A caccia di street art per le vie di Bruxelles

Una passeggiata per le vie della capitale belga per scoprire la sua splendida street art. Progetti, eventi e opere indipendenti che hanno colorato i muri di Bruxelles (e dove trovarli!).

Divisore tag

Bruxelles non è solo una città, è una tela. Anzi, è un album da disegno, uno di quelli pieni di schizzi di stili diversi, che si alternano e mescolano senza un ordine preciso.


 Leggi anche: Tre giorni a Bruxelles: cosa vedere nella capitale belga


Basta passeggiare per le sue strade per trovarsi davanti a opere di street art splendide: in bianco e nero, a colori, ricche di dettagli o appena abbozzate, quasi come stencil.

Street art by Bonom

Durante il mio viaggio è come se avessi ritrovato in lei l’anima della città. Riesce a trasmettere quella personalità che si perde tra strade, piazze e lavori in corso infiniti e a ogni passo si spera di voltare l’angolo e trovare un’altra opera, magari più bella della precedente.

Street art by Steve Locatelli

Moltissime realizzazioni sono indipendenti, create da artisti che hanno voluto lasciare una traccia del loro passaggio nella capitale, altre, invece, sono frutto di progetti condivisi, di richieste specifiche e di eventi che si sono svolti in città.

Vi accompagno a scoprire alcune delle opere principali e le idee dalle quali sono nate. Vi porto tra le strade di Bruxelles per scoprire la sua street art.

"De la musique avant toute chose" by Jef Aerosol

Bruxelles capitale del fumetto

Bruxelles è considerata la capitale europea del fumetto o, in francese, de la bande dessinée, letteralmente “la striscia disegnata”. I Puffi, Tintin e Lucky Luke, solo per citarne alcuni, sono usciti dalle matite di disegnatori belgi e nel tempo hanno raggiunto le pagine di riviste e giornali di tutta Europa e del mondo intero.

Odilon Verjus

Questa forma d’arte è così importante per la capitale che le è stato dedicato un intero museo, il Centro Belga del Fumetto o Centre Belge de la Bande Desinée, aperto nel 1989.

Insieme a lui sono nati anche il MOOF, un museo interamente dedicato alle figurine (action figures, bambole, pupazzi, ambientazioni ricostruite in miniatura nei minimi dettagli…), negozi interamente dedicati alla vendita e allo scambio di materiale da collezione e studi dove gli appassionati possono partecipare a workshop e corsi.

MOOF

Il progetto che però ha davvero consacrato Bruxelles a capitale del fumetto è quello che ha colorato le pareti dei suoi edifici. Dagli anni Novanta a oggi, infatti, oltre cinquanta palazzi della città si sono trasformati in gigantesche tele sulle quali i disegnatori hanno ridato vita ai personaggi più famosi delle bandes dessinées belghe e francesi.

Léonard

E così Asterix è comparso su un muro affacciato su un campo da calcio, Marsupilami su una parete del quartiere di Marolles e Tintin sta inseguendo chi sa chi o chi sa cosa su quello di una casa a due passi dalla Grand Place.

Ric Hocet

I murales sono davvero tanti e non tutti nel centro città, quindi, se avete pochi giorni a disposizione, non vi sarà possibile scoprirli tutti, a meno che non vi dedichiate solo a loro. Potete passeggiare per la capitale e sperare di incontrarne qualcuno per caso (non sarà difficile) oppure potete visitare il sito Visit.Brussels e segnarli su una mappa uno per uno.

Broussaille

Io, intanto, vi lascio la mappa con quelli che sono riuscita a trovare, spero possa esservi utile nel caso in cui decidiate di esplorare il centro di Bruxelles seguendo le sue opere murarie. Posizionando il mouse o cliccando sui puntatori potete leggere i nomi dei murales, le foto le trovate nel mio album su Flickr (il link è tra le informazioni alla fine del post).

[ubergooglemaps name=”BandeDessinéeBruxelles”]

street art

Strokar

Strokar è un evento che si è svolto dal 21 settembre al 19 novembre 2017 e che ha coinvolto quaranta artisti provenienti da tutta Europa. Ognuno di loro ha scelto una fotografia di Fred Atax, fotoreporter contemporaneo, e l’ha ricreata sulle pareti della città. Con le immagini si vola in Nepal, nelle Filippine, in Amazzonia: ritratti in bianco e nero di persone da ogni parte del mondo.

Street art by Doctor Bergman, BZT and Ose for Strokar

Questo progetto mi è piaciuto tantissimo e mi è dispiaciuto non trovare una mappa delle opere realizzate, perché le avrei viste tutte più che volentieri. Passeggiando ho trovato solo un gruppo di cinque volti che ha contribuito a far crescere la mia curiosità. Si trova di fronte al Zinneke Pis.

Informazioni: sul sito ufficiale di Strokar potete trovare le foto che hanno ispirato le opere e i nomi di tutti gli artisti che hanno partecipato. 

Street art by Jef Aerosol and Zac Rylic for Strokar

Più nel dettaglio: Jeff Aerosol

Tra gli artisti che hanno partecipato a Strokar c’è anche Jeff Aerosol, uno dei miei preferiti se si parla di street art. Le sue figure in bianco e nero e in scala 1:1 sono straordinarie e riescono sempre a trasmettere qualcosa in più rispetto a tante altre. O almeno questo vale per me.

Newspaper Boy by Jeff Aerosol

Passeggiando per Bruxelles ho trovato alcune opere bellissime che non posso non consigliarvi se anche voi amate il suo stile.  Ci sono il riconoscibilissimo Sitting Kid, che avevo incontrato anche a Bonifacio, in Corsica, il Newspaper Boy e due gruppi dedicati alla musica.

Sitting Kid by Jef Aerosol

Il primo vede ritratti Jim Morrison, Bruce Springsteen, John Lennon, Bob Dylan e Jimi Hendrix ed è stato realizzato nel 2008 per un negozio di dischi e strumenti musicali: l’Arlequin. Si trova vicino al Manneken Pis.

Jeff Aerosol for Arlequin Music Shop

Il secondo, invece, si trova nel quartiere Marolles e si intitola De la musique avant toute chose (La musica prima di tutto). Fu creato nel 2017 per la Galerie Martine Ehmer in un vicolo a due passi dall’entrata della galleria stessa.

"De la musique avant toute chose" by Jef Aerosol

Rainbow House

La Rainbow House è il punto di riferimento della comunità LGBTQ+ di Bruxelles e, oltre a fornire assistenza e supporto, organizza continuamente eventi culturali e informativi.

LGBT by Ralf König

Una delle pareti della sede, quella su Rue de la Chaufferette, è stata decorata nel 2015 con un gruppo di murales dedicato proprio all’intera comunità e attraverso queste opere gli artisti hanno voluto trasmettere messaggi positivi, contro l’intolleranza.

Rainbow House

Conoscete altre opere di street art sparse per Bruxelles? Vi piacerebbe scoprire la città seguendo i suoi murales? Lasciate un commento 🙂

Divisore tagInformazioni

Le immagini sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.

Se avete visitato Bruxelles e avete scoperto altre opere di street art, inviatemi una mail con la foto e l’indirizzo esatto, poi le condividerò sulla mia pagina Facebook con il vostro nome 🙂

[ubergooglemaps name=”StreetartBruxelles”]


*All’interno di questo post sono stati inseriti link di affiliazione che vi permetteranno di vedere i prodotti citati su Amazon. Se decidete di acquistare uno o più oggetti, utilizzando direttamente questi link contribuirete senza costi aggiuntivi a supportare questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤


Ti piacciono i miei contenuti? Puoi trovare nuovi post, codici sconto e anteprime tutti in una sola mail! Iscriviti ❤

Cliccando su "Iscriviti" accetti automaticamente alla raccolta dei dati da te forniti. Questi dati verranno utilizzati nel più completo rispetto della privacy. Qui maggiori informazioni

Condividi questo viaggio

Belgio

Potrebbero interessarti:

2 Comments

  1. 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *