La Cattedrale di Notre-Dame: storia e informazioni per visitare la signora di Parigi

La Cattedrale di Notre-Dame è uno dei luoghi più belli di Parigi. In questo post la sua storia e tutte le informazioni utili per visitarla e scoprirla. 

Divisore tag

Parigi è una di quelle città delle quali è facile innamorarsi. Sarà l’atmosfera romantica, saranno i suoi tetti grigi e i palazzi eleganti, o quella sensazione di passeggiare per strada con una melodia che ci segue ovunque, come se fosse una colonna sonora.

Oppure sarà perché la capitale francese ha angoli antichi splendidi. Alcuni si ricordano perché citati nei libri di scuola che hanno accompagnato molte delle tue giornate, altri perché la letteratura li ha elevati a simboli. E questi sono quelli che preferisco.

Notre-Dame

La storia della Cattedrale di Notre-Dame

La Cattedrale di Notre-Dame sorge sull’Île de la Cité, l’isolotto che sbuca dalla Senna nel cuore di Parigi. È la chiesa principale della capitale e una delle più imponenti e importanti dell’Europa cattolica.

Monumento storico di Francia dal 1862 e Patrimonio UNESCO dal 1991, Notre-Dame sorge sul luogo che, in epoca romana, ospitava un tempio dedicato a Giove e sulle rovine di due chiese demolite per erigerla: quella di santo Stefano e quella di Nostra Signora. Soprattutto, è il risultato di 300 anni di lavori iniziati nel 1163 per volere di Maurice de Sully, vescovo di Parigi.


“Tu sai che lì sorgeva già una cattedrale, prima di quella attuale. Ma il grande vescovo Sully disse che la vecchia chiesa non era abbastanza grande e così la ricostruì, nel nuovo stile. Costò una fortuna.”
“È molto bella.”
“Sì, ma sai una cosa? Il vescovo Sully aveva mentito: la vecchia chiesa aveva quasi le stesse dimensioni dell’attuale. Ma lui voleva qualcosa di più splendido, in modo che Parigi potesse essere orgogliosa e tutti dicessero: ‘Guarda cos’ha costruito il grande vescovo Sully’. Per la gloria di Fio, naturalmente.”

Paris*, Edward Rutherfurd

Notre-Dame.

Anche se la costruzione della prima struttura terminò nel 1250, a partire da quell’anno iniziarono già le prime modifiche e i primi restauri e bisogna quindi aspettare il 1344 per considerare il cantiere ufficialmente smantellato. Nonostante questo, però, la Cattedrale non ebbe pace e nei secoli successivi i diversi sovrani continuarono a intervenire lasciando un segno del loro passaggio.

Durante la Rivoluzione Francese del 1789, Notre-Dame fu devastata e depredata: le statue distrutte, i metalli fusi. A partire dal 1793, poi, la chiesa divenne il “tempio della Ragione”, titolo che mantenne fino al 1801, quando Napoleone e papa Pio VII le riconferirono il titolo di Chiesa cattolica. È qui che il 2 dicembre 1804 Bonaparte fu incoronato Imperatore.

Notre-Dame.

La Rivoluzione e le sommosse degli anni Trenta dell’Ottocento lasciarono la Cattedrale in pessimo stato e furono necessari importanti lavori di restauro. Tra i promotori degli interventi ci fu anche Victor Hugo, che con il romanzo Notre Dame de Paris* del 1831 cercò di sensibilizzare l’opinione pubblica, riuscendoci.

Il restauro riportò la chiesa alla bellezza gotica di un tempo, eliminando gli abbellimenti, gli intonaci e le decorazioni eccessive del Rinascimento e del Barocco. È a questi anni che si devono i famosi gargouille di Notre-Dame, le chimere che sorvegliano Parigi dall’alto.

Notre-Dame.

La chiesa fu consacrata nuovamente il 31 maggio 1864 e nello stesso decennio, per volere di Georges Eugène Haussmann, promotore della riqualificazione urbanistica dell’intera Parigi, di fronte a lei fu aperta una grande piazza.

Risparmiata dalle due Guerre Mondiali, la Cattedrale di Notre-Dame fu colpita da un incendio il 15 aprile 2019, evento che causò il crollo del tetto, della guglia (flèche) e del transetto, e ancora oggi è chiusa al pubblico.

Cattedrale di Notre-Dame

Visitare la Cattedrale di Notre-Dame

Dopo la Torre Eiffel, per me Parigi è la Cattedrale di Notre-Dame. Imponente, ricca di decorazioni e di dettagli, con i rosoni che tingono l’interno di mille colori. È uno dei luoghi da visitare assolutamente a Parigi e non solo dall’esterno.

Mentre si cammina tra le sue navate è facile sentirsi piccoli, insignificanti: nonostante sia opera dell’uomo, qui l’uomo sembra quasi una nullità. Se poi si salgono gli oltre 300 scalini, si capisce che la sua bellezza sta anche in quello che è in grado di offrire.

In cima alle torri, infatti, a oltre 60 metri d’altezza, ci si trova faccia a faccia con i gargouille che hanno stimolato la nostra fantasia di bambini e si può ammirare l’intera Parigi dall’alto: uno dei panorami più belli dell’intera capitale.

Non solo, lassù si può incontrare anche la campana Emmanuel, pesante ben 13 tonnellate e unica sopravvissuta alla Rivoluzione, quando le altre furono fuse per creare armi di ogni tipo.


 Leggi anche: Disneyland Paris: la sua magia e le attrazioni da non perdere


Notre-Dame.

Informazioni per visitare la Cattedrale di Notre-Dame

La chiesa è aperta al pubblico gratuitamente tutti i giorni dalle 8.00 alle 18.45, fino alle 19.15 i sabati e le domeniche.

Le torri sono aperte dal 1 aprile al 30 settembre dalle 10.00 alle 18.30 (a luglio e agosto il venerdì e il sabato fino alle 23.00) e dal 1 ottobre al 31 marzo dalle 10.00 alle 17.30. L’accesso alle torri è posto all’esterno della cattedrale, sul lato sinistro lungo Rue du Cloître Notre-Dame.

L’ingresso è a pagamento: 8,50€ adulti, 6,50€ ridotto e gruppi di adulti formati da 20 o più persone, gratuito per minori di 18 anni in famiglia o gruppi scolastici, studenti europei dai 18 ai 25 anni, persone con disabilità e accompagnatori. La carta Paris Museum Pass è accettata.

L’ultimo ingresso è previsto 45 minuti prima della chiusura. L’intero complesso è chiuso il 1 gennaio, il 1 maggio e il 25 dicembre.


 Leggi anche: Il Louvre: storia e informazioni utili per visitare il museo più importante di Parigi


Notre-Dame.

Dove dormire a Parigi

Hotel a Parigi

Durante la mia settimana a Parigi ho soggiornato all’Aparthotel Adagio Paris Centre*, che regalava una splendida vista sulla Torre Eiffel.

Non è distante dalla Senna e dal centro città e le camere sono dei mini appartamenti dotati di cucina, l’ideale se volete essere indipendenti per i pasti o se viaggiate in quattro e volete stare tutti insieme in una camera spaziosa.


Se avete dubbi, domande o suggerimenti,
lasciate un commento!

Divisore tag

Media

La Cattedrale di Notre-Dame si trova sull’Île de la Cité, nel centro di Parigi. Per raggiungerla si possono usare la metropolitana della linea 4 (fermata CitéSaint-Michel), linea 1 o 11 (fermata Hôtel de Ville), linea 10 (fermata Maubert-Mutualité or Cluny – La Sorbonne), linee 7, 11 o 14 (fermata Châtelet).

Le foto sono state scattate con una Nikon Coolpix S210* e con una Canon 80D*, per vedere le altre sfogliate il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

6 Comments

  1. 1
  2. 3
  3. 5
    • 6

      I love Disney movies, I could spend all day watching them! 😉
      Wow, Denmark! I would love to visit it one day! I’ve been there when I was three, I’ can’t remember anything! 😛
      Have a nice trip, hope you can visit Paris very soon! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *