Ciò che conservo del duemilasedici

Il duemilasedici è giunto alla fine. Io raccolgo tutto ciò che mi ha regalato e decido cosa portare con me anche nel 2017. Una pagina di diario per ricordare l’anno appena trascorso.

Ripensando al mio duemilasedici avevo iniziato a scrivere un post piuttosto schematico, simile a quello che avevo pubblicato lo scorso anno. Mentre digitavo le lettere sulla tastiera però mi sono resa conto che non ero per niente in vena. Sì, volevo raccogliere tutti i pezzi di quest’anno e vedere che disegno ne risultava, come quando si fa un puzzle senza sapere cosa raffigura, ma non così.

È stato un anno pieno di alti e bassi, a tratti caotico, a tratti incredibilmente piatto. Va bene, tutti gli anni sono così, ma in questo il 2016 ha dato davvero il meglio di sé. Non voglio però concentrarmi sui problemi, sui mille dubbi e i momenti di panico, ma sulle cose belle, su quei ricordi che voglio portare con me anche nel 2017.

ciò che conservo del 2016

Voglio conservare le sensazioni provate dopo l’ultimo esame universitario di febbraio, un misto sollievo e incertezza che però era stranamente eccitante, e anche quelle provate dopo la discussione di laurea di novembre, quando ho ricominciato a sentire le gambe e a respirare come si deve. Il prima forse è meglio dimenticarlo.

Voglio mettere in valigia tutte quelle esperienze che mi hanno permesso di tener fede a molti dei miei buoni propositi di gennaio, perché proprio loro mi hanno regalato tanto.

Avevo detto che avrei voluto farmi fotografare un pochino di più e, anche se ho clamorosamente fallito il 99% dei giorni, ce n’è uno che fa la differenza. Sono uscita da quella famosa comfort zone della quale tutti parlano e, non solo mi sono fatta fotografare, ma ho partecipato anche alle riprese di un video (sì, anche se soffro di attacchi di ansia quando devo fare una fototessera nuova). Non ho la minima intenzione di riguardarlo, perché non mi sembro io, ma va bene così.

Una foto pubblicata da Martinaway (@martinasgorlon) in data:

C’era però un proposito al quale tenevo di più: uscire da internet e incontrare altri con le mie stesse passioni. Il mantenerlo mi ha regalato i ricordi più belli di questo duemilasedici ormai giunto alla fine.

Ho festeggiato il primo compleanno di Instagramers Verona, passeggiando con loro per la città addobbata ad arte in occasione di San Valentino, e ho partecipato all’Instameet a Cittadella organizzato da Instagramers Padova in collaborazione con Canon Italia.

Una foto pubblicata da Martinaway (@martinasgorlon) in data:

Ho visitato Milano con il gruppo di #milanoAColori, il mio primo blog tour, e ho conosciuto tanti colleghi con i quali avevo solo chiacchierato online. Una di loro è entrata nella mia vita prima piano piano, poi come un uragano dal sorriso contagioso.

Con Agnese ho condiviso tante altre esperienze e progetti e, ora che siamo giunti alla fine dell’anno, posso dire che dopo tutti i rami secchi tagliati negli ultimi anni, eccone uno nuovo che spero di veder crescere per tanto tempo.

EnergyBox by Bros and Sonda

Con lei ho partecipato anche ad altri due blog tour. Il primo in Romagna, organizzato dall’hotel San Salvador. In quei giorni ho visto preparare la piadina, ho imparato a fare i gialletti, ho scoperto Santarcangelo di Romagna, ma ho anche fatto SUP per la prima volta e sono sopravvissuta. Lì ho finalmente conosciuto anche Anna, che mi ha regalato tante risate quante me ne regala con ogni suo post.

Gialletti al San Salvador Hotel

Il secondo invece in Slovenia, con BIG BERRY, anche questo uno scrigno pieno di prime volte. La prima volta in terra slovena, il primo blog tour all’estero, il primo brindisi con le gambe immerse in un fiume ghiacciato per salutare l’estate. Insieme ad Agnese c’era anche Diletta e con loro condivido ricordi incredibili: la musica a tutto volume, le risate, i picnic improvvisati e gli incontri più strani.

Lubiana

Il terzo invece mi ha portato di nuovo in Romagna, questa volta in occasione della Settimana del Buon Vivere di Forlì. Non solo ho scoperto più nel dettaglio un territorio ricchissimo di tradizioni e bellezze, ma ho anche conosciuto molte persone che, una dopo l’altra, mi hanno insegnato tanto e mi hanno fatto sentire veramente a casa.

B&B Calicanto

Nel 2016 il blog ha compiuto tre anni e, anche se non sono riuscita a tradurlo in inglese come speravo, mi ha comunque regalato tante soddisfazioni: dalla conclusione del progetto #BloggerBackTo, all’intervista in occasione di Sol&Agrifood, passando per le collaborazioni con Safarà Editore (due viaggi letterari, prima a Praga e poi in Islanda).

Il progetto dell’anno è senza alcun dubbio #exploreading, creato a settembre con Agnese. È riuscito a regalarci tanti piccoli sorrisi, soprattutto a dicembre, quando, in occasione del Natale, abbiamo organizzato un piccolo scambio di regali tra sconosciuti.

Una foto pubblicata da Martinaway (@martinasgorlon) in data:

Sicuramente è stato un anno di viaggi: la Slovenia e tanta, tanta Italia. Ho trascorso un paio di giorni in Toscana in primavera, divisa tra Pisa e Lucca, che mi ha davvero sorpreso. Ho passeggiato per Bologna per qualche ora, ho incollato gli occhi sulle foto di Steve McCurry grazie ad una mostra organizzata a Pordenone, ho fatto pace con il mare in Sardegna e ho realizzato un TravelDream2016 visitando Napoli e la Costiera Amalfitana. Poi ci sono state anche Milano, Venezia, Verona, Rimini.

Positano

Non ho nominato tutte le persone che hanno fatto parte di questo 2016, né tutte le piccole soddisfazioni e gioie quotidiane che lo ho raccolto lungo la strada, ma senza ogni minuscolo tassello, quest’anno non sarebbe stato quello che è stato.

Ora sono pronta per il 2017. Si accettano scommesse.

Una foto pubblicata da Martinaway (@martinasgorlon) in data:

P.S. Con la fine di gennaio partiranno le nuove newsletter. Non solo viaggi, ma anche libri, pensieri sparsi e un piccolo regalino ogni mese. Se vuoi iscriverti e far parte di questo piccolo gruppo di amici, sei il/la benvenuto/a! Il primo regalo arriva già domani 😉

INFO

Se vuoi leggere o rileggere le pagine di diario scritte mese dopo mese:

You May Also Like

12 Comments

  1. 1

    È stato bellissimo conoscerti! Anche se pure per me non è stato un anno dei migliori. Se dovessi scegliere una parola per descriverlo direi “ansia” -__-

    • 2

      Ahaha “ansia” è perfetta anche per me in molti casi, soprattutto se ripenso agli ultimi mesi dell’anno 😉
      Speriamo bene ora 😉
      A presto!

  2. 3
  3. 5
    • 6

      Grazie 🙂
      Il tuo è davvero un bell’augurio, chi lo sa cosa porterà questo nuovo anno 🙂
      Un abbraccio e buon 2017 ❤

  4. 7

    Hai viaggiato tantissimo Martina, soprattutto considerando che hai aggiunto pure la discussione della laurea 🙂
    La cosa più bella è sicuramente il fatto di aver incontrato altre persone, come Anna, Diletta e Agnese, che condividono la stessa passione, e averle conosciute personalmente come nel tuo caso dev’essere stato davvero bello.
    Tanti auguri per il 2017!

    • 8

      Nel 2016 si sono mescolate tante cose diverse, ma hai ragione: le persone sono state il regalo più bello 🙂
      Tanti auguri anche a te, un abbraccio ❤

  5. 9

    Ma non ci penso nemmeno ad annullare in futuro l’iscrizione alla tua newsletter hahaha toglila pure quell’opzione! 😉
    Credo di non affermare il falso se dicessi che incontrare di persona gli altri blogger sia stata la cosa più bella, senza nulla togliere a viaggi/laurea!
    Inboccallupo per tutto Martina!
    :*

    • 10

      Ahahah grazie 😉
      Assolutamente, è stata la cosa più bella, sia per il confronto che per i rapporti che ne sono nati. Un bellissimo regalo del 2016 🙂
      In bocca al lupo anche a te 🙂 ❤

  6. 11

    Aaaaaah Marti! Non so che cosa dire! Ho riletto quel mini paragrafo dieci volte e sono tanto contenta, e anche non poco commossa!
    Sai già quello che penso, il 2016 e il blog mi hanno regalato tante cose bellissime e una di queste è sicuramente la tua amicizia. Dai blog tour all’allenamento a distanza, grazie!! Io non ho nessuna intenzione di trasformarmi in un ramo secco (anche perché io e la parola “secco” non stiamo bene insieme), e non vedo l’ora di vivere insieme tante altre avventure!! 🙂

    • 12

      Ma ciao ❤
      Non potevo parlare del 2016 senza parlare di te. Spero anche io! Che ne dici, ce lo facciamo un viaggio insieme il prossimo anno? 😉
      Ti mando un abbraccio fortissimo da lontano 😉 ❤

Rispondi