Cosa vedere a Taormina, la perla del mar Ionio

Taormina: arroccata sul mare, con l’Etna che sembra sorvegliarla da lontano. Vi racconto cosa vedere, i colori e le emozioni di una città gioiello.

Divisore tag

Esistono luoghi che sanno donare tanto, che riempiono gli occhi di mille tonalità diverse e la Sicilia è uno di quelli.


 Leggi anche: Dieci giorni in Sicilia: itinerario e pensieri


Questa regione è costellata di paesi grandi e piccoli, tante perle che formano una collana meravigliosa. Una di queste è Taormina, con suoi i piedi ben incastrati sulla roccia e il volto che si specchia sul mare.

Taormina

Riesce a farsi amare anche dopo pochi passi, con le sue viuzze e le terrazze che si affacciano sullo Ionio che spesso sembra essere un tutt’uno con il cielo. Non ci si può stupire se in estate si riempie di turisti.

 

Un post condiviso da Martinaway (@martinasgorlon) in data:

Passeggiare tra le case e gli alberghi seguendo le sue vie è un breve viaggio nel tempo, se ci si lascia trasportare dall’immaginazione. Gli anni Cinquanta, le corse in Vespa, i film in bianco e nero, fermarsi una storica pasticceria per assaggiare un cannolo.

 

Un post condiviso da Martinaway (@martinasgorlon) in data:

Poi c’è l’Etna che da lontano sbuffa. Sembra quasi di essere spiati da un gigante che saltuariamente si addormenta, magari cullato dalle onde del mare.

Taormina.

Si entra da Porta Catania, o da uno degli altri antichi accessi della città, e si comincia a camminare lungo Corso Umberto I. Da qui Taormina si schiude e rivela a tutti la sua bellezza e la sua storia racchiusa all’interno delle mura.

Taormina

Piazza 9 aprile

È uno degli angoli più vivaci della città e anche uno dei più frequentati. Da qui si gode di una vista splendida sulla costa e sull’Etna ed è impossibile non fermarsi per ammirarla. Si è ad oltre 200 metri d’altezza: uno spettacolo per gli occhi.

Taormina

La piazza, invece, è ricoperta da mattonelle che sembrano trasformarla quasi in una scacchiera, mentre gli edifici principali vi si affacciano rimanendo però sempre un po’ sullo sfondo, perché tutti vanno verso la terrazza. Ci sono la Chiesa di San Giuseppe, la Torre dell’Orologio e la chiesa sconsacrata di Sant’Agostino, che oggi ospita la Biblioteca Comunale.

Taormina

Il teatro antico di Taormina

Uno dei gioielli della città è il teatro antico, il secondo per dimensione in Sicilia dopo quello di Siracusa. Fu costruito dai greci nel III secolo a.C. e ha una scenografia invidiabile.


 Leggi anche: Cosa vedere a Siracusa e Ortigia in un giorno


I pendii che si gettano nel mare, l’Etna, lo Ionio. Il vero spettacolo è realizzato dalla struttura stessa e dalla sua posizione dominante, tanto che viene utilizzato ancora oggi.

Taormina.

Le aree archeologiche

Le altre aree archeologiche della città spesso passano in secondo piano, perché sembrano non poter competere con il loro fratello più famoso. Non lontano da Porta Messina ci sono le terme romane e l’Odeon, un minuscolo teatro che risale al Secondo secolo.


 Leggi anche: Lipari: cosa vedere sulla più grande delle Isole Eolie


Isola Bella

E poi c’è il mare. A due passi dalla funivia che dalla costa porta al centro città, c’è Isola Bella. L’isolotto sbuca dall’acqua ed è collegato alla terraferma da uno stretto lembo di terra che compare solo durante la bassa marea.

Isola Bella

L’acqua cristallina, la spiaggia di sassi, il verde. È uno splendido angolo di mare e proprio per questo è spesso molto frequentato, ma è perfetto per una sosta veloce prima o dopo aver visitato la città.

Isola Bella

Taormina è una perla, sì, ma ricca di colori, di sensazioni, di richiami ad una vita che si allontana sempre di più. Anche se è uno di quei luoghi splendidi in tutte le stagioni, credo vada vissuta quando quest’angolo d’Italia dona il meglio di sé: in estate, mentre il vento solletica le guance e il sole le brucia.


 Leggi anche: Sicilia nascosta: tre tappe al di fuori dei soliti itinerari turistici


Taormina

Un consiglio in più: dove mangiare un buon cannolo a Taormina

Seguendo i consigli di chi Taormina la conosce bene, ho preso il mio cannolo alla pasticceria Etna, che si trova in Corso Umberto I ed è stata fondata negli anni Sessanta. È aperta tutti i giorni dalle 8.00 alle 21.00 (fino a mezzanotte durante l’estate).


Se qualcuno dovesse passare un solo giorno in Sicilia e chiedesse: “Cosa bisogna vedere?” risponderei senza esitazione: “Taormina”.

Guy de Maupassant

Siete mai stati a Taormina? Vi piacerebbe visitarla? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag
Informazioni

Taormina è un comune della provincia di Messina, in Sicilia.

Le immagini sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*, per vedere le altre sfogliate il mio album su Flickr.

Dove parcheggiare a Taormina?

Ho sempre raggiunto Taormina in auto. Il mio consiglio è di lasciare l’auto in uno dei parcheggi coperti che si incontrano lungo la strada che sale verso il centro città. In cima le strade sono strette e ci sono molti sensi unici, nella maggior parte dei casi non vale la pena rischiare.

In alternativa è possibile lasciare la macchina nel parcheggio vicino alla costa, in zona Mazzarò, e salire con la funivia che arriva in via Luigi Pirandello, a due passi da Corso Umberto I. Le corse avvengono circa ogni 15 minuti dalle 8.00 alle 20.00 (fino all’una di notte in estate). Il lunedì si attivano alle 9.00. La singola corsa costa 3€.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Condividi questo viaggio

Messina

Potrebbero interessarti:

15 Comments

  1. 1
  2. 3
  3. 5
  4. 7
  5. 9
  6. 11

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *