Il Castello di Osaka: il museo e la città dall’alto

Il Castello di Osaka è uno dei simboli della città. Vi porto a scoprire il suo museo e vi accompagno all’ottavo piano per vedere Osaka dall’alto.

Il Castello di Osaka, Ōsaka-jō, è uno tra i più importanti di tutto il Giappone. Non è solo l’emblema di questa moderna città, ma anche uno dei simboli dell’unificazione dell’intero Paese, avvenuta nel Sedicesimo secolo.

Castello di Osaka

Si trova su un piccolo altopiano, leggermente isolato rispetto agli altri palazzi di Osaka ed è circondato da specchi d’acqua e da un grande parco verde che in primavera e in estate dà il meglio di sé.

Osaka dal Castello

In passato la sua posizione rialzata era un’ottima difesa e permetteva di avvistare i nemici e di contrastare gli eventuali assedi. Oggi, invece, lo rende uno dei luoghi migliori dai quali ammirare la città dall’alto, sicuramente uno dei più affascinanti, vista la sua storia e ciò che è custodito al suo interno.

Castello di Osaka

Tra le mura del Castello di Osaka è stato infatti allestito un museo che ripercorre la storia di Hideyoshi Toyotomi, una delle figure chiave dell’unificazione giapponese e colui che fece costruire l’edificio.

Castello di Osaka

La visita inizia all’ottavo piano, dove si può accedere ad una terrazza panoramica a 360°. Da lì è possibile ammirare il parco dall’alto, ma anche la città che si estende a vista d’occhio al di là degli alberi. Certo, non siamo all’altezza dei Tokyo Metropolitan Government Building, perché qui siamo appena a 50 metri dal suolo, ma è comunque un bel panorama.

Osaka dal Castello

Scendendo un piano dopo l’altro si può scoprire la storia della città di Osaka e, in pillole, anche la storia del Giappone dell’epoca di Hideyoshi. Non solo pannelli informativi o video, ma anche antichi oggetti e cimeli risalenti al Cinquecento. Tra tutti mi hanno colpito le armature, diversissime da quelle europee, ma incredibilmente affascinanti.

In alcuni dei piani non è possibile fare foto, ma vi assicuro che una visita è d’obbligo. Non si può lasciare questa metropoli senza aver varcato la sua porta.

Castello di Osaka

Il Castello di Osaka mi ha permesso di scoprire molto su questa città e qualcosa in più su questo Paese. È un luogo ricco di storia ed elegante, dove si uniscono passato e futuro. Proprio come in tutto il Giappone.

Castello di Osaka

Info viaggi

INFO

Non appena entrerete al Castello di Osaka, dopo aver acquistato i biglietti, incontrerete probabilmente la coda per salire fino all’ottavo piano con l’ascensore. Se ne avete la possibilità, potete evitarla prendendo le scale.

Il castello è aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 17.00 (ultima entrata alle 16.30). Chiuso dal 28 dicembre al 1 gennaio. Il costo è di 600¥ per gli adulti (circa 4,50€), mentre è gratuito per i bambini e ragazzi con meno di 15 anni.

Come arrivare al Castello di Osaka?

La stazione più vicina è la Osakajō-kōen della Osaka Loop Line. È comodissima soprattutto per i possessori di Japan Rail Pass,  perché i treni sono compresi nel pass. Altrimenti potete scendere alla stazione di Morinomiya dove passano la Chuo Line, la Nagahoritsurumiryokuchi Line e la Osaka Loop Line.

Per vedere altre foto del castello, della città e del mio viaggio in Giappone, sfogliate il mio album su Flickr.

Ti piacciono i miei contenuti? Puoi trovare nuovi post, codici sconto e anteprime tutte in una sola mail! Iscriviti ❤

Potrebbero interessarti:

4 Comments

  1. 1

    Bellissima la prima foto, con il ciliegio in fiore in primo piano!
    Devo ammettere che la storia giapponese mi spaventa un po’, se così si può dire, per la sua vastità e complessità…però allo stesso tempo mi incuriosisce e mi attrae! Immagino che questo sia il luogo ideale per iniziare a saperne qualcosa 🙂

  2. 3

    Sono stata al castello di Osaka, peccato che quando sono andata io c’era un cielo grigio e le foto dalla terrazza panoramica non sono venute così bene! In ogni caso è un posto da visitare, mi è piaciuto moltissimo anche il museo interno con le storie interattive che scorrevano su piccoli schermi tutto intorno alla parete con lo stile di un teatrino (mi pare fosse al penultimo piano?). Ci tornerei sicuramente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *