5 compagni di viaggio da evitare: i miei #nonpartocon

5 tipi di compagni di viaggio da evitare secondo me: i miei #nonpartocon. Ad ognuno il suo modo di viaggiare.

Divisore tag

Se c’è una cosa che ho imparato in 23 anni di spostamenti su e giù per l’Europa è che per come sono fatta io ci sono cinque tipi di compagni di viaggio da evitare. Poi ovviamente ognuno ha i suoi gusti e le sue abitudini.

Io per prima so di non essere la migliore compagnia del mondo perché ho anche io i miei difetti in viaggio, ma ora concentriamoci su di loro: i miei 5 #nonpartocon.

compagni di viaggio da evitare

1. Il dormiglione

Per me il viaggio non è sinonimo di vacanza. Vacanza è stare sul divano tutto il giorno e dormire fino a tardi quando sono a casa dall’università, il viaggio è scoperta e curiosità. Se viaggio è per fare e vedere cose nuove, non per dormire in albergo fino alle dieci del mattino quando fuori c’è un mondo da esplorare.

Sono quel tipo di persona che torna a casa più stanca di quando è partita. Ma torno felice ed è questo quello che conta per me. Quindi vade retro quei compagni di viaggio che dormirebbero per ore.

compagni di viaggio da evitare

2. Il no-breakfast

Chi mi conosce lo sa, amo la colazione quanto amo i viaggi. Per me è il pasto più importante della giornata, se a buffet ancora meglio. Il mio compagno di viaggio ideale sa che non deve rovinarmela, né farmela saltare.

Piuttosto che fare colazione di fretta, mi alzo dal letto con largo anticipo, anche se sto morendo di sonno, quindi sentirmi dire “Saltiamo la colazione, mangiamo di più a pranzo” equivale al rumore del gesso sulla lavagna. E poi con una buona colazione posso camminare tutto il giorno senza avere fame, e scusate se è poco.

compagni di viaggio da evitare

3. La/Il shopaholic

Non mi piace fare shopping quando sono a casa, figuriamoci quando sono in viaggio. Per me è solo una perdita di tempo prezioso, anche perché non faccio quasi mai viaggi che durino più di una settimana. Viaggiare con una persona che ha intenzione di rifarsi il guardaroba per me è una vera tortura.

L’unico shopping che non mi dispiace quando visito un luogo nuovo è quello nei negozietti tipici locali, perché credo sia un modo diverso e curioso per scoprire una città o una nazione e, perché no, magari portare a casa un piccolo ricordo.

compagni di viaggio da evitare

4. L’Italy addicted

Quello che cerca un ristorante italiano in capo al mondo, che pretende che il o la receptionist parli italiano, che mentre è all’estero fa continui paragoni con l’Italia, anche quando non c’entrano nulla con quello che si sta vedendo.

Se lasci il tuo Paese è per scoprire una realtà nuova, non puoi pretendere che lui venga con te. E poi dai, lo sai che pasta e pizza all’estero raramente valgono la pena.

compagni di viaggio da evitare

5. Lo sfaticato

Come in molti avranno capito leggendo i miei post, quando sono in viaggio cammino. Tanto. Se è vero che a casa sono molto pigra, è vero anche che quando sono in un posto nuovo mi piace esplorarlo a piedi a costo di perdere la sensibilità dei miei arti inferiori.

Viaggiare con qualcuno che cerca una panchina ogni dieci metri per me è una tortura. In quel caso ti faccio sedere, ti compro un gelato e poi io continuo per la mia strada. Avvisato.

Quali sono invece i compagni di viaggio da evitare secondo te? Vi è mai successo di viaggiare con loro? Lasciate un commento o scrivete un post con #nonpartocon 🙂

Divisore tag

Informazioni

Le foto sono libere da copyright con licenza Creative Commons CC0 e sono state tratte da Pixabay.

Questo post è dedicato alla mia compagna di viaggio a New York, che si è svegliata presto, faceva una colazione di fortuna in camera e poi la seconda da Starbucks, ha sopportato il mio sbuffare in qualche negozio, non ha mai chiesto di mangiare italiano e ha camminato fino a consumare le suole delle scarpe. 

*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Condividi questo viaggio

Diario

Potrebbero interessarti:

32 Comments

  1. 1

    Stamattina questo articolo mi ha strappato un sorriso 😉 Direi che gli sfaticati e i dormiglioni sono quelli più insopportabili e aggiungerei i disco-addicted. Ogni scusa è buona per girare tra discoteche e locali notturni. Risultato? Si fanno le 6 del mattino e il giorno dopo non si scopre assolutamente nulla della località visitata.

  2. 4
  3. 6
  4. 8

    Potremmo essere ottime compagne di viaggio, soprattutto per quanto riguarda la colazione. Considera che una delle cose che guardo quando prenoto hotel è se la colazione è inclusa o meno 😀 ovviamente chi la include…ha 10 punti in più!

    • 9

      Ahahah anche io guardo sempre quello e storco il naso quando vedo che non lo è. Sai, forse una blogger non dovrebbe dire una cosa simile, ma per me è quasi più importante la colazione del wifi al momento della prenotazione 😛 😉

  5. 10

    Ciao Martina, é la prima volta che commento. Con questo post hai centrato il peggio del peggio dei compagni di viaggio. Personalmente non sopporto il dormiglione, lo sfaticato e l’Italy addicted,ed aggiungerei il lento…chi ci mette due ore per fare qualsiasi cosa! In viaggio sono anche io una macchina da guerra, sveglia all’ alba, camminare camminare camminare tutto il giorno e cibo locale. Infatti i viaggioni li faccio solo con il mio ragazzo. L’unico punto su cui sono più “morbida” però é la colazione…ma solo quando l’ albergo é talmente economico da non offrirla! In quel caso mi arrangio o mottini del supermercato o qualche tappa in giro per fare scorta di energia!

    • 11

      Ciao Valentina, grazie per aver lasciato un commento! 🙂 ahah è vero, anche il lento non è da meno! 😉 ..sulla colazione un po’ ti do ragione, se l’albergo non la offre anche io mi accontento, però devo assolutamente mangiare qualcosa di abbastanza sostanzioso, questo è il punto! Non sono una che beve solo un caffè o mangia una mela, ho bisogno di energie 😉
      Un abbraccio 😀

  6. 12
  7. 14

    Cavolo, ho già scritto un post identico tempo fa sui compagni di viaggio da evitare, altrimenti avrei scritto subito un post #nonpartocon >_<

    Tra quelli che hai elencato condivido l'odio per quello che non vuole fare colazione (ma scherziamo?!), l'Italy addicted (l'ho messo anche io, come si fa a non odiarlo?) e lo sfaticato!

  8. 17
  9. 19
  10. 21

    Sono d’accordo su tutto!! Pensa che in viaggio anche se vado a letto alle 3 punto la sveglia alle 7.30 e sono in piedi pronta e fresca!
    Sarà una cosa di noi viaggiatori essere d’accordo con i tuoi punti, infatti tutti mi danno della pazza per le sveglie in “vacanza”, per quanto cammino, per la stanchezza che abbiamo quando torniamo…ma è così bello!
    Per la colazione anche io l’adoro *.* e potrei morire a saltarla ahahahah direi che possiamo partire insieme!

    • 22

      Anche io! O meglio, mi alzo zombie, ma appena mi lavo la faccia divento una macchina da guerra! 😉 ..dai, la cosa più bella del viaggio è non fermarsi (quasi) mai 🙂
      ahah molto volentieri! 😉 Un bacione <3

  11. 23

    Ciao! Bello questo post 😉 Sul punto 1 non potrei essere più d’accordo, la vacanza è una cosa, il viaggio un’altra! Anche se sono una dormigliona per natura, in viaggio sono così curiosa di esplorare il mondo che subito mi passa la voglia di dormire! Come te amo le colazioni, specialmente all’estero anche perchè quasi sempre ho la possibilità di trovare qualcosa che difficilmente mangio quando sono a casa. Sullo shopping dipende dal luogo… nell’East Village a NY o a Londra a Notting Hill potrei passarci le ore 😉

    • 24

      Sante parole! Non bisogna confondere viaggio e vacanza! 🙂 Io amo le colazioni a buffet in albergo, assaggerei di tutto e poi mi rilassano tantissimo!
      Il punto sullo shopping è un po’ flessibile diciamo, a me non piace molto, quindi non passo mai ore nei negozi, anche a New York ho cercato di evitarli. In alcuni carini e particolari ovviamente sono entrata, ma non perderei mai tempo nelle grandi catene per esempio! Poi dipende sempre da quanto tempo si ha a disposizione e il motivo del viaggio. Se vado a Londra tre giorni per scoprire la città e una persona mi obbliga a stare in un negozio di vestiti un pomeriggio intero, beh, no grazie 😉

  12. 25

    Siamo sulla stessa lunghezza d’onda in ogni punto, anche se in vacanza con le amiche mi è stato dato della dormigliona: io ho bisogno di dormire il necessario, altrimenti divento intrattabile, perché odio quella sensazione di stanchezza perenne che ti assale durate tutta la giornata.. ma a differenza loro, però, non passavo le giornate in spiaggia a “recuperare”: una volta uscita, non mi spengo più.
    Le retate nei negozi – di souvenir o di altro – durante un viaggio sono qualcosa che non ho mai sopportato!

    • 26

      Io se sono in viaggio mi sveglio abbastanza presto, però la stanchezza la sento solo appena scesa dal letto e una volta tornata in camera, durante la giornata vado avanti come una macchinetta e difficilmente mi troverai a fare la lucertola in spiaggia 😛
      Molto felice di sapere che potremmo essere buone compagne di viaggio 😀 un abbraccio <3

  13. 27

    Condivido tutto, anche se mi tengo sempre un po’ di tempo per comprare un regalo per mia sorella.. Siamo sempre state abituate a farlo sin da piccole e il mio ragazzo odia questa parte del viaggio! Per il resto la colazione é sacra, soprattutto quella fatta in hotel; i miei compagni di viaggio si stupiscono sempre di quanto possa mangiare lì!! Io non sopporto neanche chi preferisce prendere l’autobus o il taxi invece di farsi la strada a piedi, si possono scoprire un sacco di cose camminando!
    snoopandsparkle.blogspot.it

    • 28

      Anche io, di solito, se mi fermo a comprare qualcosa è per qualcun altro, ma cerco di metterci comunque il meno possibile e non mi sforzo, di solito prendo qualcosa che mi ha fatto innamorare a prima vista! 😉
      Idem, potrei mangiare per un reggimento a colazione (anzi, quasi sempre, ma a colazione ancora di più!) e lo stesso vale per il discorso dei mezzi di trasporto, soprattutto se la strada a piedi è più che fattibile! Ho scoperto più cose camminando che non spostandomi da un punto ad un altro con un bus o una metro! Un abbraccio <3

  14. 29
    • 30

      Il mio problema è proprio la perdita di tempo, in viaggio preferisco evitare certe cose: otto ore da H&M o simili mentre sei in viaggio non le tollero, a meno che tu non sia partita proprio per quello, ma allora non sei partita con me 😉 😛
      Mi fa piacere di sapere che sei d’accordo sul resto! 😉 Un bacione <3

  15. 31

    Marty, condivido sicuramente… ma sono UGUALE sulla colazione! Io addirittura nel corso degli anni ho imparato ad avere sempre qsa dietro con me per evitare quei casi in cui ti alzi di notte, in mezzo al nulla e “non c’è tempo”… Io sono stata capace di svegliarmi anche alle 3 di notte pur di avere tutto il tempo per fare la mia SACRA colazione! Buono da sapere che sei un’ottima compagna di viaggio (e colazione!) 😉

    • 32

      Simona, mi fa piacere non essere l’unica con questa “fissa” per la colazione! Come ti capisco, non mi è mai successo di svegliarmi alle 3, ma ne sarei capace di sicuro! Sono contenta di sapere che abbiamo cose in comune e che potremmo essere buone compagne di viaggio, un bacione 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *