Itinerario a piedi per scoprire Bonifacio, in Corsica

Un viaggio a piedi per scoprire Bonifacio, in Corsica del Sud. Un percorso tra storia, edifici simbolo e belvedere della città.

Divisore tag

Tornare a Bonifacio, in Corsica, dopo quindici anni è stato emozionante. Mi erano rimaste impresse le sue scogliere bianche calcaree a strapiombo sul mare, ma tutti gli altri ricordi erano molto sfocati.


 Leggi anche: Corsica: #unviaggiovintage


L'Auberge Corse in Placa d'Armes

La città si trova sulla costa meridionale dell’isola e si affaccia sullo stretto delle Bocche di Bonifacio. Da qui, nelle giornate più limpide, non è difficile vedere la costa sarda e Santa Teresa di Gallura, a circa dodici chilometri di distanza. Soprattutto la sera, quando le luci si accendono, i due comuni sembrano davvero a portata di mano. Lo avevo notato anche l’anno scorso, quando mi trovavo dalla parte opposta, sulla costa sarda.

Street art vicino al centro informazioni

Bonifacio ha subìto diverse dominazioni e assalti, ma la sua posizione strategica e le sue mura l’hanno spesso protetta. Oggi è un centro vivace, con un centro storico ricco di viuzze suggestive e punti panoramici mozzafiato.

Bonifacio

Basta un giorno per visitarla tutta ed è facilmente esplorabile a piedi. Si può tranquillamente lasciare l’auto in uno dei parcheggi vicino al porto e poi salire tra scalinate e lievi pendenze. Ecco il mio itinerario per scoprire cosa vedere a Bonifacio.


 Leggi anche: Corsica on the road: cinque giorni per scoprire l’isola


Punto panoramico di Bonifacio

Il porto

Il porto di Bonifacio si trova in una stretta insenatura ed è principalmente turistico, con piccole e medie imbarcazioni che arrivano e partono ad ogni ora. Da qui salpano anche i traghetti per la Sardegna. Ciò che lo rende affascinante è la vista sulle mura della città, che lo osservano dall’alto.

La città vecchia vista dal porto

Il belvedere e U Diu Grossu

Una delle viste più belle che si possono ammirare dall’alto della scogliera. Salendo dal porto lungo Montée Rastello, verso la chiesetta di San Rocco, si raggiunge in poco tempo il belvedere. Da lì è ben visibile uno dei simboli della scogliera: il Grain de Sable, U Diu Grossu in còrso.

Montée Rastello

Il “granello di sabbia” è uno scoglio tondeggiante che spunta dal mare poco distante dalla scogliera. Le persone lo raggiungono a nuoto per fare i tuffi e le barche vi si avvicinano il più possibile per ammirarlo dall’acqua.

U Diu Grossu (Grain de sable)

Il Bastione dello Stendardo

Per accedere al centro storico di Bonifacio bisogna attraversare le sue antiche mura. Dal belvedere, salendo lungo Montée Saint Roch. è possibile raggiungere il Bastione dello Stendardo (Bastion de l’étendard). Qui c’è anche uno dei due uffici turistici della città.

Entrata del Bastione dello Stendardo

Rue des deux Empereurs e Rue du Corps de Garde

Queste due strade corrono parallele e sono le vie antiche più importanti della città. La prima prende il nome dai due imperatori che l’hanno percorsa: Carlo V prima e Napoleone Bonaparte poi. Alzando la testa si possono ancora vedere gli archi degli acquedotti inclinati realizzati per raccogliere e far scorrere l’acqua piovana.

Rue du Corps de Garde

La Chiesa di Santa Maria Maggiore

È la chiesa più importante di Bonifacio e l’edificio più antico della città. Risale al Dodicesimo secolo e fu voluta dai Pisani, che per due secoli (dal Decimo al Dodicesimo) hanno dominato questo centro della Corsica del Sud. All’esterno c’è un ampio porticato, luogo di incontro e di discussione.

Chiesa di Santa Maria Maggiore

L’Escalier du Roi d’Aragon

Questa ripida scala deve il suo nome a una leggenda. Si dice che durante l’assedio spagnolo del 1420, i soldati di Alfonso V di Aragona scolpirono i suoi 187 gradini sulla pietra calcarea per riuscire a raggiungere la città. In realtà pare che la scalinata sia stata realizzata secoli prima per raggiungere più facilmente l’acqua potabile dell’antico pozzo di San Bartolomeo.

Informazioni: l’accesso alla scalinata è a pagamento e costa 2,50€. 

Un post condiviso da Martinaway (@martinasgorlon) in data:

La Loggia dell’Arsenale e la Corte Quadrata

L’Arsenale di Bonifacio risale al 1492 e pare sia stato voluto dai Cavalieri Templari. Oggi è un luogo di incontro e una delle aree dedicate ai banchi del mercato cittadino settimanale.

Loggia dell'Arsenale

Passando sotto l’arco, sul fondo della piazzetta, è possibile raggiungere la Corte Quadrata. Un tempo era il primo chiostro del Convento di San Domenico, oggi è uno dei luoghi della città dedicati all’intrattenimento, soprattutto teatrale.

Cour Carrée

La Chiesa di San Domenico

La Chiesa di San Domenico è uno dei pochi esempi di gotico mediterraneo in Corsica. Io purtroppo l’ho trovata chiusa, ma pare che l’interno sia molto più affascinante dell’esterno. Sulla stessa piazza si affaccia anche la Caserma Montlaur, testimonianza della vita militare della città.

Chiesa di San Domenico

La strada di pattuglia

Bonifacio è una città fortificata e sul lato delle mura che si affacciano sul porto è possibile percorrere la Strada di Pattuglia. Il camminamento è piuttosto semplice e l’accesso è possibile da Piazza Bir-Hakeim (Piazza d’Europa).

Strada di pattuglia

Se invece volete vedere le scogliere da lontano…

Per cambiare punto di vista bisogna lasciarsi la città alle spalle. Ci sono due strade percorribili. La prima è possibile solo a piedi, parte dal belvedere citato poco fa e porta a circa metà della scogliera sud-orientale: il Sentier de Campu Romanilu. Il percorso dura circa un’ora.

La seconda invece è fattibile anche in auto. Prima di arrivare a Bonifacio, seguendo la strada 58, si troverà una deviazione verso Capo Pertusatu. Si tratta di una via panoramica che regala bellissime viste sulla città e sulla scogliera e che si congiunge con il Sentier de Campu Romanilu.

Bonifacio

Siete mai stati a Bonifacio, in Corsica? Vi piacerebbe andarci? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

Le immagini sono state scattate con un iPhone 6s* e una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.

Dove dormire in Corsica

Durante la mia settimana in Corsica ho soggiornato in due strutture. La prima è il Residence Luna*, a Lecci, e si tratta di un complesso con mini appartamenti non distante da Porto Vecchio, un’ottima soluzione per chi in viaggio vuole essere totalmente indipendente. Il secondo è il B&B U Castellu*, a Propriano: una struttura carinissima, con ottime colazioni e si trova su una delle colline non distanti dal mare, una posizione che regala una vista splendida. Il primo si trova circa a 50 minuti in auto da Bonifacio, il secondo a circa un’ora e un quarto.

Se cercate una soluzione più vicina, vi consiglio di dare un’occhiata su Booking*.


*All’interno di questo post sono stati inseriti link di affiliazione che vi permetteranno di vedere alberghi e prodotti su Booking e su Amazon. Se decidete di acquistare uno o più oggetti o di fare una prenotazione, utilizzando direttamente questi link contribuirete senza costi aggiuntivi a supportare questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤


Ti piacciono i miei contenuti? Puoi trovare nuovi post, codici sconto e anteprime tutti in una sola mail! Iscriviti ❤

Cliccando su "Iscriviti" accetti automaticamente alla raccolta dei dati da te forniti. Questi dati verranno utilizzati nel più completo rispetto della privacy. Qui maggiori informazioni

Condividi questo viaggio

Corsica

Potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *