Musei a Londra: il Natural History Museum e il British Museum

Una visita al British Museum e al Natural History Museum di Londra. La mia esperienza e le informazioni utili per raggiungerli e per scoprirli. 

Divisore tag

Sono una di quelle persone alle quali piace andare per musei e, a meno io che non abbia davvero poco tempo a disposizione, ne inserisco sempre almeno uno nell’itinerario


 Leggi anche: Curiosità su Londra: 10 cose che forse non sapevate


Architecture.

Durante il viaggio a Londra mi sono dedicata ai due che ero certa mi sarebbero piaciuti: proprioil British Museum e il Natural History Museum.


 Leggi anche: Cosa fare a Londra in tre giorni: itinerario per vivere la città


Natural History Museum.

Il Museo di Storia Naturale

Il Natural History Museum si trova non lontano da Hyde Park e da Kensington Gardens, i giardini diventati famosi soprattutto grazie alla storia di Peter Pan. L’edificio è splendido, imponente e accogliente allo stesso tempo e il ricordo del suo interno è una delle immagini più belle di Londra che conservo nella mia mente.


 Leggi anche: Southbank a Londra: passeggiare lungo il Tamigi tra artisti e mercatini


Giants of the sea.

La struttura di quattro piani risale alla fine del 1800 e oggi accoglie cinque diverse aree: paleontologia, zoologia, botanica, mineralogia e entomologia. Anche se non sono un’esperta, mi è piaciuto curiosare tra le teche e le esposizioni e vedere animali oggi scomparsi come il Dodo o i dinosauri.

Space traveller.

Informazioni per la visita

il museo è gratuito per questo spesso è possibile trovare un po’ di coda. È aperto dalle 10.00 alle 17.50; chiuso dal 24 al 26 dicembre.

Il Natural History Museum si trova in Cromwell Road e le fermate metro più vicine sono quelle di South Kensington (circa 5 minuti) e Gloucester Road (poco più di 5 minuti).

Ancient bones.

Il British Museum

Il British Museum,invece, è molto diverso. Al suo interno di naturale c’è ben poco, perché conserva tutte le opere d’arte e gli oggetti creati dall’uomo: dall’antico Egitto ai secoli più recenti. È uno dei musei più grandi e visitati del mondo e non appena si varca la soglia ci si sente immediatamente minuscoli.

Mexican Monkey.

È così grande che probabilmente vi risulterà naturale passeggiare più che soffermarvi su ogni singola opera: ne contiene infatti più di otto milioni divise tra i magazzini e le sale espositive. Al suo interno potrete trovare anche la famosa Stele di Rosetta, i resti del Mausoleo di Alicarnasso e disegni di Leonardo da Vinci e Michelangelo Buonarroti.


 Leggi anche: Il mercato di Portobello, una Londra vintage


Greetings from Egypt.

Informazioni per la visita

Il museo è gratuito ed è aperto dalle 10.00 alle 17.30 (il venerdì fino alle 20.30). Chiuso dal 24 al 26 dicembre e il 1 gennaio.

Il British Museum si trova in Great Russel Street, non lontano da Oxford Street e le fermate metro più vicine sono quelle di Tottenham Court Road, Goodge Street e Russel Square (tutte a poco più di 5 minuti a piedi).

Rosetta Stone.

Questi due musei sono due tappe perfette per un viaggio a Londra, soprattutto se ormai siete riusciti a vivere l’anima della città e ora siete pronti a scoprire il suo lato più storico e culturale. Perché in viaggio, si sa, è bello scoprire un po’ tutto quello che una città può offrire.


 Leggi anche: Come muoversi a Londra: dalla metropolitana al taxi in città


Stone monkey.

Dove dormire a Londra


Dove dormire a LondraDurante il mio viaggio a Londra ho soggiornato all’hotel Princess Square*. Avevo optato per la sola camera, senza pasti, ma lo consiglio perché la stanza era pulita e molto spaziosa, anche il bagno era ampio.

Si trova non distante dalle fermate metro Bayswater e Queensway, perfette per esplorare la città, da Kensington Gardens, Notting Hill e Portobello.


Siete mai stati al British Museum e al Natural History Museum di Londra? Vi piacerebbe? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag
Informazioni

Per spostarsi da un museo all’altro con facilità vi consiglio di prendere la metropolitana della linea blu Piccadilly.

Le fotografie inserite all’interno del post sono state scattate con una Canon 1100D*, per vedere le altre sfogliate il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

8 Comments

  1. 1
    • 2

      Ciao Alessandro! Dal punto di vista architettonico a me è piaciuto molto il Museo di Storia Naturale, ma forse la collezione alla quale dare la precedenza è quella del British. Puoi valutare sulla base dei tuoi interessi, ma in linea di massima ti suggerirei quest’ultimo 🙂
      Buon viaggio!

  2. 3

    Oggi stavo guardando la cartina di Londra per decidere cosa vale la pena di visitare, visti i costi non proprio contenuti di alcuni posti della città (!!!) e mi sono ricordata di questo articolo. Ora che l’ho letto direi che devo decisamente andare a visitare il Natural History Museum, mentre il British Museum mmm… non sono un’appassionata di musei di questo tipo e visto che è gigantesco potrei annoiarmi – sono praticamente una ragazzina di dieci anni in questi casi – magari me lo tengo come jolly se ho già visto il resto 🙂

    Comunque foto SPETTACOLARI.

    • 4

      Effettivamente ci sono luoghi che costano molto e altri che invece sono incredibili e gratuiti, come il Natural History Museum. 🙂 ..mi racconterai a fine viaggio 🙂
      Grazie mille ❤️ un bacione ❤️

  3. 5

    Io non sono proprio un tipo da museo, nel senso che quando visito una città nuova preferisco vagare – anche senza una meta – tra le sue strade, ma il museo è un’ottima alternativa in una giornata di pioggia. Il mio preferito ad oggi è l’Art Institute di Chicago, che ho visitato qualche ora prima di ripartire, proprio durante una mattinata piovosa.

    • 6

      Dipende molto dal tempo che ho a disposizione, ma se ce n’è abbastanza per tutto allora un museo lo visito quasi sicuramente, soprattutto, come dici tu, durante una giornata di pioggia 🙂 A Chicago non sono mai stata, ma lo annoto di sicuro, grazie! 😀

  4. 7

    Sono stata ad entrambi…al Natural History ci son tornata anche due settimane fa perché mi piace un sacco!
    Adoro i musei interattivi, ed in particolare quelli di storia naturale! Qua in Italia segnalo sicuramente quello di Bolzano!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *