Il Chelsea Market: alla scoperta di un angolo di New York dedicato al cibo

Il Chelsea Market, a New York, è il posto adatto per trascorrere una mattinata all’insegna del cibo. Vi porto a scoprirlo e vi do le informazioni utili per visitarlo.

Divisore tag

Il Chelsea Market si trova a Chelsea, appunto, in una New York che pochi conoscono e in un mondo totalmente lontano dai grattacieli del quartiere finanziario di Lower Manhattan.

Dopo avervene parlato un po’ nel post dedicato a cosa vedere a New York, vi porto a scoprirlo più nel dettaglio.


 Leggi anche: Curiosità su New York: 10 cose che forse non sapevate


Chelsea Market

Il quartiere di Chelsea in pillole

Chelsea è un’area principalmente residenziale, vivace e ricca di edifici storici in pietra arenaria, soprattutto nella zona più meridionale, il Chelsea Historic District.

Il quartiere deve il suo nome al capitano inglese Thomas Clarke, che costruì qui la sua casa nel 1750, e intitolò la zona in onore dell’omonimo quartiere londinese, quello di Kensington & Chelsea.

Gay Liberation Monument, New York City

Anche se, negli ultimi anni, è forse più conosciuto come gayborhood, “quartiere omosessuale”, Chelsea è famoso per essere il borough newyorkese dove si concentrano le migliori gallerie d’arte della città, realizzate per lo più all’interno di magazzini del XIX secolo restaurati.

Qui, però, non rinascono solo le vecchie linee della sopraelevata (come la High Line) e le gallerie d’arte: uno dei migliori esempi di rinnovamento e conservazione è il Chelsea Market, un paradiso per il palato e per gli occhi.

Chelsea Market

Il Chelsea Market: la sua storia

Era l’inizio del Novecento e la National Biscuit Company (Nabisco), una società famosa soprattutto per aver dato alla luce i famosissimi biscotti Oreo, decise di costruire proprio a Chelsea un complesso architettonico in grado di raggruppare tutti i propri forni e lavoratori in un’unica area. Il progetto copriva un intero isolato e fu terminato nel 1913.

Nel 1959, però, per adattarsi meglio alle nuove tecnologie, la società e i forni si trasferirono, lasciando il complesso di Chelsea e l’area circostante, ormai in declino.

NY 1.

Negli anni Novanta l’imprenditore americano Irwin B. Cohen lo acquistò e ristrutturò, affittando a emergenti società di comunicazione i piani superiori. Oggi quegli uffici sono usati da televisioni come la locale NY1, Food Network, Oxygen Network e, ultimo, ma non meno importante, Google.

Google.

Il piano terra, invece, venne popolato di negozi interamente dedicati al mondo dell’alimentazione e della ristorazione. Le poche eccezioni sono Anthropologie, un negozio di abbigliamento molto famoso oltreoceano, e un paio di altre attività, come le temporanee esposizioni di giovani artisti e designer.

Chelsea Market

Visitare il Chelsea Market

Il Chelsea Market è la versione culinaria e commerciale del Metropolitan Museum of Art: non c’è geografia che tenga. Solo per fare un esempio, la gelateria italiana L’Arte del Gelato è vicina di casa di Imports from Marrakesh, un piccolo angolo dedicato all’arredamento marocchino.

Chelsea Market

Questo ampio spazio lungo 240 metri ospita, infatti, negozi provenienti da ogni parte del mondo che vendono i propri prodotti artigianali, ma anche paradisi dei dolci americani come Amy’s Bread. È proprio in questo forno che si può mangiare quello che molti definiscono il miglior Sticky Bun di New York: una bomba calorica realizzata con una pasta di pane dolce arricchita con pinoli, cannella e miele, da provare!

Non mancano poi gli spazi dedicati ai creativi souvenir newyorkesi, come il Chelsea Market Baskets, e ad altri pieni di articoli freschi. Tra questi c’è la famosa pescheria The Lobster Place, che non solo vende i propri prodotti al naturale, ma offre anche la possibilità di ordinare e mangiare sul posto un’ottima aragosta.

Sticky Bun @ Amy's Bread

Il passato industriale dell’edificio è la cornice perfetta per questo susseguirsi di negozi moderni, ma dai profumi tradizionali. Vecchi pali della luce in ferro battuto e insegne decorano in maniera naturale il corridoio principale rendendo il Chelsea Market un posto insolito, ma davvero affascinante.

Chelsea Market

Come raggiungere il Chelsea Market

Il Chelsea Market si trova sulla 9th Avenue, tra la 15th e la 16th strada, poco distante dal fiume Hudson. È aperto dalle 7.00 alle 22.00, dal lunedì al sabato, e dalle 8.00 alle 21.00 la domenica.

Il mezzo più veloce e comodo per raggiungere il Chelsea Market è la metropolitana. Potete prendere la linee blu (A, C, E) con fermata a 14 St (sia express che locale). Se è la vostra prima volta in città o cercate più informazioni sulla metropolitana, forse può esservi utile il mio post dedicato a come muoversi a New York.

The Lobster Place.

Dove dormire a New York


Dove dormire a New YorkDurante il mio viaggio a New York ho soggiornato all’Hotel Mela*, a due passi da Times Square.

Le camere sono pulite e comode, leggermente più spaziose rispetto ad altre di Manhattan. In più l’albergo si trova in una posizione strategica per scoprire l’intera città perché Times Square non è solo centrale, ma è anche servita da molte linee della metropolitana.


Siete mai stati al Chelsea Market? Se avete dubbi, domande o suggerimenti, lasciate un commento 🙂

Divisore tag

Informazioni

Le immagini sono state scattate con una Canon 1100D*. Per vedere le altre potete sfogliare il mio album su Flickr.

Se state organizzando il percorso per la vostra prima volta a New York vi consiglio di dare un’occhiata alla pagina con tutti gli articoli su New York.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

14 Comments

  1. 1
  2. 9
  3. 12

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *