Cosa vedere al Metropolitan Museum of Art di New York

Al Metropolitan Museum of Art le epoche e i continenti sfidano i confini, creando una collezione invidiabile e dal valore inestimabile. Ecco cosa vedere.

Divisore tag

Il Metropolitan Museum of Art. Il secondo museo più importante e visitato del mondo dopo il Louvre di Parigi, il più grande di New York.

È il re indiscusso della Museum Mile, quel tratto della Fifth Avenue che costeggia il lato est di Central Park e dove è possibile trovare alcuni dei più importanti musei (ed istituzioni culturali) della città. Alcuni esempi? Il Solomon R. Guggenheim Museum, El Museo del Barrio e il Goethe House German Cultural Center.


 Leggi anche: Central Park a New York: cosa fare e cosa vedere per vivere il parco


Il museo racchiude, nei suoi 180.000 m², millenni di storia e di arte: da quella egizia a quella americana, passando per la romana e l’asiatica.

Il Metropolitan dall'esterno

Il Met, inaugurato il 20 febbraio 1872 in un piccolo palazzo della Quinta Strada, nacque dalla collezione privata di  John T. Johnston, dirigente delle ferrovie e suo primo presidente. Inizialmente comprendeva solamente un sarcofago romano e 174 dipinti europei.


 Leggi anche: I musei di New York: come visitarli gratis (o quasi)


Molti altri personaggi di spicco della città seguirono il suo esempio, donando le loro numerose proprietà al museo e costringendo il Metropolitan a cambiare sede due volte prima di essere ospitato nell’attuale edificio, costruito per volere del suo presidente.

Scudi

Nel corso degli anni il museo è stato costantemente ampliato ed è stupefacente come dalla collezione iniziale si sia arrivati a conservare tra queste mura oltre due milioni di opere d’arte. Sono divise in diciannove sezioni e provengono da tutto il mondo.

Oggigiorno dispone inoltre di una sede secondaria nel nord di Manhattan, chiamata The Cloisters, che ospita gran parte della sezione dedicata all’arte medievale.

Venere di Antonio Canova

Il primo piano

Il primo piano ospita l’arte decorativa statunitense, europea, egizia, greco romana, medievale. Ci sono poi oggetti provenienti da Africa, Oceania e Sud America, nonché una ricca collezione di armi ed armature. I suoi corridoi sono ricchi anche di arte moderna e contemporanea, scultura europea e la Robert Lehman Collection, con dipinti e opere di varie epoche collezionati dal banchiere americano nel corso degli anni.

Cosa vedere assolutamente al primo piano

La sezione egizia. È una delle migliori del museo ed è stata creata non solo grazie a donazioni, ma anche attraverso gli scavi che il Met ha finanziato e realizzato in Egitto tra il 1906 e il 1941. Un vero gioiello è il Tempio di Dendur, smontato per essere salvato dalle acque dopo la costruzione della diga di Assuan e ricomposto a New York nel 1978.

Dendur Temple.

Il secondo piano

Il secondo piano racchiude il proseguimento di alcune delle sezioni precedenti e le collezioni di arte del vicino oriente e dell’Asia, che si rivela la più vasta in occidente. Ci sono anche sezioni dedicate alle arti minori, come fotografia, disegno e stampe, altre alla musica e alla pittura e scultura europee del Diciannovesimo e Ventesimo secolo.

Cosa vedere assolutamente al secondo piano

La sezione dedicata all’arte orientale, che è la più vasta presente in occidente. Tra i capolavori in mostra c’è anche la ricostruzione a grandezza naturale di un giardino cinese, risalente al periodo della Dinastia Ming. È stato realizzato sulla base di uno dei cortili del Giardino del maestro delle reti da pesca, di Suzhou.

Giardino cinese

Il Metropolitan non ospita solo l’esposizione permanente, ma anche mostre itineranti e temporanee, biblioteche (alcune aperte al pubblico anche senza appuntamento) e luoghi di ristoro per i turisti. Fondamentali visto che la visita al museo può occupare anche tutta la giornata.

Armature medievali

Non si può non rimanere affascinati dai piccoli oggetti delle popolazioni precolombiane o dalle ricostruzioni a grandezza naturale di esterni ed interni di palazzi europei ed americani (come quella di una casa statunitense).

Abitazione americana

Il Metropolitan Museum of Art di New York merita di sicuro una visita, possibilmente senza l’imposizione di limiti di tempo.


 Leggi anche: New York: cosa vedere e cosa fare se la visitate per la prima volta


È un mix di culture e stili, l’incontro sotto lo stesso tetto di epoche e continenti che fanno del Met uno dei più preziosi e invidiati musei del mondo. Un vero viaggio nel tempo e nello spazio tra i grattaceli e gli alberi della Grande Mela.

Freedom.


Dove dormire a New York


Dove dormire a New YorkDurante il mio viaggio a New York ho soggiornato all’Hotel Mela*, a due passi da Times Square.

Le camere sono pulite e comode, leggermente più spaziose rispetto ad altre di Manhattan. In più l’albergo si trova in una posizione strategica per scoprire l’intera città perché Times Square non è solo centrale, ma è anche servita da molte linee della metropolitana.


Avete mai visitato il Metropolitan Museum? Vi piacerebbe? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

Il museo è aperto dalle 10.00 alle 17.30 dalla domenica al giovedì, e dalle 10.00 alle 21.00 il venerdì e il sabato.

I biglietti per il Metropolitan Museum of Art

Il biglietto d’ingresso costa 25,00$ (17,00$ per gli over 65, 12,00$ per gli studenti e gratis per i bambini sotto i 12 anni accompagnati da adulti). Il museo dispone di un servizio guardaroba gratuito.

La formula pay-as-you-wish non è più disponibile per i turisti dal 2018.


Clicca qui per acquistare i biglietti scontati per il Metropolitan di New York*


Come raggiungere il Metropolitan Museum of Art

Il Metropolitan Museum of Art si trova sulla Fifth Avenue e si estende dall 80th Street all’84th. Il mezzo di trasporto più comodo è l’autobus che corre lungo la Madison Avenue verso nord (se si viene da sud) o quello che corre lungo la Quinta Strada (se si viene da nord). Entrambe le fermate sono all’altezza del museo. La linea della metropolitana più vicina è la verde (4, 5 o 6) con fermata local sulla 77st o express sulla 86th.


 Leggi anche: Come muoversi a New York: metropolitana, autobus e taxi


Le immagini sono state scattate con una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.

Se state organizzando il percorso per la vostra prima volta a New York vi consiglio di dare un’occhiata alla pagina con tutti gli articoli su New York.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

2 Comments

  1. 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *