La mia casa da sogno: #mysweettravelhome

Questo post è pieno di desideri, piccole e grandi idee per la mia casa da sogno. Secondo voi ho esagerato?

Divisore tag

Ormai un bel po’ di mesi fa alcune blogger hanno aperto le porte delle loro case per raccontare il loro arredamento in tema viaggio. Il tutto è nato da un’idea di Stefania, del blog Diquaedila, che ha lanciato #mysweettravelhome per curiosare nelle case dei viaggiatori. Ho scoperto il tag grazie al post di Francesca, ma ho voluto reinterpretarlo un po’.

Chi mi segue sa che sto frequentando l’università e negli ultimi cinque anni da fuori sede ho cambiato un paio di appartamenti, motivo per cui non ho mai davvero messo le radici da qualche parte appendendo quadri e foto alle pareti. Per non parlare di tutto il resto. Per questo non ho mai scritto un post sull’argomento, perché la mia sweet travel home non esiste. Non al di fuori della mia testa almeno.

Da qualche settimana ho però riattivato il mio account Pinterest e ho ritrovato una mia bacheca piena di consigli per arredare casa. Eccomi quindi a scrivere un post fatto di desideri per il futuro, di piccoli e grandi dettagli che, tutti insieme, danno vita alla mia casa da sogno. Senza dimenticare il tema del viaggio.

casa da sogno

Vorrei una casa luminosa, con grandi vetrate in salotto e in camera. Una casa di quelle che, anche d’inverno, possono tenere le luci spente durante la maggior parte della giornata. L’arredamento bianco o di legno chiaro, le pareti pure. Non troppo moderno, né troppo minimal, voglio sentirmi a casa, non in un albergo futuristico o all’interno di una galleria d’arte contemporanea.

Mi piacerebbe tanto avere uno studio tutto mio, con una grande libreria piena di libri, magari una bella mappa del mondo appesa alla parete e una scrivania che raccolga idee e progetti e dove poter lavorare e scrivere. Questa sarebbe la mia stanza, con i ricordi dei miei viaggi, foto e oggetti che con un solo sguardo mi portano dall’altra parte del mondo. Ah, magari anche un mappamondo di quelli particolari e tanto carini che si trovano online.

Particolare render scrivania : Studio moderno di Santoro Design Render

Non ho grandi pretese per quanto riguarda la camera da letto, l’importante è che sia chiara, come il resto della casa, e con il letto comodo pieno di cuscini, perché sono una di quelle persone che ne usano almeno due per dormire. Lo stesso vale per la cucina, anche se per questa ho trovato su Pinterest molti dettagli che adoro. Ah, se ci fosse più di un piano, vorrei appendere foto di viaggi anche lungo le scale, un po’ come si vede nei film.

Shaker kitchen by Harvey Jones : Cucina in stile classico di Harvey Jones Kitchens

La mia sweet travel home, la mia casa da sogno, non esiste e non so nemmeno se esisterà mai, ma immaginarla non costa nulla e quindi eccomi a condividere con voi le idee raccolte online, partecipando ad un tag carinissimo in maniera un po’ alternativa.

La vostra esiste o, come per me, per ora è solo una casa da sogno? Scrivetelo nei commenti e, se avete un account Pinterest, lasciatemi il link, sono curiosa di vedere le vostre bacheche!
Black World Map : Decorazioni per pareti di Crearreda Wallstickers
  Divisore tag
Informazioni

Il tag è stato creato da Stefania, del blog Diquaedila.it, sul suo sito potete leggere l’articolo che ha scritto.

Le foto sono state tratte dal sito Homify con il quale ho collaborato per creare questo articolo.

*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Condividi questo viaggio

Vita

Potrebbero interessarti:

18 Comments

  1. 1

    Marty, che carino questo post! (lo scopro ora, perdono!) 😉
    Anch’io progetto spesso la mia casa, ritagliando foto dai giornali di arredamento e sulle bacheche di Pinterest. Io sto facendo come la formichina, compro le cose che so che andranno bene e prima o poi le appenderò nel modo giusto 😉 Condivido la luminosità, il bianco e il legno chiaro, stile nordico insomma. E quella fantastica stanza personale non è una cattiva idea. Posso rispondere al tag o sono solo un pochino in ritardo?
    Un abbraccio

    • 2

      Ciao Laura 🙂
      Il tag non l’ho creato io, ma credo non ci sia un tempo massimo entro il quale rispondere, quindi partecipa pure 😀
      Io non compro ancora nulla, ma ho moltissime idee 😉
      Un bacione ❤️

  2. 3
  3. 5

    Che idea carina questo tag! Non pensavo ci fossero così tante persone che, come me, sognano l’interior design della futura casa dei sogni. Io vivo un po’ qui un po’ là, e sono ancora lontana dall’avere una casa mia da poter arredare secondo i miei gusti. Però abbiamo tanti desideri in comune! Come i colori tenui (più luminosi, ma anche più facili da personalizzare!) e uno studio tutto mio. Nei cassetti della scrivania ho già tantissime cose a tema viaggio che vorrei appendere: tra stampe, bandiere, vecchie targhe americane, quadretti, mappe, cartoline e fotografie, praticamente le pareti della mia futura casa sono già a posto! 🙂

  4. 9

    Riesco ad immaginarla la tua sweet travel home e mi piace tantissimo 🙂
    Per la casa di Ginevra ho scelto colori chiari e neutri sia per amplificare la luce sia perché i miei gusti con il tempo sono un po’ cambiati: nel mio appartamento in Italia invece vincono i contrasti forti e i colori d’impatto come il rosso e l’antracite.. anche se ogni volta che riapro la porta ho un tuffo al cuore e mi rendo conto di quanto mi piaccia ancora quella casa.
    La cosa che vorrei tanto è lo studio: anche questo avrebbe colori chiari e tenui, pareti ricoperte di scaffali, milioni di libri, un grammofono, una poltrona per leggere..

    • 10

      Ciao Francesca 🙂
      Io uguale, casa dei miei piena di colori e mi piace moltissimo, ma ora preferisco il bianco e la luce 🙂
      Lo studio è uno dei miei sogni più grandi per quanto riguarda la casa, speriamo 😉

  5. 11

    Non mi parlare di interior design! E di Pinterest! Io però ho le idee meno chiare di te, perchè passo dal volere una casa bianca e luminosa, ad una con pareti scure che fanno tanto intimità (anche se dopo un po’ stancano – parola mia che ho avuto la camera da letto rossa!)
    Sicuramente mi piacerebbe una parete con una carta da parati particolare e una cucina in stile industriale.
    Speriamo di farcela, un giorno 🙂

    • 12

      Via libera all’immaginazione 😉
      La mia camera (a casa) è verde evidenziatore e anche se l’adoro, non la rifarei più di quel colore! Sarà per quello che adesso voglio tutto bianco 😛
      Chissà come saranno davvero le nostre case 😉
      Un bacione 🙂

  6. 13

    Io e Stefano conviviamo ma per ora, dovendo studiare, siamo a casa dei suoi genitori. Abbiamo un piano tutto per noi ma addirittura poterlo personalizzare è troppo. Pero sognamo anche noi, anche a noi piacciono le vetrate ampie e gli arredamenti non troppo moderni e chiari, il parquet per terra e pareti con tante foto dei nostri viaggi. Abbiamo già la mappa da poter grattare appesa in camera da letto, e qualche stampa comprata durante i viaggi che aspetta arrotolata di poter trovare posto su un muro… Tempo al tempo. Piano piano riusciremo a dar forma ai nostri sogni!

    • 14

      Io vi faccio tantissimi auguri per il futuro 🙂
      Anche io ho la mappa da grattare a casa, ma è ancora arrotolata in attesa di trovare un muro che la ospiti seriamente 🙂
      Intanto si sogna, poi si vedrà 😉

  7. 15

    Che carino questo post! Come te, negli ultimi 5 anni ho cambiato diversi appartamenti (ovvero stanze) e il sogno di una casa tutta mia, da arredare secondo mio gusto, mi sembra molto lontano. Come te sogno una grande stanza-studio, con enorme libreria per tutti i libri che, negli ultimi anni, non sono nemmeno riuscita a tenere nello stesso posto. A volte a sognare divento malinconica…

    • 16

      Anche a me sembra lontano, ma ogni tanto mi piace pensare a come sarà 🙂
      Lo stesso vale per i miei libri, ogni tanto ne prendo uno o due da casa, ma siccome devo già leggerne per l’università, quelli rimangono spesso sul comodino 🙂

  8. 17

    L’idea è fantastica, risponderò anche io al tag visto che sto dando una sistematina a casa proprio in questo periodo 🙂 mi piace anche come lo hai rivisitato, quando si cambia casa spesso e si sta in affitto è difficile personalizzare una casa che non si sente propria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *