La Baie de la Somme: da Le Crotoy a Saint-Valery-sur-Somme su un treno a vapore

Nella Baie de la Somme, il più grande estuario del nord della Francia, a bordo di un treno a vapore per scoprire Le Crotoy e Saint-Valery-Sur-Somme.

Divisore tag

La Piccardia è una delle regioni più settentrionali della Francia, anche se forse una delle meno conosciute tra quelle che si affacciano sul Canale della Manica.


 Leggi anche: Bretagna: cosa vedere da Pont-Aven a Cancale


Le Crotoy.

Vi ho raccontato della fiabesca Bretagna e della Normandia tra storia, arte e natura, ma la Piccardia è molto diversa: ha meno chilometri di coste e un clima spesso meno generoso, è più riservata e a volte più spontanea.


 Leggi anche: Normandia on the road: da Étretat alle spiagge dello Sbarco


Le Crotoy.

È piena di paesini con un fascino particolare che riescono a conservare, nella confusione del mondo moderno, la loro tradizione e la loro spontaneità, lasciando da parte anche solo un po’ l’impegnativo compito di stare al passo con i tempi (e non è una cosa negativa).

Saint-Valery-Sur-Somme.

Io sono una di quelle persone che amano le grandi città, il continuo avere qualcosa da fare e le mille opportunità, ma quando vedo case piccole e colorate, barche di legno ormeggiate e negozietti pieni di prodotti tipici, ammetto che anche io riesco ad esserne affascinata.

Le Crotoy.

Soprattutto, però, in quei pochi chilometri di coste è capace di regalare uno degli spettacoli naturali più belli di tutta la Francia. Lo si può ammirare nella Baie de la Somme.

Le Crotoy, la forza della marea

Come accade per Mont Saint-Michel, anche in quest’area la marea è ampia, tanto ampia da trasformare l’estuario della Somme (circa 72 chilometri quadrati) in un’immensa spiaggia.


 Leggi anche: La Bassa Normandia: da Mont Saint-Michel ad Honfleur


Le Crotoy

L’acqua si ritira e al posto di un fiume imponente compare una distesa di sabbia umida, che porta alla luce granchi e conchiglie, mentre le barche che fino a qualche ora prima dondolavano al ritmo della corrente, si adagiano pigramente al suolo.

Le Crotoy.

Qui in Piccardia mi sono allontanata dalla modernità e ho passeggiato su e giù per la baia alla ricerca dei granchi. Ho scoperto cosa vuol dire avere freddo a luglio, dipendere totalmente dalla natura (e da quello che dà e che toglie) e cos’è la salicornia, una pianta che cresce proprio nella baia e che è buonissima sia sotto aceto che bollita.

Vi accompagno a scoprire questa zona attraverso due paesini che la rappresentano perfettamente e un mezzo di trasporto davvero particolare: un treno a vapore.

Le Crotoy.

Le Crotoy

Uno dei più noti paesi sulla Baia della Somme è Le Crotoy, che non ha nemmeno 3000 abitanti. Pensate che questo centro ha ospitato Jules Verne e ha visto la povera Giovanna D’Arco incarcerata.

Le Crotoy.

Mi ha accolta con 12 gradi in pieno luglio, un cielo grigio e la pioggia, ma anche con le sue case dai balconi colorati rovinati dalla salsedine, l’odore pungente del mare della Manica che va e che viene e con i piccoli dettagli che solo un paese di pescatori può avere.

Le Crotoy

Le Crotoy è fatto di strade poco trafficate e case colorate con i mattoni a vista, che sono ancora più belle quando il sole regala qualche raggio tra i nuvoloni grigi che normalmente ricoprono la Baia.

Le Crotoy.

Il Chemin de Fer de la Baie de Somme

Una locomotiva fumante, dei vagoni che sembrano usciti dalla fine dell’Ottocento e quasi trenta chilometri di rotaie: da Le Crotoy si può partire per percorre il Chemin de Fer de la Baie de Somme.

Chemin de fer de la Baie de la Somme.

La ferrovia collega Le Crotoy, appunto, a Cayeux-sur-Mer, dall’altra parte della Baia della Somme. Un treno belle epoque attraversa paludi e prati al ritmo lento del vapore, seguendo il percorso che compivano i bagnanti di fine ottocento per spostarsi da un luogo di villeggiatura all’altro della Piccardia.

Chemin de fer de la Baie de la Somme.

Fuori dal finestrino il panorama è costante: la baia che compare e scompare a seconda della natura che la circonda, gli animali che la abitano che fanno capolino dalle piante che crescono spontanee e il cielo spesso coperto del nord della Francia.

Chemin de fer de la Baie de la Somme.

Le tappe principali sono Noyelles-sur-Mer e Saint-Valery-sur-Somme ed è proprio in quest’ultima fermata che scenderemo, per scoprire una cittadina che mescola perfettamente i dettagli di un antico medioevo con quelli tipici di un villaggio di pescatori che, come quelli che abitano Le Crotoy, dipendono dalle maree della baia.

Chemin de fer de la Baie de la Somme.

Saint-Valery-Sur-Somme

Saint-Valery-Sur-Somme si snoda fra stradine strette, che ti costringono spesso a cambiare percorso, e passeggiate rilassanti lungo il fiume Somme, accompagnate dall’acqua e dalle barche ormeggiate da un lato e da splendide case ottocentesche dall’altro.

Saint-Valery-Sur-Somme.

Questo piccolo paese è fatto di contrasti, è diviso tra due realtà storiche ben distinte, quella medievale e quella del diciannovesimo secolo, eppure tutto sembra incastrarsi perfettamente.

Saint-Valery-Sur-Somme.

Il porto di Saint-Valery, nel 1066, ha visto Guglielmo il Conquistatore salpare alla volta dell’Inghilterra, della quale diventò sovrano con il nome di Guglielmo I, primo re normanno dell’isola.


 Leggi anche: Nord della Francia on the road: 5 luoghi poco noti da non perdere


Oggi ospita piccole barche, che sono ben lontane dal poter servire un esercito, ma che comunque donano fascino alla cittadina piccarda. Ci sono quelle moderne e quelle che invece sembrano galleggiare sulla Somme da anni, minuscole e in legno, tipiche dei pescatori di fiume.

Saint-Valery-Sur-Somme.

Passeggiare per Saint-Valery-Sur-Somme dona una pace che è difficile trovare nel mondo moderno, si entra in un negozietto dal profumo di mare, si passa a mangiare una crêpe da Sel & Sucre.

Questo locale è un piccolo gioiellino con pochissimi posti a sedere e dall’atmosfera incredibilmente accogliente, e poi si torna a passeggiare sul lungo fiume o tra le stradine di pietra che improvvisamente sbucano su quelle asfaltate.

Saint-Valery-Sur-Somme.

Saint-Valery è la Piccardia: un intreccio di periodi storici e di stili, un orologio che si è fermato in epoche diverse a seconda del percorso che si sceglie. È un luogo che dipende dalla sua natura quanto dalla sua storia e che non si è mai lasciato affascinare troppo dal ventunesimo secolo.


 Leggi anche: Nord della Francia on the road: 5 luoghi poco noti da non perdere


Saint-Valery, però, è anche la Francia settentrionale, con le case dai tetti spioventi e scuri e il cielo così timido da essere quasi sempre coperto, anche se in continuo cambiamento.

Saint-Valery-Sur-Somme.

Informazioni per percorrere il Chemin de Fer

Il costo del biglietto (andata e ritorno) per il Chemin de Fer da Le Crotoy a Saint-Valery è di 13,70€ per gli adulti e di 10,20€ per i ragazzi dai 4 ai 18 anni. Per maggiori informazioni Chemin de Fer de la Baie de la Somme.

Chemin de fer de la Baie de la Somme.

Dove dormire nella Baie de la Somme


Dove dormire nella Baie de la SommeDurante il mio viaggio in Piccardia ho soggiornato a Le Crotoy al Résidence Pierre & Vacances La Plage*.

La struttura offre diverse tipologie di alloggio, dalla classica camera ai mini appartamenti dotati di cucina, l’ideale se volete essere completamente autonomi o se viaggiate in gruppo. Il residence si affaccia sulla baia e ha una grande piscina esterna, oltre che una interna.


Siete mai stati in Piccardia e a Le Crotoy? Vi piacerebbe? Lasciate un commento 🙂

Divisore tag
Informazioni

Le foto sono state scattate con una Nikon Coolpix S210*, per vedere le altre di Le Crotoy e della Piccardia sfogliate il mio album su Flickr.


*All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se decidete di effettuare una prenotazione o di fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie ❤

Potrebbero interessarti:

14 Comments

  1. 1
  2. 3
  3. 5
  4. 7
  5. 9
  6. 11
  7. 13

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *