno vissuto e lavorato scrittori famosissimi

Non è difficile camminare per Londra e incappare in una targa commemorativa. In città hanno vissuto centinaia di scrittori, artisti, cantanti e uomini e donne che hanno fatto la storia.

A Covent Garden, per esempio, hanno vissuto due scrittori di fama mondiale: Jane Austen e Voltaire. La prima abitò al numero 10 di Henrietta Street, il secondo al numero 10 di Maiden Lane.

Non solo, tra le strade di Covent Garden ha lavorato anche Charles Dickens, che da ragazzo era impiegato in un edificio all’angolo tra Chandos Place e Bedford Street e da adulto scriveva in uno studio all’angolo tra Tavistock Street e Wellington Street.

Cup- & Cakes.

È stata location di numerosi film

Londra è apparsa in decine di film diversi ed è una delle capitali europee del cinema. A Covent Garden, in particolare, sono stati girate tantissime scene finite poi sul grande schermo: da Fenzy (1972) di Alfred Hitchcock, fino a Last Christmas (2019), uno degli ultimi film di Natale interpretato, tra gli altri, da Emilia Clarke.

Non solo, tra i più recenti qui sono stati girati anche Hummingbird (2013), Spectre (2015), Stanlio e Olio (2018), Mary Poppins Returns (2018). Tra quelli ormai diventati classici, invece, ci sono Quattro matrimoni e un funerale (1994) e My fair lady (1964). In quest’ultimo l’eterea Audrey Hepburn interpreta Eliza Dolittle, l’affascinante fioraia di Covent Garden uscita dalla penna dello scrittore irlandese George Bernard Shaw e protagonista della commedia Pigmalione.

Perfume.

Ha ispirato e fatto da location per Harry Potter e la Pietra Filosofale

Menzione a parte merita Harry Potter e la pietra filosofale, perché pare che Covent Garden abbia ispirato sia il libro scritto da J.K. Rowling, sia il film diretto da Chris Columbus nel 2001.

Goodwin’s Court e la vicina Cecil Court, in particolare, avrebbero ispirato Diagon Alley, mentre l’edificio che ospita il supermercato Tesco, su Bedford Street, ricorderebbe la facciata della Gringotts. Gli interni della banca dei maghi, invece, sono stati girati nell’Australia House, a pochi minuti a piedi.

Covent Garden

Dove dormire a Londra


Dove dormire a Londra

Durante il mio secondo viaggio a Londra ho prenotato una camera in un appartamento attraverso Airbnb*.  La casa è a due minuti a piedi da un grande supermercato e dalla stazione ferroviaria di Abbey Wood, che presto sarà servita anche dalla Elizabeth Line (che la collegherà anche a Heatrow) e si trova a circa 25 minuti di treno da London Bridge.

Mi sono trovata molto bene, l’appartamento è molto pulito, ci sono il Wi-Fi e tutte le comodità e Jon e Giulia, i proprietari, sono molto disponibili e accoglienti. Bagno e cucina sono in comune con altri ospiti (ci sono in tutto due camere) e con i proprietari, che però si sono rivelati molto discreti lasciando a noi la priorità nell’utilizzo. Inoltre Giulia è italiana, quindi un host perfetto se avete difficoltà con l’inglese. 


 Leggi anche: Airbnb: come funziona e qualche consiglio per usarlo al meglio


Conoscevate queste curiosità su Covent Garden? Ne volete condividere altre? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

Le cose da vedere a Camden sono state inserite in questo post secondo l’ordine suggerito per la visita. L’intero tragitto è lungo poco più di 5 chilometri.

Le fotografie inserite all’interno del post sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*, per vedere le altre sfogliate il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *