La Bassa Normandia: da Mont Saint-Michel ad Honfleur

Un viaggio in auto nel nord della Francia, attraversando da una costa all’altra la Bassa Normandia: terra di storia, bellezze e natura.

Divisore tag

Sono stata molte volte in Francia, soprattutto nelle sue regioni settentrionali. Dopo aver attraversato in macchina la Bretagna partendo da Pont-Aven, il paese degli impressionisti francesi, il mio viaggio è proseguito in Normandia, anzi in Bassa Normandia.


 Leggi anche: Bretagna: cosa vedere da Pont-Aven a Cancale


Le Mont-Saint-Michel, Bassa Normandia

Mont Saint-Michel

La prima tappa è Mont Saint-Michel, sulla foce del fiume Couesnon e patrimonio UNESCO dal 1979. È uno dei luoghi più visitati di Francia e uno dei più fotografati.

L’isolotto ha una forma incredibilmente riconoscibile con il suo santuario dedicato a San Michele Arcangelo sulla cima ed ha ispirato anche uno dei cartoni Disney. Non c’è da stupirsi, perché è un luogo unico, che sembra uscito dalle fiabe, ricco di stili diversi e vie strette ed intricate.


 Leggi anche: 6 luoghi che hanno ispirato le location dei cartoni Disney


Le Mont-Saint-Michel, Bassa Normandia

L’abbazia benedettina, costruita nel X secolo, è stata una delle più importanti mete di pellegrinaggio della religione cristiana ed è da sempre il centro culturale e cittadino.

Vi si può accedere percorrendo a piedi la Grand Rue, la via principale del paese sorto alle pendici del monte, che avvolge la montagna in un stretto abbraccio a spirale mentre tante piccole viuzze ricche di angoli da scoprire la raggiungono timidamente. Proprio su questa via si trova anche La Mère Poulard Cafe, famosissimo per le sue omelettes.

L’aspetto unico di questo luogo è però legato alle peculiarità del territorio che lo circonda. Le ampie maree, caratteristiche del nord della Francia, raggiungono in quest’area anche i 14 metri di dislivello. Insomma, con l’alta marea Le Mont-Saint-Michel diventa quasi inespugnabile.


Il Mont Saint-Michel sta al mare come Cheope sta al deserto.

Victor Hugo


Le Mont-Saint-Michel.

Deauville

Dopo poco più di 180 chilometri, percorsi verso nord est, si raggiunge Deauville. È qui che si può capire che la Bassa Normandia non è solo storia, ma anche spettacolo.


 Leggi anche: Nord della Francia on the road: 5 luoghi poco noti da non perdere


Questa città della Côte Fleurie (Costa Fiorita) ha poco da invidiare alla più calda e meridionale Cannes. Per tutto il ventesimo secolo è stata una raffinata e rinomata località mondana, tanto che numerosi personaggi famosi trascorrevano tra la spiaggia e il casinò le loro vacanze.

Deauville, Bassa Normandia

Il lungomare è caratterizzato da colorati ombrelloni, ormai diventati uno dei simboli della cittadina, che riparano sia dal sole che dalla sabbia alzata dal vento, e da cabine dedicate ai vari vip che sono passati di lì, da James Dean a Michael Douglas.

Questo luogo è legato però soprattutto alla raffinata figura di Coco Chanel, che dal 1913 operò e visse nella bella e fiorita località normanna.

Deauville, Bassa Normandia

Trouville-sur-Mer

Trouville-sur-Mer, dall’altra parte del fiume La Touques, è meno mondana e più tranquilla. Agli attori del Novecento di Deauville si contrappongono scrittori dell’Ottocento come Dumas e Flaubert.

La vita sembra scorrere più lentamente, il fascino della Bassa Normandia esplode quando i pescatori arrivano carichi di pesce appena pescato e i gabbiani, fin troppo numerosi, cominciano a fare confusione dal cielo per avere la loro razione quotidiana di cibo.

Trouville-sur-Mer, Bassa Normandia

Honfleur

A sedici chilometri di distanza da Trouville-sur-Mer sorge la città di Honfleur, con il suo porticciolo e la case strette e tutte vicine tipiche della parte settentrionale della Francia e dell’Europa. Il comune deve la sua ricchezza al porto, dal quale non solo partivano merci dirette in Inghilterra, ma anche esploratori che salpavano verso il nuovo continente. Da qui partì, tra le tante, la spedizione del 1608 che fondò la città di Québec.


 Leggi anche: Cinque città per scoprire la Francia


Come molte cittadine della zona, Honfleur era meta di numerosi pittori francesi, primo tra tutti Monet. Visitandola non risulta difficile capire il perché: è raccolta, caratteristica, è un luogo che sembra rimasto bloccato nel passato.

Honfleur, Bassa Normandia

Dopo circa 226 chilometri percorsi, è il momento di fermarsi un po’, anche se il viaggio non finisce qui. Tagliando la Bassa Normandia da una costa all’altra si capisce quanto questa regione sia eterogenea e ricca di storia.

Il Medioevo di Mont Saint-Michel, con le sue casette antiche arroccate, e il Seicento di Honfleur, con le sue abitazioni nordiche, passando per la mondanità di Deauville e la tranquillità di Trouville-sur-Mer.


 Leggi anche: Normandia on the road: da Étretat alle spiagge dello Sbarco


È un viaggio nella storia dell’Europa e della Francia, non solo geografico, un viaggio da fare in macchina, per non perdersi nulla e fermarsi quando la fresca aria del mare del Canale della Manica chiama.


Dove dormire in Normandia


Dove dormire in NormandiaDurante il mio viaggio in Bassa Normandia ho soggiornato una notte in un B&B non distante da Mont Saint Michel, a Céaux, che però ha chiuso, e poi a Trouville-sur-Mer, al Résidence Pierre & Vacances Les Tamaris*.

Quest’ultimo permette di pernottare in mini appartamenti dotati di cucina, l’ideale se volete essere completamente autonomi o se viaggiate in gruppo. 


Siete mai stati in Bassa Normandia? Vi piacerebbe andarci? Se avete consigli, dubbi o domande lasciate un commento 🙂

Divisore tag
Informazioni

Questo viaggio on the road da Mont Saint-Michel a Honfleur è lungo poco più di 200 chilometri.

Le foto sono state scattate con una Nikon Coolpix S210*, per vedere le altre sfogliate il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

10 Comments

  1. 1
  2. 7

    Ciao, arriviamo grazie alla rete!! Bellissimo articolo! Che dire, viaggiamo sempre così lontani e non ci rendiamo conto che a poche ore di macchina dall’Italia ci sono bellissimi paesaggi. Anche noi ci vorremmo andare in Normandia, sogniamo questo viaggio da anni e abbiamo deciso di tenerlo nel cassetto fino a quando non avremmo un camper 🙂 Ah, che belli i sogni !!
    ciao e complimenti per il blog
    dueingiro.blogspot.it

    • 8

      Grazie mille 😀

      Beh, fare un viaggio di questo tipo in camper credo sia incredibile! Una zona così ricca di posti da scoprire merita di sicuro una visita, se fatta in piena autonomia è ancora meglio!! Vi auguro di farlo presto! In bocca al lupo e buon viaggio! 😀 <3

  3. 9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *